Mario & Sonic ai Giochi Olimpici Invernali di Sochi 2014

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mario & Sonic ai Giochi Olimpici Invernali di Sochi 2014
Mario&Sonic Sochi.png
Copertina italiana.
Titolo originale マリオ&ソニック AT ソチオリンピック
Sviluppo SEGA
Pubblicazione Nintendo
Ideazione Hiroshi Miyamoto (direttore)
Nobuya Ohashi (produttore)
Eigo Kasahara (produttore)
Toyokazu Nonaka (produttore)
Serie Mario
Sonic the Hedgehog
Data di pubblicazione Wii U:
Giappone 5 dicembre 2013
Flags of Canada and the United States.svg 15 novembre 2013
Zona PAL 8 novembre 2013
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 9 novembre 2013
Nintendo eShop:
Giappone 5 dicembre 2013
Genere Giochi olimpici
Modalità di gioco Giocatore singolo, multigiocatore
Piattaforma Wii U
Distribuzione digitale Nintendo eShop
Supporto Nintendo Optical Disc, download
Fascia di età CERO: A
ESRB: E
OFLC (AU): G
PEGI: 3+
Periferiche di input Wii U GamePad, Wii Remote Plus, Nunchuk
Preceduto da Mario & Sonic ai Giochi Olimpici di Londra 2012
Seguito da Mario & Sonic ai Giochi Olimpici di Rio 2016[1]

Mario & Sonic ai Giochi Olimpici Invernali di Sochi 2014 (マリオ&ソニック AT ソチオリンピック Mario ando Sonikku ATO Sochi Orinpikku?, lett. Mario & Sonic alle Olimpiadi di Sochi) è il quarto capitolo della serie Mario & Sonic ai Giochi Olimpici. È il primo capitolo della serie ad uscire per Wii U, ed è l'unico a non avere una versione per console portatile. Nel gioco sono presenti sedici eventi olimpici invernali. A seconda dell'evento sarà necessario utilizzare il Wii U GamePad o il Wii Remote Plus. Nel gioco sono anche presenti otto eventi sogno ambientati in aree speciali, tra le quali quelle del mondo di Mario e del mondo di Sonic, in cui i personaggi possono usare le loro abilità speciali. L'evento Campione d'inverno è un mix di vari eventi olimpici.

Modalità[modifica | modifica wikitesto]

Sono disponibili diverse modalità di gioco:

  • Partita singola: partite di un evento a scelta del giocatore;
  • Delirio medley: delle sfide composte da serie di più eventi;
  • VS Mondiale: partite in Wi-Fi contro giocatori di tutto il mondo;
  • Scontro tra leggende: i 20 personaggi partecipano ad uno scontro in cui dovranno completare livelli e sconfiggere Boss per ottenere un trofeo;
  • Quiz e abilità: un evento per più giocatori, unisce un quiz ad eventi olimpici.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Eventi olimpici[modifica | modifica wikitesto]

  • Sci alpino, discesa libera
  • Salto dal trampolino lungo
  • Freestyle Moguls
  • Freestyle Ski Cross
  • Biathlon
  • Snowboard, slalom gigante parallelo
  • Snowboard Slopstyle
  • Snow Cross
  • Pattinaggio di Velocità 500 m
  • Pattinaggio di Velocità Short Track 1000 m
  • Pattinaggio di figura singolo
  • Pattinaggio di figura doppio
  • Skeleton
  • Bob a 4
  • Hockey su ghiaccio
  • Curling

Eventi sogno[modifica | modifica wikitesto]

  • Campione d'inverno
  • Snowboard Groove
  • Pattinaggio spettacolare
  • Bobtagne Russe
  • Hockey su strade ghiacciate
  • Curling Ace
  • Battaglia di neve
  • Corsa di slitte con Pallottolo Bill

Doppiaggio italiano[modifica | modifica wikitesto]

Solo i personaggi di Sonic sono doppiati in italiano. Quelli di Mario vengono lasciati nella lingua originale inglese. Metal Sonic non è doppiato come di tradizione.

Espio è un cameraman, Charmy un arbitro nel pattinaggio e Cream appare in dei minigiochi nel quiz e abilità e raramente nel tg invernale ma non sono doppiati. Orbot e Cubot sono doppiati rispettivamente da Massimo Di Benedetto e Luca Sandri. Eggman Nega è sempre doppiato da Aldo Stella, mentre Jet da Andrea De Nisco che è anche il commentatore.

Di seguito i doppiatori dei personaggi principali della serie, esclusi Metal Sonic, Cream, Espio e Charmy che non sono doppiati.

  • Renato Novara: Sonic
  • Benedetta Ponticelli: Tails
  • Maurizio Merluzzo: Knuckles
  • Aldo Stella: Eggman
  • Serena Clerici: Amy
  • Claudio Moneta: Shadow
  • Davide Albano: Silver
  • Tania De Domenico: Blaze
  • Diego Sabre: Vector
  • Jasmine Laurenti: Rouge
  • Marco Pagani: Omega

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annunciato in un Nintendo Direct giapponese del 31 maggio 2015

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]