Marielle Heller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marielle Heller al Maryland Film Festival nel 2016

Marielle Stiles Heller (Contea di Marin, 1º ottobre 1979) è una regista, sceneggiatrice e attrice statunitense.

È nota soprattutto per aver diretto i film Copia originale (2018) e Un amico straordinario (2019).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Marielle Heller è nata da Steve Heller, un chiropratico e da sua moglie Annie, un'artista e insegnante d'arte.[1] È cresciuta ad Alameda insieme al fratello e alla sorella minori, Nate ed Emily.[1] Da bambina ha iniziato a recitare in vari spettacoli dell'Alameda Children's Musical Theater, interpretando, tra gli altri, il ruolo di Rabbit in Winnie the Pooh, di Templeton ne La tela di Carlotta, e di Polly ne Il nipote del mago.[1] Ha recitato anche in alcuni spettacoli della scuola superiore Saint Joseph Notre Dame, presso la quale si è diplomata nel 1997.[1][2] In seguito ha studiato teatro all'Università della California, Los Angeles (UCLA) e alla Royal Academy of Dramatic Art di Londra.[3]

Dopo aver fatto ritorno negli Stati Uniti, ha lavorato come attrice al Magic Theatre, al American Conservatory Theater, al Berkeley Repertory Theatre e al La Jolla Playhouse.[1] Ha preso parte all'anteprima mondiale dell spettacolo Continental Divide diretto da Tony Taccone.[4] Inoltre ha recitato in singoli episodi delle serie televisive Spin City (2002) e Single Dads (2009),[5] e ha avuto un ruolo minore nel film MacGruber, diretto dal marito Jorma Taccone (2010).

Nel 2015 Heller ha debuttato come regista e sceneggiatrice con il film Diario di una teenager, basato sul graphic novel The Diary of a Teenage Girl: An Account in Words and Pictures di Phoebe Gloeckner,[6] che le era stato regalato per Natale dalla sorella nel 2006.[1] Il film è stato proiettato in anteprima al Sundance Film Festival, dove è stato apprezzato dalla critica e candidato al Gran premio della giuria.[7] Inoltre ha vinto il Gran premio della "Generazione 14plus" al Festival internazionale del cinema di Berlino e il premio al miglior film d'esordio agli Independent Spirit Awards.[8]

In seguito Heller ha diretto il film Copia originale (2018), basato sull'autobiografia della scrittrice e falsaria Lee Israel, interpretata nella pellicola da Melissa McCarthy.[9] Ambientato negli anni novanta, il film è stato girato con un budget limitato nelle librerie in cui Israel aveva venduto i suoi falsi, tra cui Argosy Bookstore and Westsider Rare & Used Books.[9][1] Il film è stato candidato ai premi Oscar per le interpretazioni di McCarthy e Richard E. Grant e per la sceneggiatura di Nicole Holofcener e Jeff Whitty.

Nel 2019 è uscito il terza pellicola di Heller, Un amico straordinario. Girato a Pittsburgh,[1] il film è basato su un'intervista fatta dal giornalista Tom Junod per la rivista Esquire all'icona della TV per bambini Fred Rogers.[9] La sceneggiatura è stata scritta dagli sceneggiatori Micah Fitzerman-Blue e Noah Harpster.[10]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Heller è sposata dal 2007 con il comico Jorma Taccone,[11] che ha conosciuto durante il periodo di studi all'UCLA.[1] I due hanno un figlio, Wylie Red Heller Taccone, nato nel dicembre del 2014,[12] e vivono a Brooklyn.[1]

Il fratello di Heller, Nate, è un musicista e ha composto la colonna sonora per Diario di una teenager e Copia originale.[1] Sua sorella, Emily, è una comica, nonché produttrice e sceneggiatrice della serie televisiva Barry di HBO.[1] Suo cognato, Asa Taccone, è il cantante della band Electric Guest, mentre suo suocero, Tony Taccone, è un regista teatrale.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) Edward Guthmann, Alameda’s Marielle Heller Is One Hot Hollywood Director, su oaklandmagazine.com, Oakland Magazine, 15 ottobre 2018. URL consultato il 18 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2018).
  2. ^ (EN) Marielle Heller '97, su sjnd.org, Saint Joseph Notre Dame High School, 19 marzo 2014. URL consultato il 18 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2019).
  3. ^ (EN) Marielle Heller, su playscripts.com, Playscripts, Inc.. URL consultato il 9 marzo 2016.
  4. ^ (EN) 21 Questions with Marielle Heller, su thenervousbreakdown.com, 6 giugno 2010. URL consultato il 18 dicembre 2018.
  5. ^ (EN) Antora Majumdar, TIFF 2018 Women Directors: Meet Marielle Heller — “Can You Ever Forgive Me?”, su womenandhollywood.com, Women and Hollywood, 6 settembre 2018. URL consultato il 3 gennaio 2019.
  6. ^ (EN) C. Molly Smith, 'Diary of a Teenage Girl' challenged perceptions of young women and sex, su ew.com, EW, 29 gennaio 2016. URL consultato il 18 dicembre 2018.
  7. ^ (EN) Marielle Heller, MARIELLE HELLER AT THE SUNDANCE DIRECTORS LAB, PART ONE, su filmmakermagazine.com, Filmmaker Magazine, 7 giugno 2012. URL consultato il 18 dicembre 2018.
  8. ^ (EN) Prizes & Honours 2015, su berlinale.de, www.berlinale.de. URL consultato l'11 luglio 2018.
  9. ^ a b c (EN) Ben Milder, Groucho, can you ever forgive me?, in Survey of Ophthalmology, vol. 30, n. 6, maggio 1986, p. 404, DOI:10.1016/0039-6257(86)90097-4.
  10. ^ (EN) Joey Nolfi, Marielle Heller insists Tom Hanks' 'beautiful' Mr. Rogers movie 'not a biopic,' reveals plot details, su msn.com, MSN, 19 marzo 2018. URL consultato il 18 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2018).
  11. ^ (EN) Rachel Handler, "The Diary of a Teenage Girl" Director Marielle Heller Is Here to Remind You: Women Have Sexual Thoughts Too, su cosmopolitan.com, Cosmopolitan, 6 agosto 2015. URL consultato il 18 dicembre 2018.
  12. ^ (EN) Gregg Goldstein, 10 Directors to Watch: Secrets of Marielle Heller’s Sundance ‘Diary’, su variety.com, Variety, 3 gennaio 2015. URL consultato il 18 dicembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9409147425873645040009 · LCCN (ENno2016018733 · GND (DE1096841851 · WorldCat Identities (ENlccn-no2016018733