Maria Laura Rodotà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Laura Rodotà nel 2010 al Festival internazionale del giornalismo di Perugia

Maria Laura Rodotà (Roma, 25 settembre 1961) è una giornalista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È figlia di Stefano Rodotà, giurista, politico ed ex presidente dell'Autorità garante per la protezione dei dati personali, e della giornalista Carla Pogliano. È stata sposata con il collega Massimo Gramellini;[1] si è poi sposata in seconde nozze con Tonia Mastrobuoni.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stata segnalata dal padre a Claudio Sabelli Fioretti,[1] inizia a lavorare per questo ultimo nella redazione di Panorama come stagista. Si trasferisce poi per conto del settimanale a Washington, dove svolge il ruolo di corrispondente anche per l'Unità e Italia Radio. Tornata in Italia, entra nella redazione dell'Espresso al tempo diretto da Claudio Rinaldi, andando poi a scrivere per La Stampa con Gianni Riotta e Marcello Sorgi.[1][3] Successivamente dirige la rivista mensile Amica.[1][4][5] Diviene poi editorialista del Corriere della Sera; per la testata milanese, ha inoltre tenuto per vari anni sul sito web del quotidiano il forum Avanti Pop, e cura una posta del cuore sull'allegato Sette.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Claudio Sabelli Fioretti, Interviste – Maria Laura Rodotà, interviste.sabellifioretti.it, 16 gennaio 2003.
  2. ^ Maria Laura Rodotà e Tonia Mastrobuoni si sono sposate, giornalettismo.com, 19 febbraio 2016.
  3. ^ Alessandra Corica, Maria Laura Rodotà: "Sono ancora un’imbecille di sinistra", lasestina.unimi.it, 7 aprile 2009. (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2012).
  4. ^ Bia Sarasini, Lotta di testate per lettrici molto ideali, archivio.donnealtri.it, 29 dicembre 2002. (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2012).
  5. ^ La direttora di Crescenzago, primaonline.it, giugno 2002. (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2012).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]