Maria Laura Rodotà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maria Laura Rodotà nel 2010 al Festival internazionale del giornalismo di Perugia

Maria Laura Rodotà (Roma, 25 settembre 1961) è una giornalista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È figlia di Stefano Rodotà, giurista, politico ed ex presidente dell'Autorità garante per la protezione dei dati personali, e della giornalista Carla Pogliano. È laureata in Filosofia alla Sapienza - Università di Roma. È stata sposata con il collega Massimo Gramellini;[1] ha fatto poi coming out sposando in seconde nozze la collega Tonia Mastrobuoni.[2]

Dopo essere stata segnalata dal padre a Claudio Sabelli Fioretti,[1] inizia a lavorare per questo ultimo nella redazione di Panorama come stagista. Si trasferisce poi per conto del settimanale a Washington, dove svolge il ruolo di corrispondente anche per l'Unità e Italia Radio. Tornata in Italia, entra nella redazione dell'Espresso, al tempo diretto da Claudio Rinaldi, andando poi a scrivere per La Stampa con Gianni Riotta e Marcello Sorgi.[1][3] Successivamente dirige la rivista mensile Amica.[1][4][5]

Diviene poi editorialista del Corriere della Sera; per la testata milanese ha inoltre tenuto per vari anni sul sito web del quotidiano il forum Avanti Pop, e curato una posta del cuore sull'allegato Sette.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Claudio Sabelli Fioretti, Interviste – Maria Laura Rodotà, su interviste.sabellifioretti.it, 16 gennaio 2003.
  2. ^ Maria Laura Rodotà e Tonia Mastrobuoni si sono sposate, su giornalettismo.com, 19 febbraio 2016.
  3. ^ Alessandra Corica, Maria Laura Rodotà: "Sono ancora un’imbecille di sinistra", su lasestina.unimi.it, 7 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2012).
  4. ^ Bia Sarasini, Lotta di testate per lettrici molto ideali, su archivio.donnealtri.it, 29 dicembre 2002 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2012).
  5. ^ La direttora di Crescenzago, su primaonline.it, giugno 2002 (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2012).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN21402284 · ISNI (EN0000 0000 3516 3302 · LCCN (ENn96036735 · WorldCat Identities (ENlccn-n96036735