Maria Barroso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maria de Jesus Simões Barroso Soares
Maria Barroso.2013.JPG

Portogallo First Lady del Portogallo
Durata mandato 9 marzo 1986
9 marzo 1996
Predecessore Manuela Ramalho Eanes
Successore Maria José Ritta

Dati generali
Partito politico Partito Socialista
Università Università di Lisbona

Maria de Jesus Simões Barroso Soares (Fuseta, 2 maggio 1925São Domingos de Benfica, 7 luglio 2015) è stata un'ex attrice e politica portoghese[1][2], moglie del presidente del Portogallo Mario Soares e First Lady del Portogallo tra il 1986 e 1996.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Alfredo José Barroso, militare di Alvor (Algarve) e di Maria da Encarnação Simões, di Fuseta, Olhão.

Mentre era all'università, si esibì al National Theatre per quattro anni, ma in seguito fu rimossa per le sue posizioni politiche di membro dell'opposizione democratica al regime di Antonio Salazar. Anche se era qualificata per farlo, durante i regimi di Salazar e Marcelo Caetano, le fu proibito insegnare, persino nelle scuole private.

Maria Barroso sposò il suo collega di università Mario Soares nel 1949 al 3 ° Conservatorio del Registro Civile di Lisbona,[3] mentre era nella prigione di Aljube. Hanno avuto un figlio, il politico João Soares, nato nel 1949, e una figlia, Isabel Barroso Soares, nata nel 1951, che gestisce il Colégio Moderno a Lisbona.[4]

Sebbene non fosse politicamente impegnata come suo marito, Maria Barroso è stata membro fondatore del Partito socialista a Bad Münstereifel, in Germania, nel 1973. È stata presidente della Fondazione Aristides Sousa Mendes, dell'Associazione Pro Dignitate e capo della Croce Rossa portoghese per molti anni.

Maria Barroso ha conseguito una laurea in Scienze storiche e filosofiche presso la Facoltà di Lettere di Lisbona e il corso di Arti drammatiche presso il Conservatorio nazionale. È stata membro della Compagnia nazionale dei teatri portoghesi e una delle attrici più famose del teatro e del cinema in Portogallo. Nell'aprile 2000 ha letto la poesia di Sophia de Mello Breyner Andresen alle Nazioni Unite a New York in omaggio a Aristides Sousa Mendes[5]. È stata coinvolta in attività volte a sostenere le aree della cultura, dell'istruzione e della famiglia, dell'infanzia, della solidarietà sociale, della dimensione femminile, della salute, dell'integrazione dei disabili e della prevenzione della violenza.

Malattia e morte[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2015 è stata sottoposta a cure mediche all'ospedale della Croce Rossa di Lisbona, in seguito a un incidente domestico. Secondo la famiglia, cadde, poi fu trasportata all'ospedale. I primi esami non rivelarono nulla, ma le sue condizioni peggiorarono e i nuovi esami rivelarono un'estesa emorragia intracranica. Entrò in coma e suo nipote, il chirurgo Eduardo Barroso, classificò la situazione come "critica" e "molto probabilmente irreversibile". È morta la mattina del 7 luglio 2015[6].

Premi e onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Gran Croce dell'Ordine della libertà[7] - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine della libertà[7]
— 8 marzo 1997
Medaglia della Croce Rossa portoghese[8] - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia della Croce Rossa portoghese[8]
Gran Croce dell'Ordine di Santa Isabella - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Santa Isabella

Straniere[modifica | modifica wikitesto]

Gran Croce dell'Ordine del Rio Branco - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine del Rio Branco
Gran Croce dell'Ordine di Boyacá - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Boyacá
Gran Croce dell'Ordine nazionale del Leopardo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine nazionale del Leopardo
Gran Croce dell'Ordine della Rosa bianca - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine della Rosa bianca
immagine del nastrino non ancora presente Gran Croce dell'Ordine nazionale al merito
Gran Croce dell'Ordine al merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine al merito
— 1991
Gran Croce dell'Ordine pro merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine pro merito
Gran Croce dell'Ordine militare e civile di Adolfo di Nassau - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine militare e civile di Adolfo di Nassau
Gran Croce dell'Ordine al merito del Granducato di Lussemburgo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine al merito del Granducato di Lussemburgo
Gran Croce dell'Ordine della Casata d'Orange - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine della Casata d'Orange
Gran Croce dell'Ordine di Carlo III[9] - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Carlo III[9]
Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare
Gran Croce dell'Ordine di Francisco de Miranda - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Francisco de Miranda

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • Dottore Honoris causa dell'Università di Aveiro
  • Dottore Honoris causa dell'Università di Lisbona
  • Dottore Honoris causa del Lesley College, Boston
  • Docente Onoraria della Società di Studi Internazionali, Madrid
  • Premio "Impegno Per La Pace" dell'Associazione Insieme per la Pace, Roma
  • Premio "Beca" del Colégio Mayor Zurbaran, Madrid
  • Medaglia d'oro per distinto servizio della Lega of Portuguese Firemen
  • Medaglia della Solidarietà di CNAF
  • Medaglia d'argento del premio Alcuin
  • Medaglia d'oro di FERLAP
  • Medaglia d'oro della Città di Ovar
  • Medaglia d'oro della Città di Olhão
  • Medaglia d'oro della Città di Faro
  • Personalità dell'anno 1998 per la solidarietà del Magazine Revista Gente e Viagem
  • Algarvia dell'anno 1997 dall'Associazioen delle stampa della regione di Algarve
  • Donna più elegante dell'anno 1998 – Magazine Revista VIP
  • Collana dell'Accademia Internazionale della Cultura portoghese
  • Premio "One in ten women of the year 1999" - Brasile
  • Premio D. Antónia Ferreira
  • Premio Prestige
  • Trofeo Manus Cais
  • Premio Lonely Life – Radio Central FM, Leiria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Phil Mailer, Portugal, the impossible revolution?, Black Rose Books Ltd., 1º gennaio 1996, pp. 52, ISBN 978-0-919618-33-6. URL consultato il 5 aprile 2011.
  2. ^ Peter Cowie e Derek Elley, World Filmography: 1967, Fairleigh Dickinson Univ Press, 1977, p. 474, ISBN 978-0-498-01565-6. URL consultato il 5 aprile 2011.
  3. ^ Current Biography Yearbook.
  4. ^ Biography: Maria de Jesus Simões Barroso Soares, su prodignitate.pt. URL consultato il 7 luglio 2015.
  5. ^ En hommage à Aristides de Sousa Mendes, su aristidesdesousamendes.com. URL consultato il 7 luglio 2015.
  6. ^ Former First Lady dies, su theportugalnews.com. URL consultato il 7 luglio 2015.
  7. ^ list of Maria's honours (PDF), su prodignitate.pt. URL consultato il 4 aprile 2017.
  8. ^ Medalhas de Cruz Vermelha Portuguesa, su acd-faleristica.com.
  9. ^ Foto con Sofia di Grecia (JPG), su cadenaser00.epimg.net.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54957648 · ISNI (EN0000 0000 7860 4956 · LCCN (ENn96041850 · GND (DE119420961 · WorldCat Identities (ENlccn-n96041850