Maria Amalia d'Asburgo (1724-1730)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Anna d'Asburgo
Andreas Moeller 003.jpg
Maria Amalia d'Asburgo in un ritratto di Andreas Moeller, 1727.
arciduchessa d'Austria
Nome completo Maria Amalia von Habsburg
Trattamento Sua altezza imperiale e reale
Altri titoli Arciduchessa d'Austria
Principessa reale di Ungheria
Principessa reale di Boemia
Principessa reale di Croazia e Slavonia
Principessa reale di Germania
Principessa imperiale del S.R.I.
Nascita Palazzo di Hofburg, Vienna, Austria, 5 aprile 1724
Morte Vienna, Austria, 19 aprile 1730
Luogo di sepoltura Cripta Imperiale, Vienna
Dinastia Asburgo
Padre Carlo VI, Sacro Romano Imperatore
Madre Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel
Religione cattolicesimo

Maria Amalia d'Asburgo, arciduchessa d'Austria (Vienna, 5 aprile 1724Vienna, 19 aprile 1730), era l'ultima figlia dell'imperatore Carlo VI e di sua moglie Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel. Fu la sorella minore dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La coppia imperiale ebbe come primogenito un bambino, Leopoldo Giovanni, nato nel 1716, il quale però morì dopo pochi mesi di vita. Successivamente Elisabetta diede alla luce soltanto figlie femmine: Maria Teresa, nata nel 1717, Maria Anna, nata nel 1718, e Maria Amalia, nel 1724.

Carlo VI, appena poteva, cercava di trascorrere del tempo in compagnia delle figlie.

Maria Amalia visse soltanto sei anni, e venne sepolta nella Cripta Imperiale di Vienna, mentre le sue viscere sono conservate nello Stephansdom. Le sorelle maggiori riuscirono invece a raggiungere l'età adulta e a sposarsi.

Maria Amalia, in effetti, fu l'ultima nata degli Asburgo d'Austria. Dopo la morte di suo padre, non avendo avuto questi figli maschi, la corona imperiale passò a Francesco Stefano di Lorena, suo genero in quanto consorte di Maria Teresa. La dinastia Asburgo d'Austria si estinse: Maria Teresa e Francesco Stefano diedero inizio alla dinastia Asburgo-Lorena.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Sacro Romano Impero (1519-1740)
Casa d'Asburgo
Max I wapp.svg

Carlo V (1519-1556)
Figli
Ferdinando I (1556-1563)
Massimiliano II (1563-1576)
Figli
Rodolfo II (1576-1612)
Mattia (1612-1619)
Ferdinando II (1619-1637)
Figli
Ferdinando III (1637-1657)
Figli
Ferdinando IV (1653-1654)
Leopoldo I (1658-1705)
Figli
Giuseppe I (1705-1711)
Carlo VI (1711-1740)
Maria Teresa (1745-1780)
come consorte di Francesco I (1745-1765)
Modifica
Albero genealogico di quattro generazioni di Maria Amalia
Maria Amalia Padre:
Carlo VI d'Asburgo
Nonno paterno:
Leopoldo I d'Asburgo
Bisnonno paterno:
Ferdinando III d'Asburgo
Trisnonno paterno:
Ferdinando II d'Asburgo
Trisnonna paterna:
Maria Anna di Baviera
Bisnonna paterna:
Maria Anna di Spagna
Trisnonno paterno:
Filippo III di Spagna
Trisnonna paterna:
Margherita d'Austria-Stiria
Nonna paterna:
Eleonora del Palatinato-Neuburg
Bisnonno paterno:
Filippo Guglielmo del Palatinato
Trisnonno paterno:
Wolfgang Guglielmo del Palatinato-Neuburg
Trisnonna paterna:
Maddalena di Baviera
Bisnonna paterna:
Elisabetta Amalia d'Assia-Darmstadt
Trisnonno paterno:
Giorgio II d'Assia-Darmstadt
Trisnonna paterna:
Sofia Eleonora di Sassonia
Madre:
Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel
Nonno materno:
Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg
Bisnonno materno:
Antonio Ulrico di Brunswick-Lüneburg
Trisnonno materno:
Augusto di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna materna:
Dorotea di Anhalt-Zerbst
Bisnonna materna:
Elisabetta Giuliana di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Norburg
Trisnonno materno:
Federico di Schleswig-Holstein-Sønderborg-Nordborg
Trisnonna materna:
Eleonora di Anhalt-Zerbst
Nonna materna:
Cristina Luisa di Öttingen-Öttingen
Bisnonno materno:
Alberto Ernesto I di Öttingen-Öttingen
Trisnonno materno:
Gioacchino Ernesto di Öttingen-Öttingen
Trisnonna materna:
Anna Dorotea di Hohenlohe-Neuenstein
Bisnonna materna:
Cristina Federica di Württemberg
Trisnonno materno:
Eberardo III di Württemberg
Trisnonna materna:
Anna Caterina di Salm-Kyrburg

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]