Mari stregati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mari stregati
Titolo originaleOn Stranger Tides
AutoreTim Powers
1ª ed. originale1987
1ª ed. italiana1994
Genereromanzo
Sottogenerefantasy storico
Lingua originaleinglese
AmbientazioneMar dei Caraibi, 1718
ProtagonistiJohn Chandagnac

Mari stregati (On Stranger Tides) è un romanzo fantasy storico del 1987 dello scrittore statunitense Tim Powers. In Italia è stato pubblicato nel 1994 da Fanucci Editore.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il libro descrive le avventure del giovane John Chandagnac, un burattinaio in viaggio verso la Giamaica alla ricerca di uno zio che non ha mai incontrato, apparentemente responsabile della morte di suo padre e scappato con l'eredità di famiglia. Durante il viaggio fa la conoscenza della giovane Beth Hurwood e di suo padre Benjamin, un vecchio professore di Oxford.

Poco prima di arrivare a destinazione il Vociferous Carmichael, la nave su cui sono imbarcati, viene attaccato dai pirati che, con l'aiuto del padre di Beth e del suo assistente medico Leo Friend, uccidono il capitano e costringono Chandagnac a unirsi alla loro ciurma. Chandagnac (ora soprannominato dalla ciurma Jack Shandy) viene quindi a sapere della terrificante storia di Benjamin Hurwood e della sua defunta moglie, e dei suoi piani di riportarla in vita che coinvolgono la figlia. Divenuto cuoco di bordo, dovrà cercare di guadagnarsi il rispetto della ciurma per poter un giorno diventare capitano e salvare Beth dai folli piani del padre. Nel corso della sua avventura, Jack Shandy dovrà avere a che fare con la onnipresente magia voodoo, ciurme di zombi e anche il celeberrimo pirata Barbanera, che è in cerca della leggendaria Fontana della Giovinezza per ottenere l'immortalità.

Influenze culturali[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Tim Powers, Mari stregati, 1ª ed., Fanucci Editore, 1994, p. 336, ISBN 88-347-0417-7.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ron Gilbert, On stranger Tides, GrumpyGamer, 20 settembre 2004.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]