Margherita di Lorena (1463-1521)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Beata Margherita di Lorena
Margaret of Lorraine.jpg
 

Duchessa di Alençon

 
Nascita1463
Morte1521
Venerata daChiesa cattolica
Beatificazione10 marzo 1921 da papa Benedetto XV
Ricorrenza2 novembre

Margherita di Lorena-Vaudémont (Vaudémont, 1463Mortagne-au-Perche, 2 novembre 1521) fu principessa di Lorena e duchessa di Alençon. Rimasta vedova, abbracciò la vita religiosa nel monastero delle clarisse di Argentan, dove morì in concetto di santità; il suo culto come beata fu confermato da papa Benedetto XV nel 1921.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Federico II, conte de Vaudémont e di Iolanda d'Angiò, fu allevata alla corte dello zio materno Renato ad Avignone e ricevette una formazione profondamente cristiana. Nel 1480 si ritirò presso la corte del fratello Renato in Lorena e la cognata Filippa si assunse l'incarico di continuare la sua educazione.[1]

Il 14 maggio 1488 sposò a Toul Renato, duca d'Alençon. Margherita, con l'aiuto del marito, si diede a migliorare la sorte della popolazione del ducato, sconvolto dall'appena terminata guerra dei cent'anni, alleggerendo le imposte e dedicandosi alle opere di carità.[1]

Renato, alla quale Margherita aveva dato tre figli, la lasciò vedova nel 1492: per conservare la tutela dei figli, fu costretta a lasciare la città di Alençon e a ritirarsi nel castello di Mauves, in Normandia, da dove continuò ad amministrare il suo feudo. Pur non trascurando i suoi doveri, visse una vita molto austera, ritirandosi frequentemente in preghiera presso le clarisse di Alençon.[1]

Dopo il matrimonio del primogenito Carlo, Margherita gli trasmise il potere, divise l'eredità tra i figli e si ritirò nel castello di Essay, dove prese a condurre una vita di grande ritiro e penitenza. Il vescovo di Séez le consigliò di mitigare il suo stile di vita e di abbracciare la vita religiosa in qualche monastero: ella si ritirò tra le clarisse del monastero di Argentan, da lei stessa fondato dopo la morte del marito.[1]

Concluso il noviziato, nel 1520 Margherita emise la sua professione: non accettò mai l'elezione a badessa, desiderando "morire da suddita dopo essere stata per troppo tempo sovrana".[1]

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Il suo culto come beata fu confermato dalla Sacra Congregazione romana dei riti e da papa Benedetto XV il 20 marzo 1921.[2]

Le sue spoglie erano custodite presso il monastero delle clarisse di Mortagne-au-Perche, ma furono profanate e disperse durante la Rivoluzione francese.[2]

Il suo elogio si legge nel Martirologio romano al 2 novembre.[3]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Margherita diede a Renato tre figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Marie-Odile Garrigues, BSS, vol. VIII (1967), col. 776.
  2. ^ a b Marie-Odile Garrigues, BSS, vol. VIII (1967), col. 777.
  3. ^ Martirologio romano (2004), p. 857.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Filippo Caraffa e Giuseppe Morelli (curr.), Bibliotheca Sanctorum (BSS), 12 voll., Istituto Giovanni XXIII nella Pontificia Università Lateranense, Roma 1961-1969.
  • Il martirologio romano. Riformato a norma dei decreti del Concilio ecumenico Vaticano II e promulgato da papa Giovanni Paolo II, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2004.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN35687869 · ISNI (EN0000 0000 8372 4071 · LCCN (ENn00060173 · GND (DE1032687665 · BNF (FRcb14609285p (data)