Margherita Vicario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Margherita Vicario
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Periodo di attività musicale2004 – in attività
EtichettaFiorirari, INRI[1]
Album pubblicati1
Studio1

Margherita Vicario (Roma, 13 febbraio 1988) è un'attrice e cantautrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 si laurea all’Accademia Europea d’Arte Drammatica e inizia a lavorare come attrice soprattutto per fiction e film, diretta al cinema da Fausto Brizzi, Antonio Manzini e Woody Allen e in televisione da Lamberto Bava, Michele Soavi e Riccardo Donna (I Cesaroni, Il Candidato, I Borgia)[2].

Parallelamente, approfondisce lo studio del canto con il soprano Silvia Gavarotti e fa per tre anni parte del gruppo Marcello e il Mio Amico Tommaso come corista e percussionista. Scrive e interpreta alcuni brani per colonne sonore di serie tv (Piper, Immaturi)[3].

Nel 2011, in un concorso di cortometraggi, si cimenta nel genere musical con Se riesco parto, un corto da lei scritto e diretto, vincendo i premi per Miglior Film, Miglior Attrice Protagonista e Migliori Musiche Originali[4]. Inizia così l'attività da solista e nel 2012 porta in scena, in un teatro di Roma, il suo primo spettacolo di canzoni Lem Lem – Liberi Esperimenti Musicali[5].

L'anno successivo è finalista del Premio Musicultura con un brano prodotto e arrangiato da Roberto Angelini e Daniele Rossi per l’etichetta Fiorirari[3]; nel 2014 esce il suo primo EP Esercizi Preparatori e subito dopo il primo album Minimal Musical, candidato al Premio Tenco come Opera Prima[3].

Nel 2015 è nel cast del film di Federico Micali L'universale, della commedia di Antonio Manzini Cristian e Palletta contro tutti, e nel 2016 nella commedia The Pills - Sempre meglio che lavorare[2].

Con la sua band partecipa al programma televisivo Cyrano L'amore fa miracoli, in onda su Rai 3.[6] Nel 2019 pubblica i singoli Abaué (Morte di un Trap Boy), Mandela e Romeo che anticipano un nuovo album di cui non è ancora nota la data di uscita. A novembre dello stesso anno, reinterpreta Noi non ci saremo di Francesco Guccini in occasione dell'uscita di Note di viaggio - Capitolo 1: Venite Avanti, raccolta in cui vari artisti italiani reinterpretano le più famose canzoni del cantautore bolognese.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È nipote dell'attore e regista Marco Vicario e dell'attrice Rossana Podestà, e figlia del regista Francesco Vicario. Trascorre la sua infanzia in campagna con i suoi fratelli, con i quali in tenera età sviluppa la passione per il mondo dello spettacolo[7].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

  • Nota bene (2014)
  • Il responsabile (2015)
  • Per un bacio (2015)
  • La matrona (2017)
  • Castagne (2018)
  • Abaué / Morte di un Trap Boy (2019)
  • Mandela (2019)
  • Romeo ft.Speranza (2019)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014 - Minimal Musical

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014 - Esercizi preparatori

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014 - Nota bene
  • 2017 - La matrona
  • 2018 - Castagne
  • 2019 - Abaué/Morte di un Trap Boy
  • 2019 - Mandela
  • 2019 - Romeo (feat. Speranza)

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Margherita Vicario, su INRI. URL consultato il 23 luglio 2019.
  2. ^ a b Margherita Vicario, in MYmovies.it, Mo-Net Srl.
  3. ^ a b c Margherita Vicario, su New Generation, MTV. URL consultato l'8 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2018).
  4. ^ Margherita Vicario, su Musicultura. URL consultato l'8 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2018).
  5. ^ Margherita Vicario, su Rockit.it. URL consultato l'8 gennaio 2018.
  6. ^ Chi è Margherita Vicario, la cantautrice ospite fissa di "Cyrano", su Supereva.
  7. ^ Andrea Fabiani, Margherita Vicario, talento artistico tra musica e recitazione, in Snap Italy, 26 marzo 2015. URL consultato il 28 marzo 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]