Margaret Rose Keil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Margaret Rose Keil (...) è un'attrice tedesca naturalizzata italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha avuto un periodo di notorietà in Italia a partire dagli anni sessanta soprattutto come interprete di fotoromanzi della Lancio e come testimonial dell'aperitivo Punt e Mes (prodotto dalla Carpano), che pubblicizzò nella rubrica televisiva Carosello, girando a partire dal 1964 diverse serie di short-film (rimasti celebri sia per il raffinato plot, di intonazione romantica, di cui fu autore - e regista - Luciano Emmer, sia per l'indovinatissimo jingle, cantato da Nicola Arigliano[1]). La sua carriera si è protratta fino ai primi anni ottanta.

Accreditata talvolta come Margaret Keil, Margareth Rose Keil e Margaret Rose. La sua filmografia consta di una trentina di titoli, prevalentemente da collegarsi a b-movie di genere horror, peplum, fantascientifico, poliziottesco, spaghetti western, musicarello, sexploitation e della commedia erotica all'italiana. Nelle distribuzioni italiane è stata doppiata, fra l'altro, dalle doppiatrici Laura Gianoli e Annarosa Garatti.

Fotoromanzi[modifica | modifica wikitesto]

Keil ha interpretato sedici fotoromanzi Lancio nel periodo che va dal 1968 al 1970, con un'appendice nel 1977. In sette di essi è apparsa come protagonista:

  • La vita appesa a un filo
  • Ombre sotto la luna (testata: Jacques Douglas)
  • La vita appesa a un filo (Jacques Douglas)
  • Si muore solo tre volte (testata: Lucky Martin)
  • Brindisi per un assassinio (Lucky Martin)
  • Quando si muore per amore
  • Triangolo d'amore
  • L'amore è ombra l'amore è luce

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La strofa finale del jingle (in realtà una canzone vera e propria, le cui parole venivano adattate di volta in volta alla micro-sceneggiatura dell'episodio proposto) era: «Mi dicesti un "love me"/io risposi a te "yes"/mi stringesti forte forte/poi bevemmo un Punt e Mes».

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]