Marfa (Texas)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marfa
city
City of Marfa
Marfa – Veduta
Marfa – Veduta
Il centro di Marfa
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoFlag of Texas.svg Texas
ConteaPresidio
Territorio
Coordinate30°18′42″N 104°01′28″W / 30.311667°N 104.024444°W30.311667; -104.024444 (Marfa)
Altitudine1 428 m s.l.m.
Superficie4,22 km²
Abitanti1 788 (2020)
Densità423,69 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale79843
Prefisso432
Fuso orarioUTC-6
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Marfa
Marfa
Marfa – Mappa
Marfa – Mappa
Sito istituzionale

Marfa è una città e il capoluogo della contea di Presidio nello Stato del Texas, negli Stati Uniti. La popolazione era di 1 788 abitanti al censimento del 2020.

È una meta turistica e un importante centro per l'arte minimalista. Di particolare interesse sono il Building 98, la Fondazione Chinati, negozi di artigianato, edifici storici, una piazza in stile classico, mostre di arte moderna, gallerie d'arte e le luci di Marfa.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'Ufficio del censimento degli Stati Uniti, ha una superficie totale di 1,63 mi² (4,22 km²).[1]

È situata nella parte superiore del Trans-Pecos, nella regione del Texas occidentale, tra i monti Davis e il parco nazionale di Big Bend.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il tribunale della contea di Presidio a Marfa

Marfa è stata fondata agli inizi del 1880 come fermata per il rifornimento d'acqua delle locomotive a vapore. La città prese il nome di Marfa (Martha in inglese) su suggerimento della moglie di un dirigente ferroviario. Secondo alcuni storici, prende il nome da uno dei personaggio del romanzo I fratelli Karamazov di Fëdor Dostoevskij.[2] In realtà, deve il suo nome a Marfa Strogoff, un personaggio del romanzo Michele Strogoff di Jules Verne.[3][4]

Dal 1909 al 1965, studenti di origine ispanica furono vittime di segregazione presso la Blackwell School. La scuola è stata insignita come patrimonio nazionale culturale nel 2022.[5]

Durante gli anni 1920 la città visse un periodo di crescita.[6]

Il Marfa Army Air Field era una base militare attiva durante la seconda guerra mondiale, con lo scopo di addestrare piloti; tra questi, vi era anche l'attore Robert Sterling. Inoltre, veniva anche utilizzata per addestrare il battaglione chimico dell'esercito degli Stati Uniti. La base militare è stata chiusa nel 1945.

La città in seguito visse un periodo di declino, dovuto alla chiusura della base militare e alla siccità, che aveva portato grossi danni all'industria agricola. Nel 1973, Donald Judd acquistò delle proprietà in città, con il compito di ristrutturarle. Allo stesso tempo, aveva anche favorito la crescita dell'interesse per l'arte bohémien.[7] Nel 2012, Vanity Fair ha descritto la città come un "parco giochi" per "pionieri e pellegrini del mondo dell'arte".[8]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento del 2020, la popolazione era di 1 788 abitanti.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Marfa, TX, su usa.com. URL consultato il 5 novembre 2022.
  2. ^ " Thomas Wilson, How Marfa, Texas Got Its Name, in Journal of Big Bend Studies, Sul Ross State University, 2001. URL consultato l'11 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2008).
  3. ^ Barry Popik, Marfa (summary), su barrypopik.com, 3 ottobre 2008. URL consultato il 5 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2013).
  4. ^ Marfa, in The Southwestern Historical Quarterly, vol. 48, 1944, p. 295, ISSN 0038-478X (WC · ACNP), LCCN 12-20299, OCLC 1766223. URL consultato il 5 maggio 2013.
  5. ^ (EN) President Biden Designates Blackwell School National Historic Site as America’s Newest National Park, su US Department of the Interior, 18 ottobre 2022. URL consultato il 23 ottobre 2022.
  6. ^ Presidio County, Texas Genealogy, su FamilySearch, 16 settembre 2022.
  7. ^ Mimi Swartz, A Battle for the Soul of Marfa, in Texas Monthly, 22 gennaio 2020. URL consultato il 26 maggio 2022.
  8. ^ Sean Wilsey e Daphne Beal, Lone Star Bohemia, in Vanity Fair, luglio 2012. URL consultato il 26 maggio 2022.
  9. ^ (EN) Marfa city, Texas, su data.census.gov. URL consultato il 5 novembre 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN142809151 · LCCN (ENn82041578 · GND (DE4618409-0 · J9U (ENHE987007561996405171 · WorldCat Identities (ENlccn-n82041578
  Portale Texas: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Texas