Maresca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati del nome Maresca, vedi Maresca (disambigua).
Maresca
frazione
Maresca – Stemma
Maresca – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Pistoia-Stemma.png Pistoia
ComuneSan Marcello Piteglio-Stemma.png San Marcello Piteglio
Territorio
Coordinate44°03′13″N 10°50′54″E / 44.053611°N 10.848333°E44.053611; 10.848333 (Maresca)Coordinate: 44°03′13″N 10°50′54″E / 44.053611°N 10.848333°E44.053611; 10.848333 (Maresca)
Altitudine790 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale51028
Prefisso0573
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantimarescani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Maresca
Maresca

Maresca è una frazione comunale di San Marcello Piteglio sulla Montagna Pistoiese, sul torrente omonimo, che è il primo affluente (da sinistra) del fiume Reno.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anche se non ci sono prove concrete, si pensa che Maresca sia stata dapprima un rifugio oppure una stazione termale.

Nei suoi pressi, sulle rive dell'omonimo torrente, verosimilmente nella piana fra Campo Tizzoro e Pontepetri, nel 62 a.C., secondo molti storici, si svolse la battaglia (detta impropriamente di Pistoia e più propriamente di Campo Tizzoro) nella quale perse la vita Lucio Sergio Catilina ad opera delle milizie del console Gaio Antonio.

È appurato che all'inizio del Seicento Maresca fu trasformata in centro protoindustriale. Gli Appiani, signori di Piombino e dell'Isola d'Elba, fecero costruire la ferriera dove il ferro estratto nelle miniere dell'Isola d'Elba veniva trasformato in utensili. La scelta ricadde su questa valle sia per la ricchezza di legname che di acqua: infatti l'intera montagna pistoiese era nota come la Grande Selva. In prevalenza venivano forgiati attrezzi per l'agricoltura (zappe, vanghe, aratri etc.) e per l'attività boschiva (asce, accette e soprattutto pennati). La produzione divenne di elevata qualità tanto che la stessa veniva esportata anche nelle regioni del Nord Italia.

Fino all'inizio del secolo scorso l'economia locale si basò anche sulla pastorizia e sull'attività boschiva. Preponderante fu l'immigrazione stagionale per il taglio dei boschi, dove i boscaioli locali erano eccellenti e ben accolti nelle varie regioni dove per quest'attività scarseggiava la mano d'opera: Maremma, Umbria, Sardegna e Corsica.

Con la costruzione degli stabilimenti S.M.I. (Società Metallurgica Italiana) a Campo Tizzoro e a Limestre anche l'economia della valle si trasformò e subì l'influenza e l'interesse dell'industria bellica.

Ma il vero sviluppo Maresca lo conobbe con il turismo. Sin dalla fine dell'Ottocento in paese esistevano numerose pensioni e locande per l'accoglienza dei turisti estivi. Questa attività prosperò e si sviluppò nel periodo fra le due guerre mondiali grazie all'avvento della Ferrovia Alto Pistoiese, la cui stazione collegava il paese con la Ferrovia Porrettana a Pracchia e quindi con tutta l'Italia. Inoltre l'accoglienza degli ospiti avveniva anche nelle abitazioni che i valligiani mettevano a disposizione della colonia villeggiante.

Durante la seconda guerra mondiale, i tedeschi stabilirono un posto di comando a Maresca, che si trovava vicino alla linea Gotica, a motivo anche della forte presenza partigiana nella zona. La presenza del comando tedesco fu causa dei bombardamenti aerei che l'aviazione alleata effettuò il 6, il 9 ed il 10 settembre 1944, i quali provocarono 22 morti fra la popolazione civile residente e la distruzione di gran parte del paese; concausa di tale evento nefasto fu anche il trasferimento del generale Albert Kesselring in queste zone dal fronte dell'Arno, anche se in realtà si stabilì per un giorno a Spignana[1]. Maresca venne ricostruita successivamente dal Comune di San Marcello Pistoiese anche grazie all'opera del geometra capo dello stesso Comune Fenzo Baldassarri e del Sindaco Savonarola Signori che quasi tutti i giorni partivano da San Marcello per Maresca avvalendosi del glorioso trenino della FAP, eliminato poi nell'anno 1965. I lavori terminarono nel 1953.

Luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Gregorio Magno
  • La Ferriera, opificio per la lavorazione del ferro, risalente al 1625 e tuttora funzionante. Peculiarità sono gli enormi magli di ferro, con leve in legno, per la battitura del ferro, ed il sistema idraulico a mulino di alimentazione dei meccanismi
  • Vicolo medioevale, porzione ancora intatta della vecchia Maresca altrimenti distrutta nel bombardamento occorso alla fine della seconda guerra mondiale
  • Palazzo Rospigliosi, distrutto anch'esso dai bombardamenti
  • Foresta del Teso, foresta di faggi, castagni ed abeti che circonda e sovrasta il paese. Peculiarità della rigogliosa foresta è una tipologia di felce rarissima, di cui il New York Times ha riportato pochi anni fa un ampio dossier nella sezione Science[senza fonte].

Attività[modifica | modifica wikitesto]

  • Parapendio.
  • Escursionismo. I boschi di Maresca, la foresta del Teso, sono attraversati da una rete di sentieri segnati e tenuti in buono stato d'uso. Consentono passeggiate ed escursioni a tutti i livelli di impegno, sia in estate che in inverno e arrivano fino ai quasi 2000 metri delle vette più alte (monte Gennaio, Corno alle Scale) di questa porzione di appennino. A quota 1567 è stato realizzato dai soci della locale sezione del C.A.I. il Rifugio del Montanaro, struttura che può ospitare fino a 12 persone.
  • Sci di Fondo. In inverno, una bellissima pista di fondo si snoda nella Foresta del Teso con un percorso medio facile curato molto bene dal locale Sci Club.
  • Pesca sportiva. Sulle sponde del torrente Maresca si ritrovano gli appassionati di pesca alla trota.

Feste, manifestazioni e cultura[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Cantar maggio: nel maggio di ogni anno gli abitanti di Maresca festeggiano la primavera con una manifestazione che include musica tradizionale (i Canti del Maggio) e vino rosso.
  • Extrad'arte: In luglio, in occasione della festa del paese tutti gli anni la terza domenica di luglio si tiene Extrad'arte, festival di teatro di strada e spettacoli musicali. Gli artisti sono collocati in molteplici suggestive zone del paese. Due giorni di festa che coinvolgono tutta la popolazione, i villeggianti ed i visitatori.
  • Extra Mangiando Tutti gli anni la prima domenica di luglio. Rassegna Enogastronomica con degustazione dei prodotti tipici della Montagna Pistoiese lungo le strade e le piazzette del Paese
  • La Société Editorialé Mapsulonnaise, editoria illustrata dell'immaginario, da anni pubblica indipendentemente racconti, storie di viaggio e altro.
  • Festival internazionale del Folklore, con il gruppo La Quadriglia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Massalizanum, Spignana, su Parrocchie di Lizzano e Spignana.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Toscana