Marco da Montelupone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Marco da Montelupone (metà del XIII secolo – ...) è stato un missionario italiano cristiano francescano medievale.

Faceva parte di un gruppo di frati francescani minori degli spirituali imprigionati per le loro visioni estreme. [1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Probabilmente nato a Montelupone, dove era presente un monastero francescano sin dal papato di papa Innocenzo IV, è noto per la prima volta come parte di un gruppo di frati nelle Marche che furono condannati all'ergastolo dai loro superiori negli anni successivi al 1281. Fu uno di quelli che furono condannati per eresia e insubordinazione per la loro devozione all'ideale di povertà promulgata per la prima volta da San Francesco - altri includevano i fratelli Tramondo, Tommaso da Tolentino e Pietro da Macerata . [2] Tuttavia, furono poi liberati da Raimondo Gaufridi, ministro generale, che li mandò in missione in Piccola Armenia dopo una richiesta di alcuni monaci da Aitone II d'Armenia . [3]

Lui e Tommaso furono i due fratelli scelti da Aitone verso la fine del 1291 come inviati a Papa Nicola IV, Filippo V di Francia ed Edoardo I d'Inghilterra per chiedere aiuto contro l'avanzata saracena. Prima andarono dal papa, che diede loro lettere speciali per ciascuno dei due re, poi a Filippo. Arrivarono a Parigi mentre il capitolo generale dei francescani era in sessione e il 25 maggio 1292 fu letta la lettera di Re Aitone II. Dopo la loro ambasciata in Francia e in Inghilterra, non ci sono ulteriori prove della vita di Marco e la sua data di morte è sconosciuta. [3]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Canaletti Gaudenti, Il beato Pietro da Treia nella storia e nella leggenda, Roma 1937, pp. 49-51;
  • A. Franchi, Il concilio di Lione II (1274) e la contestazione dei francescani delle Marche, in Picenum seraphicum, XI (1974), pp. 72 n. 56, 73 e n. 62;
  • August Potthast, Regesta pontificum Romanorum…, I-II, Berolini 1874-75, p. 1911, n. 23900;
  • Acta sanctorum, Apr., I, Antverpiae 1675, pp. 51 s.;
  • Angelo Clareno, Cronicon…, a cura di A. Ghinato, Roma 1959, pp. 156-161;
  • Angelo Clareno, Epistole, in Id., Opera, I, a cura di L. von Auw, Roma 1980, p. 242 e n. 4;
  • Angelo Clareno, Historia septem tribulationum Ordinis minorum, ibid., II, a cura di O. Rossini, Roma 1999, p. 225 e n. 82;
  • Angelo Clareno, Liber chronicarum sive tribulationum Ordinis minorum, a cura di G. Boccali, Santa Maria degli Angeli 1999, pp. 546-548;
  • Bullarium Franciscanum, IV, Romae 1768, p. 315, n. 592;
  • C. Mariotti, Breve istoria del beato Tommaso da Tolentino… e de' suoi compagni, Roma 1894, pp. 54, 62;
  • Ciro da Pesaro, Il Clareno, Macerata 1921, pp. XCI, 98 n. 1, 317;
  • D. De Gubernatis, Orbis seraphicus, V, De missionibus antiquis, Romae 1689, pp. 463 s.;
  • D.L. Douie, The nature and the effect of the heresy of the fraticelli, Manchester 1932, p. 53, n. 4;
  • F. Accrocca, Introduzione, in Angelo Clareno, Expositio super Regulam fratrum minorum, a cura di G. Boccali, Assisi 1995, pp. 11 s.;
  • F. Ehrle, Die Spiritualen, ihr Verhältniss zum Franciscanerorden und zu den Fraticellen, in Archiv für Litteratur- und Kirchen-Geschichte des Mittelalters, I (1885), p. 524; II (1886), p. 306;
  • F. Tocco, L'eresia nel Medio Evo, Firenze 1884, pp. 502 s., n. 2;
  • G. Golubovich, Biblioteca bio-bibliografica della Terra Santa e dell'Oriente francescano, I, Quaracchi 1906, pp. 330 s., 341, 343 e n. 3; II, ibid. 1913, pp. 469-471;
  • G. Pagnani, L'origine del convento di Montefiorentino e un'ipotesi su fra Marco da Mutino "dictator" di tre ministri generali dell'Ordine, in Il convento di Montefiorentino. Atti del Convegno… 1979, San Leo 1982, p. 59, n. 28;
  • Gratien de Paris, Histoire de la fondation et de l'évolution de l'Ordre des frères mineurs au XIIIe siècle, Roma 1982, p. 419;
  • G.L. Potestà, Angelo Clareno. Dai poveri eremiti ai fraticelli, Roma 1990, p. 6;
  • I. von Döllinger, Beiträge zur Sektengeschichte des Mittelalters, II, München 1890, p. 491;
  • J. Moorman, A history of the franciscan Order…, Oxford 1968, p. 194, n. 2;
  • L. da Clary, G.C. Guzzo, Aureola serafica, II, Roma 1949, p. 516;
  • L. Tassi, Cenni cronologico-biografici della osservante provincia picena, Quaracchi 1886, p. 72;
  • L. von Auw, Angelo Clareno et les spirituels italiens, Roma 1979, pp. 17, 22, 32;
  • L. Wadding, Annales minorum, V, Ad Claras Aquas 1931, pp. 263 n. X, 328-329 nn. I-II, 348 n. XLII;
  • Les registres de Nicolas IV, a cura di E. Langlois, Paris 1886-93, p. 913, nn. 6852-6853;
  • M. Curto, L'epistolario di Angelo Clareno nel ms. 1942 della Biblioteca Oliveriana di Pesaro, in Studia Oliveriana, s. 3, I-II (2001-02), p. 13.
  • Marcellino da Civezza, Storia universale delle missioni francescane, II, Roma 1858, pp. 548 s., 551; III, ibid. 1859, p. 157, n. 1;
  • Marco da Lisbona, Delle croniche de' frati minori, parte seconda (l. V, cap. 18), Venetia 1615, p. 295;
  • O. Civalli, Visita triennale, in Picenum seraphicum, II (1916), p. 627;
  • R. Manselli, Spirituali missionari: l'azione in Armenia e in Grecia. Angelo Clareno, in Espansione del francescanesimo tra Occidente e Oriente nel secolo XIII. Atti del VI Convegno internazionale… 1978, Assisi 1979, pp. 279, 281;
  • R. Pratesi, Angelo da Tolentino, in Diz. biogr. degli Italiani, III, Roma 1961, p. 237;
  • René de Nantes, Histoire des spirituels dans l'Ordre de s. François, Paris 1909, pp. 291 n. 2, 348, 349 n. 1;
  • Arnaldo Sancricca, I "fratres" di Angelo Clareno. Da Poveri eremiti di papa Clestino a frati Minori della provincia di s. Girolamo "de Urbe" attraverso la genesi del Terz'ordine Regolare di s. Francesco in Italia, in Collana Studi Storico Critici della Provincia Picena s. Giacomo della Marca, n.s. vol. 2, Edizioni Simple Macerata 2015. (612 + XXII pp.) ISBN 978-88-6924-076-8
  • Arnaldo Sanccricca, Il processo di regolarizzazione dei "Pauperes eremitae domini Coelestini", Franciscana, XXII, 2019, Centro Studi Alto Medioevo Spoleto, pp. 115-161. ISBN 978-88-6809-287-0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Adrian Boas, The Crusader World, Routledge, 2015, p. 250, ISBN 978-1-317-40832-1.
  2. ^ Angelo Clareno, Liber chronicarum, ed. 1999 V, pp. 308 f.
  3. ^ a b Gattucci di Adriano, MARCO da Montelupone, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 69, 2007. URL consultato il 30 December 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]