Marco Scarpa (fotografo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marco Scarpa

Marco Scarpa (Milano, 3 agosto 1966) è un fotografo e fotoreporter italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Marco Scarpa inizia la sua carriera nel 1990 collaborando con le più importanti testate giornalistiche italiane ed internazionali.

Dopo aver concluso l'attività militare nel 1985 si trasferisce nel 1990 a New York dove incomincia a collaborare con il New York Times[1]. Nel 1993 si trasferisce a Milano dove collabora con l'agenzia fondata dal fotografo Tullio Farabola "Farabolafoto"[2] come inviato freelance producendo reportage pubblicati in tutto il mondo.

Durante questo periodo è inviato speciale a Londra per seguire le attività della Famiglia Reale.

Collabora inoltre al progetto italiano Archivio dello Spazio[3].

Nel 2001 torna a New York in seguito agli Attentati dell'11 settembre 2001 per raccontare la situazione degli afgano-americani presenti negli Stati Uniti durante il periodo degli attentati.

Dal 2001 inizia a girare il mondo per effettuare reportage. Viaggiando per tutti i 5 continenti.

Inizia a collaborare con Andrea Berton, chef stellato Michelin, nel 2015 e con lui produce numerosi servizi video e fotografici.

È attualmente fotoreporter del Corriere della Sera, per cui svolge regolare attività fotografica e di reportage in tutto il mondo, è stato tra i primi fotoreporter Italiani ad essere inviato sul sito nucleare di Chernobyl[4].

Ad Agosto 2019 ha realizzato un reportage portando Vincenzo Nibali, Antonio Cairoli e Federica Brignone alle pendici del vulcano Etna[5].

Collezioni private in cui è presente[modifica | modifica wikitesto]

  • Photography Museum, Cinisello Balsamo.
  • Enterpise-Gallery Italy
  • Laureus Foundation-Italy.
  • Fondazione Bevilacqua La Masa., Venice
  • Lombardy: Archive space.
Marco Scarpa nel 2019

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

  • "Una città allo specchio" (Parma) - Roma, novembre 1986 - Showroom di via del Babuino 150
  • "Dal deserto con dolore" (reportage sul popolo Saharawi) - Parma, giugno 2005 - Palazzo Sanvitale
  • Milan Triennale, Festival of Photography, Turin, Galleria Gottardo, Lugano, Fondazione Bevilacqua La Masa, Venice; Forografia Museum, Cinisello Balsamo;
  • Castle Melegnano; Isimbardi Palace Milan
  • Scandiano Museum of Science and Technology
  • Milan entrprise Gallery, Milan,
  • Energy Gallery, New York;
  • Peligros El Calafate Argentina.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Libri fotografici[modifica | modifica wikitesto]

  • 1987-'97 Archivio dello spazio, ed. Mondadori Electa, 1998.
  • Non è il solito brodo, ed. Mondadori, 2017.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Massimo Bottura’s Pope Francis-Approved Refectory, and Recipe to Turn Stale Bread Into Gold - Marco Scarpa Photo, in The New York Times, 26 maggio 2015. URL consultato il 20 giugno 2019.
  2. ^ Archivio Farabola Foto [collegamento interrotto], su 81.174.2.203:55800.
  3. ^ ARCHIVIO DELLO SPAZIO, su mufoco.org. URL consultato il 10 giugno 2019.
  4. ^ Marco Scarpa (testo e fotografie), L’eternità (spettrale) di Chernobyl, su Corriere della Sera, 21 novembre 2016. URL consultato il 29 luglio 2019.
  5. ^ Brignone, Nibali e Cairoli: che spettacolo sull’Etna, su gazzetta.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]