Marco De Gregorio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Marco De Gregorio (Resìna, 12 marzo 1829Resìna, 16 febbraio 1876) è stato un pittore italiano.

Marco De Gregorio, Capri

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frequentò l'Accademia di Belle Arti di Napoli, seguendo i corsi di pittura del maestro C. Guerra. Nel 1858 ospitò il pittore paesaggista Federico Rossano nella sua dimora di Portici. A partire dal 1863 i due amici pittori, assieme al giovane pugliese Giuseppe De Nittis e al toscano Adriano Cecioni, dettero vita al movimento artistico detto Scuola di Resìna, al quale si unirono vari artisti, tra i quali Raffaele Belliazzi, Alceste Campriani, Antonino Leto ed Edoardo Dalbono.

I motivi della pittura della Scuola di Resìna erano analoghi a quelli della scuola toscana di Pergentina, cui appartenevano Raffaello Sernesi, Giuseppe Abbati e Silvestro Legaː rapporto tonale dei colori, amore per il paesaggio reale, limpidezza compositiva, un tocco di sentimentalismo, ovvero di intimismo. La finezza cromatica dei pittori della Scuola di Resìna si distingueva dal cromatismo sgargiate, cui era approdata gran parte della la Scuola di Posillipo.

Le opere più celebri di Marco De Gregorio, da lui realizzate negli anni sessanta e settanta dell'Ottocento, sono Veduta di Porta Grande e Veduta di Casacalenda (entrambe esposte al Museo Nazionale di Capodimonte di Napoli), Mercato arabo alla Galleria dell'Accademia (Napoli), Capri alla Galleria d'arte moderna di Firenze.

Nel 1872 il pittore campano si recò a Firenze, per stringere maggiori rapporti con i Macchiaioli, precedentemente conosciuti attraverso Adriano Cecioni. La sua pittura si distingueva per una visione sobria e severa, quasi arcaica.

Altre sue opere sono custodite a Napoli, nel Museo di San Martino.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maria Antonietta Picone Petrusa, DE GREGORIO, Marco, in Dizionario biografico degli italiani, XXXVI volume, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1988. URL consultato il 02-10-2013.
  • AA.VV., Il secondo '800 italiano, Le poetiche dal vero, Mazzotta, Milano, 1988.
  • AA.VV., Capolavori dell'800 Napoletano, dal romanticismo al verismo, Mazzotta, Milano 1997.
  • Nello e Saverio Ammendola, Ottocento-Novecento, due secoli di pittura a Napoli, con introduzione e intervista di M. Picone Petrusa, Electa, Napoli, 1999.
  • Luisa Martorelli (a cura di), La Scuola di Resina nella collezione della Provincia di Napoli e da raccolte pubbliche e private, Arte'm, Napoli, 2012.
  • Paolo Belaeff, Marco De Gregorio, Edizioni Mediterranea, Napoli, 2014, ISBN 978-88-940472-1-9
  • Cenni biografici del fu pittore Marco di Gregorio scritti da Augusto Chialvo (1876), con una nota introduttiva di Paolo Belaeff, Napoli, 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Capri vista dai pittori

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN96113334 · ISNI (EN0000 0000 7025 0575 · GND (DE1067438173 · ULAN (EN500063368 · CERL cnp02118309