Marco Canola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marco Canola
Leuven - Brabantse Pijl, 15 april 2015, vertrek (B015).JPG
Marco Canola nel 2015
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 66 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Squadra Flag of None.svg svincolato
Carriera
Squadre di club
2007-2011Zalf-Fior
2012Colnago-CSF Inox
2013-2014Bardiani CSF
2015-2016UnitedHealthcare
2017-2019Nippo-Vini Fantini
2020-2022Gazprom-RusVelo
Statistiche aggiornate al 1º ottobre 2022

Marco Canola (Vicenza, 26 dicembre 1988) è un ciclista su strada italiano. Passista-velocista, professionista dal 2012, ha vinto una tappa al Giro d'Italia 2014.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cugino del campione olimpico di Maratona a Seoul, Gelindo Bordin, Marco Canola inizia a correre da giovanissimo dopo essersi appassionato al ciclismo guardando Marco Pantani al Giro d'Italia. La sua prima bicicletta è stata una Bianchi con il cambio sul telaio.[1] Tra i dilettanti gareggia per cinque stagioni, quattro da Under-23 e l'ultima, nel 2011, da Elite, con la formazione castellana Zalf-Désirée-Fior, vincendo alcune gare in Veneto, tra cui spicca un'edizione del Giro del Veneto e delle Dolomiti, e due tappe al Giro delle Valli Cuneesi.

Passa professionista nel 2012 con la Colnago-CSF Inox di Roberto Reverberi, e al primo anno con la nuova maglia coglie un successo di tappa al Tour de Langkawi al termine di una fuga a due. Torna alla vittoria due anni dopo, nel 2014, aggiudicandosi dopo una lunga fuga la frazione di Rivarolo Canavese al Giro d'Italia. Nella stessa stagione aveva vinto anche la classifica scalatori alla Tirreno-Adriatico. Al termine del 2014 decide di lasciare la Bardiani-CSF (già Colnago-CSF), firmando con il team statunitense UnitedHealthcare[2]. In due stagioni con UnitedHealthcare non ottiene però successi.

Nel 2017, con la nuova casacca della Nippo-Vini Fantini, riesce ad aggiudicarsi la Volta Limburg Classic, tre tappe del Tour of Japan e un piazzamento top 20 alla Milano-Sanremo. A settembre ottiene la convocazione in Nazionale per i Mondiali di Bergen con il ruolo di riserva.[3] Nel finale di stagione si impone prima nel criterium che anticipa la Japan Cup, sfruttando una caduta nel gruppo di testa nel finale[4] e poi, il giorno successivo, vince anche la Japan Cup imponendosi in uno sprint ristretto.[5] Nel 2019 è il miglior italiano alla Strade Bianche, classificandosi al sedicesimo posto; in stagione vince anche una frazione al Tour of Utah.

Dal 2020 al febbraio 2022, prima della sospensione della squadra, veste la maglia del team russo Gazprom-RusVelo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Trofeo Dorigo Porte
  • 2007 (Zalf-Désirée-Fior)
Coppa 1º maggio - Memorial Sergio Viola
Medaglia d'Oro Fiera di Sommacampagna
  • 2008 (Zalf-Désirée-Fior)
2ª tappa Giro delle Valli Cuneesi nelle Alpi del Mare (Fossano > Sampeyre)
Gran Premio Città di Verona - Trofeo Skoda
  • 2009 (Zalf-Désirée-Fior)
2ª tappa Giro delle Valli Cuneesi nelle Alpi del Mare (Cuneo > Sampeyre)
  • 2010 (Zalf-Désirée-Fior)
Coppa Fiera di Mercatale
  • 2011 (Zalf-Désirée-Fior)
Gran Premio Colli Rovescalesi
Gran Premio San Luigi di Sona
2ª tappa Giro del Veneto e delle Dolomiti (Santa Giustina > Ponte nelle Alpi)
Classifica generale Giro del Veneto e delle Dolomiti
  • 2012 (Colnago-CSF Inox, una vittoria)
7ª tappa Tour de Langkawi (Bentong > Kuantan)
  • 2014 (Bardiani-CSF, una vittoria)
13ª tappa Giro d'Italia (Fossano > Rivarolo Canavese)
  • 2017 (Nippo-Vini Fantini, sei vittorie)
Volta Limburg Classic
2ª tappa Tour of Japan (Kyoto > Kyoto)
3ª tappa Tour of Japan (Inabe > Inabe)
5ª tappa Tour of Japan (Minami > Shinshu)
7ª tappa Tour of Utah (Salt Lake City > Salt Lake City)
Japan Cup
  • 2019 (Nippo-Vini Fantini, una vittoria)
4ª tappa Tour of Utah (Salt Lake City > Salt Lake City)

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 (Colnago-CSF Inox)
1ª tappa, 2ª semitappa Il Padania (cronometro a squadre)
Classifica scalatori Tirreno-Adriatico
  • 2015 (UnitedHealthcare Pro Cycling Team)
Classifica scalatori Critérium International
  • 2016 (UnitedHealthcare Pro Cycling Team)
Classifica a punti Tour de Taiwan
  • 2017 (Nippo-Vini Fantini)
Criterium Japan Cup
Classifica a punti Tour of Japan

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2013: 139º
2014: 122º
2019: 107º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2012: ritirato
2013: ritirato
2014: ritirato
2017: 20º
2018: 15º
2020: 36º

Competizioni europee[modifica | modifica wikitesto]

Glasgow 2018 - In linea Elite: ritirato

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista Canola, su suiveur.it.
  2. ^ UnitedHealthcare, si sogna il Giro con l'arrivo di Canola e Ratto - Spazio Ciclismo Archiviato il 29 novembre 2014 in Internet Archive.
  3. ^ Redazione Online, Ciclismo, Mondiali Bergen 2017: tutti i convocati delle squadre italiane. URL consultato il 23 ottobre 2017.
  4. ^ Redazione Online, Marco Canola vince il criterium alla vigilia della Japan Cup. URL consultato il 23 ottobre 2017.
  5. ^ Redazione Online, Marco Canola trionfa sotto la pioggia alla Japan Cup. URL consultato il 23 ottobre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]