Marco Calderini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tristezza invernale, 1884, Roma, GNAM

Marco Calderini (Torino, 20 luglio 1850[1]26 febbraio 1941) è stato un pittore e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo all'Accademia Albertina di Enrico Gamba, del Gastaldi e di Antonio Fontanesi, al cui stile si ispirò nelle prime opere, allontanandosi in seguito verso una ricerca realistica ben più accentuata.

Iniziò la sua carriera nel 1870 col quadro Le rive del Po a Torino, che è una delle più notevoli opere collocate nel Museo Civico torinese. Nello stesso anno realizzò il dipinto Le statue solitarie, nella Galleria d'Arte Moderna di Roma, a cui seguirono molte altre tele di vedute smaglianti del Piemonte.

Coltivò la litografia e fu scrittore di cose d'arte.

Nel 1899 partecipò alla III Esposizione internazionale d'arte di Venezia.

Tra i suoi scritti: Le memorie postume di Francesco Mosso (1885) e Antonio Fontanesi: pittore paesista (1901).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ M.P. D'Orazio nel Dizionario Biografico degli Italiani (vedi Collegamenti esterni) indica il 22 luglio come giorno di nascita.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jane Turner (a cura di), The Dictionary of Art. 5, p. 425-426. New York, Grove, 1996. ISBN 1884446000.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12577939 · ISNI (EN0000 0000 6660 4318 · SBN IT\ICCU\CFIV\123531 · GND (DE137371578 · BNF (FRcb14971050h (data) · ULAN (EN500000323