Marco Anneo Lucano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Anneo Lucano

Marco Anneo Lucano (Cordova, 3 novembre 39Roma, 30 aprile 65) è stato un poeta romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della letteratura latina (14 - 68).

Su Lucano ci sono giunte tre biografie antiche: quella di Svetonio nel De poetis, quella attribuita a Vacca e quella più breve, anonima, nel codice Vossianus; altre fonti sono Persio, il quindicesimo libro degli Annales di Tacito in riferimento alla congiura di Pisone e le Silvae di Stazio.[1]
Marco Anneo Lucano nacque a Cordova il 3 novembre del 39 d.C. da Marco Anneo Mela, fratello di Seneca,[1] ma già nel 40 si trasferiva con la famiglia a Roma, dove fu allievo dello stoico Lucio Anneo Cornuto e nella cui scuola avrebbe stretto amicizia con Aulo Persio Flacco[1].
Entrato a far parte della cerchia di amici intimi dell'imperatore Nerone, questi gli concesse di ricoprire la questura prima di raggiungere l'età minima prevista e di entrare a far parte del collegio degli auguri[1]. Nel 60, inoltre, partecipava ai Neronia, i certamina poetici indetti da Nerone, recitandovi le sue laudes indirizzate al principe; inoltre, secondo alcune fonti antiche, pubblicò i primi tre libri della Pharsalia[1].
Tuttavia, per motivi incerti (si pensa per presunta gelosia che l'imperatore nutriva nei confronti del giovane poeta) si creò una rottura tra Nerone e Lucano, che, infine, aderì alla congiura di Pisone. Le biografie di Vacca e Svetonio divergono sui motivi di questo contrasto: Svetonio, infatti, racconta che il contrasto tra i due era da imputarsi totalmente all'impulsività di Lucano che si sarebbe offeso quando Nerone, nel bel mezzo di una esibizione del poeta, convocò una seduta straordinaria in senato e se ne andò con il solo scopo di fargli perdere il filo; Lucano, quindi, avrebbe iniziato a pronunciare frecciate e forti allusioni all'imperatore fino ad entrare a far parte della congiura e addirittura a diventarne paene signifer[2]. Vacca, invece, attribuisce la rottura fra i due solamente all'invidia di Nerone, il quale sarebbe stato geloso dei successi di Lucano e avrebbe proibito al poeta di far versi e di praticare l'attività forense, attività, quest'ultima, di cui solo in Vacca troviamo un riferimento.[3]: tale versione sarebbe avvalorata da Tacito, che racconta come Nerone, dopo aver tentato di emulare Lucano, avrebbe impedito al poeta di esibirsi[4].
Secondo Tacito, una volta scoperta la congiura, Lucano negò insieme ad altri due suoi compagni congiurati, Quinziano e Senecione, il proprio coinvolgimento nel complotto e solo davanti a una promessa di impunità il poeta denunciò addirittura la madre.[5]; notizia, quest'ultima, confermata da Svetonio, che afferma che Lucano avrebbe sperato di trarre un vantaggio dal denunciare la madre nonostante questa fosse innocente, dal momento che Nerone stesso si era macchiato del matricidio di Agrippina.[6]. Tuttavia, secondo Tacito, la madre Acilia dopo la denuncia non fu né condannata né assolta, ma semplicemente dissimulata, cioè non fu presa in considerazione[7].
A Lucano, così come a molti altri, viene dato l'ordine di togliersi la vita, a soli 25 anni[1]. Il 30 aprile del 65, dopo aver scritto una lettera d'addio al padre contenente anche alcune modifiche ai suoi versi, consumò un lauto pranzo e si fece tagliare le vene dei polsi da un medico[8].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Pharsalia.

Opere minori[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono giunte notizie e frammenti di molti suoi componimenti, andati perduti: i Saturnalia, 10 libri di Silvae, una tragedia Medea, il carme Orpheus, oltre ai poemetti giovanili Iliaca e Catachthonion.
Il numero e la varietà delle composizioni perdute di cui si ha notizia indicano un'eccezionale precocità artistica, unita a una notevole versatilità. Dai titoli delle opere perdute trapela l'adesione ai gusti neroniani: antichità troiane e poesia di intrattenimento, ricca di spunti occasionali e raffinata nella fattura.

Bellum civile[modifica | modifica wikitesto]

Ci è tuttavia pervenuto integralmente il Bellum Civile o Pharsalia (Farsaglia) in 10 libri per un totale di 8060 versi, che rimase incompiuto per la morte dell'autore: si arresta, infatti, al X libro. Argomento dell'opera è la guerra civile che oppose Cesare a Pompeo e che ebbe nella battaglia di Farsalo il suo punto culminante, raccontato da Lucano nel VII libro.

Pharsalia, circa 1493

Esistono tesi secondo le quali sua moglie, Polla Argentaria, sarebbe l'autrice di gran parte dell'opera, dal momento che Lucano dovette recidersi le vene su ordine di Nerone all'età di soli 25 anni. Lucano utilizzò molto probabilmente come fonti storiche Tito Livio, Asinio Pollione e Seneca il Retore: tutti storiografi filo-repubblicani; anche se molti studiosi hanno riscontrato distorsioni e deformazioni dei fatti storici apportati dal poeta (soprattutto alla luce dei confronti con il De Bello Civili di Cesare).
Lucano elimina del tutto l'apparato divino (in contrasto con la tradizione dei poemi epici), poiché si tratta di una vicenda storica e recupera in parte l'elemento "meraviglioso" con l'introduzione di sogni, visioni, profezie, eventi naturali, pratiche magiche. L'opera è però atipica sin dalla scelta del tema, poiché tutti i poeti latini che si erano occupati di vicende storiche lo avevano fatto con l'intento di celebrare Roma e la sua grandezza; Lucano, al contrario, presenta la guerra civile come un evento funesto che ha innescato la decadenza della Roma repubblicana. La condanna di Lucano è violenta; non si è trattato di una guerra normale, ma di una guerra plus quam civile, poiché Pompeo e Cesare sono legati da vincoli di parentela.
Il racconto, poi, procede senza alcuna regolarità narrativa: gli episodi vengono selezionati, diluiti o riassunti, a seconda delle necessità del poeta, che imposta quindi in maniera alquanto soggettiva (non mancano neppure i commenti ai singoli episodi) tutta la sua opera.
Nei manoscritti che la tramandano è sempre citata come Bellum civile ("La guerra civile"), ma il titolo esatto dovrebbe essere proprio Pharsalia, in base a quello che lo stesso Lucano dice nel IX libro:

(LA)

« Pharsalia nostra / vivet, et a nullo tenebris damnabitur aevo »

(IT)

« La nostra Pharsalia / vivrà e da nessuna epoca sarà condannata all'oblio »

(Pharsalia, 985-986.)

La Pharsalia fu una delle fonti più preziose per Dante Alighieri, che spesso la citò nella Divina Commedia. Grande è, infatti, la considerazione di Dante per Lucano. Nell'Inferno (IV) egli lo pone tra i cinque sommi poeti che lo precedono ("sì ch'io fui sesto tra cotanto senno"): Virgilio, Omero, Orazio, Ovidio e, appunto, Lucano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Gian Biagio Conte, p. 367.
  2. ^ Luca Canali, pp.12-13
  3. ^ Luca Canali, p.13
  4. ^ Tacito, XV, 49
  5. ^ Tacito, XV, 56
  6. ^ Luca Canali, p.14
  7. ^ Tacito, XV, 71
  8. ^ Emily Wilson, Seneca, Mondadori, ISBN 9788852077647. URL consultato il 28 ottobre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • A. G. A., «LUCANO (M. Annaeus Lucanus)» la voce nella Enciclopedia Italiana, Volume 21, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1934.
  • Ettore Paratore, «Lucano, Anneo» la voce nella Enciclopedia Dantesca, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1970.
  • Lucano. La guerra civile, latinovivo.com.
  • LUCANUS, www.let.kun.nl/. URL consultato il 1º gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2016).
  • De bello civile, su Intratext. URL consultato il 18 aprile 2016. testo con concordanze e liste di frequenza.
Controllo di autorità VIAF: (EN100902938 · ISNI: (EN0000 0001 2145 5029 · LCCN: (ENn79089234 · GND: (DE118574701 · BNF: (FRcb11913555f (data) · NLA: (EN35315091 · BAV: ADV10279681 · CERL: cnp01259670