Marco Alessandri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Marco Alessandri (Bergamo, 28 giugno 1755Villongo, 21 giugno 1830) è stato un politico italiano.

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Il conte Marco Alessandri, personaggio della nobile famiglia degli Alessandri di Bergamo, fu membro dal 1796 del Governo provvisorio di Milano e importante personalità della Repubblica Cisalpina, del quale fu Direttore (1797-1798), fu totalmente affascinato dal personaggio di Napoleone Bonaparte. In esilio durante la reazione austriaca, offrì nel 1804 la corona italiana a Napoleone.

Il 7 ottobre 1797 assunse la carica di Presidente del Direttorio della Repubblica Cisalpina.

Ciambellano di Eugenio Beauharnais, il 9 febbraio 1809 fu nominato senatore del Regno d'Italia, fondato da Napoleone Bonaparte, e il 12 dicembre 1810 divenne Conte dell'Impero[1].

Massoneria[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1796 fu Maestro venerabile della Loggia L'Oriente di Bergamo[2] , il 20 giugno 1805 rappresentò, in qualità di Maestro venerabile, la Loggia Reale Eugenio di Milano all'atto di fondazione del Grande Oriente d'Italia con sede a Milano, del quale nel 1805 fu nominato Gran tesoriere e nel 1808 Gran conservatore generale in esercizio[3].

Caduto in disgrazia dopo la battaglia di Waterloo, con la sconfitta di Napoleone e il ritorno degli austriaci a Milano, lasciò la politica morendo per un colpo apoplettico nel 1830. Nella Biblioteca civica Angelo Mai sono conservate buona parte delle sue lettere.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessandri Marco, su legacy.bibliotecamai.org, Biblioteca A. Mai. URL consultato il 21 dicembre 2017.
  2. ^ L'Oriente di Bergamo, su ritosimbolico.it, Rito Simbolico italiano. URL consultato il 28 agosto 2019.
  3. ^ Vittorio Gnocchini, L'Italia dei Liberi Muratori, Erasmo ed., Roma, 2005, pp. 7-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316448332 · SBN RAVV533698