Marcello Serrazanetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marcello Serrazanetti
Marcello Serrazanetti foto autografa.jpeg
Marcello Serrazanetti nel 1912
31 ottobre 1888 – 5 aprile 1941
Nato aSant'Agata Bolognese
Morto aluogo imprecisato in prossimità di Addis Abeba
Cause della mortecaduto in combattimento
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataRegio Esercito
Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale
ArmaCavalleria
Artiglieria
CorpoRegio Corpo Truppe Coloniali
GradoSergente maggiore
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
BattaglieTerza battaglia dell'Isonzo
Conquista di Cassala
Decorazioniqui
Pubblicazioniqui
voci di militari presenti su Wikipedia

Marcello Serrazanetti (Sant'Agata Bolognese, 31 ottobre 1888Etiopia, 5 aprile 1941) è stato un pioniere dell'aviazione, militare e politico italiano.

Come soldato prese parte alla prima e alla seconda guerra mondiale. Esponente di primo piano del fascismo bolognese, fu un severo critico del sistema coloniale italiano e un fervente antischiavista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Sant'Agata Bolognese il 31 ottobre 1888 da facoltosa famiglia monarchica, divenne agricoltore per indirizzo familiare e scolastico. Alla fine degli studi collaborò col padre Gaspare nella conduzione di una grossa tenuta dei conti di Montpensier divenendo un appassionato allevatore di cavalli e cani. A margine di quest'ultima attività scrisse e fece stampare un "Manuale per l'addestramento del cane poliziotto". Partecipò quindi a numerosi concorsi ippici, sia in Italia che all'estero.

Uno dei primi aviatori[modifica | modifica wikitesto]

Manifestò sin da ragazzo grande curiosità per le innovazioni tecniche e spirito avventuroso, lasciandosi ben presto sedurre dal fascino del volo. Tra la fine del 1909 e il 1910, Serrazanetti fu tra i primi istruttori, con Bianchi[1] e Cagno,[2] sul neonato Campo Volo di Cameri[3]. Effettuò il suo primo volo su un apparecchio AVIS, costruito da una piccola azienda di Brescia, fondata dall'ingegnere francese Clovis Thouvenot, che realizzava biplani su licenza della francese Voisin, dotandoli di motore Isotta Fraschini. Serrazanetti acquistò uno di questi velivoli alla I Esposizione italiana di Aviazione[4] tenutasi a Milano il 15 novembre[4] 1909[5] equipaggiandolo con un propulsore da 50 CV.

Decollato dal campo di Cameri il 1º maggio 1910[1] si avventurò con il suo aereo tra i reparti del 17º Reggimento di artiglieria campale che stavano compiendo un'esercitazione appena fuori dal terreno di volo.[1] Il propulsore dell'aereo si spense improvvisamente e il velivolo precipitò al suolo finendo contro un albero e distruggendosi quasi completamente, ma Serrazanetti rimase solo leggermente ferito.[6]

A Prateria di Cortile di Carpi,[7] Serrazanetti costruì un hangar per ricoverare e riparare il proprio apparecchio AVIS, precedentemente danneggiato, così fondando il "Campo di volo di Cortile"; il terzo in Italia, dopo quelli di Centocelle e di Cameri.[7] Il 31 luglio 1911 effettuò un secondo volo, ricoprendo una distanza di circa 500 metri. Il 24 agosto dello stesso anno, si cimentò in un terzo volo di 6 km da Prateria di Cortile di Carpi a Rolo, dove fece salire l'amico Guido Corni; ritornò quindi per circa 3 km.[7]

Il 26 giugno 1912, con tre suoi amici, Nico Piccoli, Umberto Sanguinetti e Alberico Camporesi, partì da Verona sul pallone aerostatico "Libia". Benché l'intenzione fosse quella di raggiungere Budapest, i quattro dovettero accontentarsi di approdare nella cittadina ungherese di Buek, sul confine con l'Austria, a causa della stanchezza fisica causata dall'altezza elevata e dalla bassa temperatura[8].

La prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Interventista convinto, Serrazanetti si arruolò come volontario di un anno nel 12º Reggimento Cavalleggeri di Saluzzo[9]. Divenuto sergente maggiore d'artiglieria, venne ferito sul Monte Calvario durante la terza battaglia dell'Isonzo e fu insignito della Medaglia d'argento al Valor Militare, venendo in seguito decorato della Croce al Merito di Guerra.

L'esperienza nel fascismo e l'avventura in Colonia[modifica | modifica wikitesto]

Fascista della prima ora, qualche mese dopo lo scioglimento del primo fascio di combattimento di Bologna, nel luglio 1919 ne fondò il secondo, insieme all'amico sansepolcrista Leandro Arpinati, a Dino Grandi e a Gino Baroncini. Squadrista nella città felsinea durante gli anni del Biennio Rosso, partecipò alla Marcia su Roma. Dopo le dimissioni del consiglio comunale socialista di Sant'Agata Bolognese, avvenute il 2 maggio 1921 in seguito ai durissimi scontri dell'aprile tra socialisti e fascisti nell'area bolognese, con vari morti e feriti da entrambe le parti, il Comune fu gestito da un Commissario inviato dalla Prefettura e nelle successive elezioni del 7 maggio 1923 Serrazanetti fu eletto sindaco della sua cittadina natale. Divenne poi vice segretario federale di Bologna dal 1925 al 1926.

Marcello Serrazanetti in divisa coloniale.

Trasferitosi in Africa (terra verso la quale era da sempre stato attratto) sul finire del 1928, divenne ispettore agrario in Somalia, iniziandovi una coltura di bachi da seta su larga scala.

Nel 1928 Serrazanetti venne nominato segretario federale[10] di Mogadiscio, nel 1929 Segretario del PNF in Somalia, e nel luglio 1930 fu nominato dal Re Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia.[11] Nel 1934 dovette tuttavia rinunciare all'incarico di federale a causa di due pubblicazioni (1930 e 1933) in cui aveva denunciato le colpe dell'amministrazione italiana, paragonandola alla politica coloniale degli altri paesi.[10]

La politica coloniale italiana in effetti, aveva istituito e imponeva ai somali (con criteri spesso drastici e rudi) il lavoro forzato che poi, nei rapporti e nelle relazioni dei governatori e nei discorsi dei ministri, veniva presentato come "contratto di lavoro".[10] Egli denunciava inoltre il comportamento di governatori al pari di De Vecchi, che a suo dire si erano creati vere "greppie d'oro"[12]. In questo modo Serrazanetti si espresse al riguardo in uno dei suoi vari rapporti inviati a Mussolini tra il 1931 e il 1933:[13][14]

« Il lavoro forzato che s'impone da alcuni anni ai nativi della Somalia, invano cinicamente mascherato nel 1929 da un contratto di lavoro, è assai peggiore della vera schiavitù, poiché laggiù è stata tolta al lavoratore indigeno quella valida tutela dello schiavo che era costituita dal suo valore venale, tutela che gli assicurava almeno quel minimo di cure che l'ultimo carrettiere ha per il suo asino, nella preoccupazione di doverne comprare un altro se quello muore. Mentre in Somalia quando l'indigeno assegnato ad una concessione muore o diviene inabile al lavoro, se ne chiede senz'altro la sostituzione al competente ufficio governativo che vi provvede gratis. »

(Da "Considerazioni sulla nostra attività coloniale in Somalia" di Marcello Serrazanetti così citato in Emanuele Savignone, La Somalia ad una svolta ? in Questitalia n.141, pag.30, Venezia, 1969)

A causa delle numerose denunce pubbliche a personaggi politici influenti del regime e anche a causa della sua fedeltà ad Arpinati (ormai in disgrazia), Serrazanetti si inimicò ben presto l'allora segretario del PNF Achille Starace, che contribuì a metterlo nelle condizioni di dover rimpatriare quanto prima possibile. Tornato a Bologna fu vice segretario della locale federazione fascista, a fianco di Mario Ghinelli.

Nel luglio del 1934 Arpinati fu espulso dal partito. Giunta la notizia sul Resto del Carlino numerosi suoi amici tra cui Serrazanetti e Bonacorsi si recarono nella sua abitazione in segno di solidarietà.[15] Nel luglio 1934 una apposita commissione condannò Arpinati a cinque anni di confino. Pochi giorni dopo furono vagliate anche le posizioni degli amici di Arpinati e tra questi Serrazanetti, Marcello Reggiani, Antonio Bedogni, Enrico Gelati e Giuseppe Vittorio Venturi che furono condannati a cinque anni di confino in Sardegna, quattro anni ad Alessandro Emiliani[16] in quanto "dava la propria solidarietà, ostentando atteggiamenti in netto contrasto con lo spirito tradizionalmente fascista ad un tesserato eliminato dai ranghi, perché postosi, notoriamente, contro le direttive del PNF"[17]

Sembra che, in risposta alla condanna Serrazanetti abbia replicato: "Comprerò un asino, e gli metterò nome Achille" (riferendosi ad Achille Starace). Grazie ad un provvedimento di Mussolini comunque, dopo pochi mesi tutti condannati, tranne Arpinati, poterono fare ritorno alle proprie case. Serrazanetti rientrò a Bologna già nell'ottobre dello stesso anno[18].

Accortosi di non poter più operare politicamente a Bologna, per il clima instaurato dal gruppo di Starace, nel 1938 decise di trasferirsi di nuovo in Somalia[19].

Marcello Serrazanetti dopo la conquista di Cassala (Sudan), luglio 1940.

La seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 1940, a guerra appena iniziata, decise di arruolarsi nel Regio Corpo Truppe Coloniali prendendo parte il mese successivo alla conquista di Cassala (Sudan). Già nel marzo del 1941, l'Impero italiano era però ormai sul punto di cadere. Il 3 di aprile venne abbandonata Addis Abeba; il viceré, Duca d'Aosta, poté resistere ancora per poco, sull'Amba Alagi. Rimasero solo poche "basi", nelle quali la popolazione italiana cercava di riunirsi per sfuggire alle vendette degli irregolari etiopi e arrendersi all'esercito di Hailé Selassié[19].

Il 3 aprile il comando vicereale, mentre abbandonava Addis Abeba, decise di trasferire a Gimma alcuni documenti, ritenuti importanti e Serrazanetti si offrì per la missione, giudicata pericolosa. Il 4 aprile partì a capo di un gruppo di sei soldati italiani. A circa 80 km da Addis Abeba però, Serrazanetti ed i soldati vennero sorpresi da un gruppo di nativi: egli si rese conto che passare, senza trattenerli almeno da un lato, sarebbe stato impossibile. Serrazanetti si preoccupò solo di far pervenire a destinazione i documenti in suo possesso, quindi decise di consegnarli ai suoi soldati, ordinando loro di proseguire. Egli si fermò su un'altura, riparandosi dietro un masso. Aveva con sé un moschetto, un fucile da caccia grossa ed alcune bombe a mano.[20]. Quando, due giorni dopo, due autocarri italiani passarono di lì, trovarono il suo corpo e intorno a lui, alcune lance conficcate a terra a guisa di siepe, come un omaggio delle tribù indigene alla salma di un nemico valoroso. Gli altri sei uomini riuscirono a raggiungere Gimma.

Marcello Serrazanetti venne proposto per la concessione della Medaglia d'oro al valor militare alla memoria; tuttavia, la proposta andò per le lunghe per la difficoltà delle indagini, e dopo il 1943, venne archiviata poiché egli era stato, in precedenza, ufficiale della MVSN[21][22].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Volontariamente, con grande slancio e alto spirito militare, assumeva il comando di una sezione di lancia-bombe, assegnata ad un reggimento di fanteria, rendendo utili servizio con la sua operosità, intelligenza ed ardire mirabili, fino a che rimase ferito.»
— Podgora, 28 ottobre-1º novembre 1915.
Croce al merito di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra
Cavaliere dell'Ordine della corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della corona d'Italia
— Regio Decreto 1º giugno 1924[23]
Ufficiale dell'Ordine della corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della corona d'Italia
— Regio Decreto 28 luglio 1930[11]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Basi economiche della Somalia Italiana, Bologna, La Rapida, 1932.
  • Considerazioni sulla nostra attività coloniale in Somalia, Bologna, La Rapida, 1933.
  • La politica indigena in Somalia, Bologna, La Rapida, 1934.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Cobianchi 1943, p. 52
  2. ^ Cobianchi 1943, p. 31
  3. ^ Piero Berbé, Quella prima sfida 80 anni fa, La Stampa, 15 giugno 1990, pag.88.
  4. ^ a b Cobianchi 1943, p. 37.
  5. ^ L'illustrazione italiana, n.47 del 21 novembre 1909.
  6. ^ Cobianchi 1943, p. 53
  7. ^ a b c Cobianchi 1943, p. 65
  8. ^ Nico Piccoli, L'ardimentosa gita aerea di due sportmen bolognesi a bordo del pallone di Nico Piccoli, in Il Resto del Carlino, 5 luglio 1912.
  9. ^ Museo online della Fondazione Vialardi di Sandigliano, Gli antichi reggimenti piemontesi e italiani a cavallo, in Reggimento Cavalleggeri di Saluzzo, 1995 - 2013.
  10. ^ a b c Cagnetta 1979, p. 138
  11. ^ a b Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n.288 del 12 dicembre 1930, pagina 5303.
  12. ^ Iraci 1970, p. 113.
  13. ^ Angelo del Boca, Roma Mogadiscio, cent'anni di errori, in Corriere della Sera, 9 luglio 1993. (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  14. ^ Angelo del Boca, Cent'anni di errori, in la Repubblica, 24 dicembre 1991.
  15. ^ Dalla Casa 2013, p. 277
  16. ^ Dalla Casa 2013, p. 291
  17. ^ Maria Serena Piretti, p. 286.
  18. ^ Dalla Casa 2013, p. 292
  19. ^ a b Iraci 1970, p. 114
  20. ^ Iraci 1970, p. 114-115.
  21. ^ Iraci 1970, p. 115.
  22. ^ Ten. Col. Adriano Torelli, Memorie inedite, in Diari personali, 1940 - 1945.
  23. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n.81 del 7 aprile 1925, pagina 1255.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pietro Barile, Colonizzazione fascista nella Somalia meridionale, Roma, Società italiana arti grafiche, 1935.
  • Gian Paolo Calchi Novati, Il Corno d’Africa nella storia e nella politica, Torino, SEI, 1994, ISBN 978-88-05-05332-2.
  • Mariella Cagnetta, Antichisti e impero fascista, Bari, Dedalo libri, 1979, ISBN 88-220-3726-X.
  • Mario Cobianchi, Pionieri dell'aviazione in Italia, Roma, Editoriale Aeronautico, 1943.
  • Brunella Dalla Casa, Leandro Arpinati. Un fascista anomalo, Bologna, Il Mulino, 2013.
  • Angelo Del Boca, Italiani, brava gente?: un mito duro a morire, Vicenza, Neri Pozza Editore, 2005, ISBN 978-88-545-0013-6.
  • Massimo Ferrari, A Brescia oggi si vola, Milano, EduCatt, 2012, ISBN 978-88-8311-890-6.
  • Agostino Iraci, Arpinati l'oppositore di Mussolini, Roma, Bulzoni, 1970.
  • Nicola Labanca, Oltremare. Storia dell’espansione coloniale italiana, Bologna, Il Mulino, 2002, ISBN 978-88-15-12038-0.
  • (EN) Ioan Myrddin Lewis, A modern history of the Somali: nation and state in the Horn of Africa, London, Longman, 1980, ISBN 978-0-8214-1495-8.
  • Pietro Negro, Nidi d'aquila, Torino, Tipografia Valentino, 1927.
  • Luigi Pestalozza, Somalia: Cronaca della rivoluzione, Bari, Dedalo libri, 1973, ISBN 88-220-0312-8.
  • (EN) Donatella Strangio, The reasons for underdevelopment: The case of decolonisation in Somaliland, London, Springer, 2011, ISBN 978-3-7908-2777-4.
  • A cura di Alessandro Roveri, Il PNF in Emilia Romagna, personale politico, quadri sindacali, cooperazione, Franco Angeli, 1985-1986 (La classe politica dell'Emilia-Romagna durante il ventennio fascista di Maria Serena Piretti)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]