Marcello Girotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marcello Girotto (Cappella, 6 novembre 1947) è un organista e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver compiuto gli studi di organo e pianoforte con Luigi Celeghin e presso il Conservatorio di Padova, si specializza all'estero (Francia, Svizzera, Germania) per la prassi esecutiva, e con altri insigni maestri (tra i quali Luciano Berio, Wolfango Dalla Vecchia e Henri Pousseur), per la composizione.

Attualmente, oltre ad essere un importante concertista, insegna organo e composizione organistica al Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste, ed interviene spesso in conferenze e seminari internazionali in qualità di musicista ed organologo. È inoltre membro della Commissione Organi nelle Chiese della Diocesi di Treviso.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Le sue composizioni, sia per formazioni cameristiche, sia per organo solo o con insiemi, sono caratterizzate da un preponderante stile avanguardista e contemporaneo[senza fonte].

Tra le opere per organo, le più importanti sono "Puer 78", "Messa Organistica di ogni tempo" (Omaggio a Girolamo Frescobaldi) del 1983, "Ictus" (omaggio a Johann Sebastian Bach) del 1985 e "Ut" (omaggio a Guido d'Arezzo) del 1999. Sempre del 1999 anche la composizione per organo e saxofono "Seiunctus Threnus".