Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Marcel Herrand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marcel Herrand (Parigi, 8 ottobre 1897Montfort-l'Amaury, 11 giugno 1953) è stato un attore, regista e direttore teatrale francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la sua carriera artistica nel 1917 con André Antoine, svolgendo una gavetta nelle compagnie teatrali aderenti ai movimenti d'avanguardia, avendo l'opportunità di conoscere ed imparare il mestiere da attori e registi teatrali quali Jacques Copeau e Georges Pitoëff.[1]

Nel 1929, una volta incontrato l'attore Jean Marchat, decise di fondare una sua compagnia teatrale, la Rideau de Paris, con la quale si distinse per una grande professionalità e dedizione culturale.[1]

Ai tempi della seconda guerra mondiale la compagnia di Herrand lavorò stabilmente al Théâtre des Mathurins parigino e come attore si distinse per la raffinatezza recitativa e la notevole presenza scenica.[2]

Oltre alla professione di attore, svolse anche quella di regista, e tra le sue messinscena si possono citare Le Malentendu d'Albert Camus (1944), Le Treizième Arbre d'André Gide (1945), Divines Paroles di Ramón María del Valle-Inclán (1946) e tante altre opere, riedizioni e riadattamenti di lavori classici. In questo periodo artistico scoprì e lanciò l'attrice spagnola Maria Casarès, che diventò la primadonna della compagnia.[3]

Nell'ultimo periodo della sua carriera curò il Festival di Angers.[1]

Apparve anche nel cinema, interpretando varie pellicole, tra le quali Lacenaire in Amanti perduti (1945) di Marcel Carné e Fantômas (1947), diretto da Jean Sacha, specializzandosi in ruoli di 'cattivo' affascinante e seduttore[4].

Lavorò anche in Italia, come nel 1947 quando recitò nel film di Mario Mattoli intitolato Il fiacre n. 13.[5]

Morì nel 1953 a causa di un tumore incurabile.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Nel ruolo di attore[modifica | modifica wikitesto]

Comédie des Champs-Élysées, 1922.

Nel ruolo di regista[modifica | modifica wikitesto]

  • Noces de sang, di Federico García Lorca, in scena al théâtre de l'Atelier, 1938.
  • Dieu est innocent, di Lucien Fabre, in scena al théâtre des Mathurins, 1942.
  • D'après nature ou presque, di Michel Arnaud, in scena al théâtre des Mathurins, 1942.
  • Deirdre des douleurs, di John Millington Synge, in scena al théâtre des Mathurins, 1942.
  • Mademoiselle de Panama, di Marcel Achard, in scena al théâtre des Mathurins, 1942.
  • Solness le constructeur, di Henrik Ibsen, in scena al théâtre des Mathurins, 1943.
  • Le Malentendu, di Albert Camus, in scena al théâtre des Mathurins, 1944.
  • Tartuffe di Molière, in scena al théâtre des Mathurins, 1945.
  • Le Treizième Arbre, di André Gide, in scena al théâtre des Mathurins, 1945.
  • Federigo di René Laporte, in scena al théâtre des Mathurins, 1945.
  • Divines Paroles, di Ramón María del Valle-Inclán, in scena al théâtre des Mathurins, 1946.
  • Primavera, di Claude Spaak, in scena al théâtre des Mathurins, 1946.
  • L'Extravagant Captain Smith, di Jean Blanchon, in scena al théâtre des Mathurins, 1946.
  • Le Crime de Lord Arthur Savile, di Saint John Legh Clowes di Oscar Wilde, in scena al théâtre des Mathurins,1946.
  • L'Île de la raison, di Marivaux, in scena al théâtre des Mathurins, 1947.
  • L'Empereur de Chine, de Jean-Pierre Aumont, théâtre des Mathurins, 1947.
  • Le Roi pêcheur, di Julien Gracq, in scena al théâtre Montparnasse, 1949.
  • Le Bal du Lieutenant Helt, di Gabriel Arout, in scena al théâtre des Mathurins, 1950.
  • La Dévotion à la croix, di Pedro Calderón de la Barca, in scena al Festival d'Angers, 1953.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Le Muse, vol. 5, Novara, De Agostini, 1965, p. 507.
  2. ^ Marcel Herrand nel sito Imdb.com, mymovies.it. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  3. ^ Marcel Herrand nel sito encinematheque.fr, encinematheque.fr. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  4. ^ Jean Tulard, Dictionnaire du cinéma : Les Acteurs, Parigi, Robert Laffont, 2007.
  5. ^ Marcel Herrand nel sito mymovies.it/, mymovies.it. URL consultato il 27 dicembre 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Yvan Foucart, Dictionnaire des comédiens français disparus, Mormoiron, Éditions cinéma, 2008, ISBN 978-2-9531-1390-7.
  • Olivier Barrot e Raymond Chirat, Inoubliables ! Visages du cinéma français 1930-1950, Parigi, Calmann-Lévy, 1956.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2670766 · LCCN: (ENn97855275 · ISNI: (EN0000 0001 2098 5415 · GND: (DE140250247 · BNF: (FRcb14033411t (data)