Mar d'Azov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Coordinate: 46°N 37°E / 46°N 37°E46; 37

Mar d'Azov
Bm krim.jpg
Mar d'Azov, foto satellitare della NASA
Parte di Mar Nero
Stati Russia Russia
Ucraina Ucraina
Dimensioni
Superficie 37 555 km²
Lunghezza 340 km
Larghezza 135 km
Profondità massima 13 m
Idrografia
Ghiacciato grandi porzioni in inverno
Insenature Sivaš
Locatie Zee van Azov.PNG
Posizione in Europa
Il mar d'Azov.

Il mar d'Azov (russo: Азо́вское мо́ре - Azovskoye more; ucraino: Азо́вське мо́ре - Azovs'ke more) è una sezione settentrionale del Mar Nero, collegata al corpo d'acqua principale dallo Stretto di Kerč. È limitato a nord dall'Ucraina, ad est dalla Russia e ad ovest dalla penisola di Crimea. Ad ovest si trova anche la Striscia di Arabat, un cordone sabbioso lungo circa 110 km, che separa il mar d'Azov dalla laguna altamente salina di Sivaš. Nell'antica Grecia era conosciuto come Lago Meotiano, Mare Meotiano o "Palude Meotide" (anche in Tacito), dal nome degli antichi abitatori di queste rive, i "Meoti".

Il mare è lungo 340 km e largo 135, e ha una superficie di 37.555 km². I fiumi principali che sfociano nel mar d'Azov sono il Don e il Kuban'; questi fanno sì che le acque del mare abbiano una salinità relativamente più bassa in certi punti, inoltre trasportano in mare grosse quantità di limo. Il mar d'Azov è il mare meno profondo del mondo, con una profondità massima di soli 13 metri; in effetti, dove il limo si è accumulato, come nel Golfo di Taganrog, la profondità media è inferiore al metro. Le correnti prevalenti del mare scorrono in senso antiorario; le maree sono variabili ma possono arrivare a oltre 5 metri. In inverno grandi porzioni del mare sono coperte dal ghiaccio.

Nel mar d'Azov vi sono diverse isole, sono vicine alla costa, basse, ma soprattutto molto piccole.

I porti principali sono: Berdjans'k, Mariupol', Rostov sul Don, Taganrog e Ejsk. Due canali sfociano nel mare: il Canale Volga-Don e un collegamento al Mar Caspio attraverso il Canale di Manyč. Il mare ha diverse importanti zone di pesca ed è stato sfruttato per l'estrazione di gas naturale e petrolio.

Storicamente il mare ha ospitato una ricca varietà di vita marina, con più di ottanta specie di pesci identificate, e 300 varietà di invertebrati. La diversificazione e i numeri si sono ridotti a causa della pesca intensiva e degli aumentati livelli di inquinamento.

Fauna[modifica | modifica sorgente]

Tra le specie che abitano questo mare e che risalgono i fiumi che sfociano in esso per riprodursi vi è la cheppia (Alosa fallax).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]