Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Mar Cinese Meridionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mar Cinese Meridionale
South China Sea.jpg
Il mar Cinese meridionale
Parte di Mediterraneo Australasiatico
Stati Cina Cina
Taiwan Taiwan
Vietnam Vietnam
Filippine Filippine
Malesia Malesia, Brunei, Indonesia, Singapore
Coordinate 12°N 113°E / 12°N 113°E12; 113Coordinate: 12°N 113°E / 12°N 113°E12; 113
Dimensioni
Superficie 3 500 000 km²
Profondità massima 5 016 m
Profondità media 1 060 m
Relief Map of South China Sea.png

Il Mar Cinese Meridionale (in cinese: 南海T, 南洋S, Nán HǎiP) è una porzione dell'oceano Pacifico situata a sud del Mar Cinese orientale. Fa parte del Mediterraneo Australasiatico[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Coprendo una superficie di circa 3.500.000 km² è la terza porzione di mare più grande al mondo dopo i cinque oceani, il Mar dei Coralli ed il Mar Arabico. È delimitato a nord dalla costa meridionale della Cina e dallo stretto di Formosa, ad est dalle Filippine, a sud-est dal Borneo e dallo stretto di Karimata e ad ovest dalla penisola dell'Indocina.

Il golfo di Siam confina con il mar Cinese meridionale, anche se alcuni geografi lo considerano parte dello stesso. A sud lo stretto di Malacca lo mette in comunicazione con il mar delle Andamane e quello di Karimata con il mar di Giava. A nord lo stretto di Formosa lo mette in comunicazione con il mar Cinese orientale ed a est lo stretto di Luzon con l'oceano Pacifico.

Sul Mar Cinese Meridionale si affacciano (in senso orario a partire da nord) la Cina, Taiwan, le Filippine, la Malesia, il Brunei, l'Indonesia, Singapore, la Thailandia, la Cambogia ed il Vietnam.

L'isola più grande che vi affiora è l'isola cinese di Hainan mentre isole minori compongono gli arcipelaghi delle Spratly e delle Paracel, le isole Pratas, Macclesfield Bank Scarborough Shoal. Una buona parte di queste piccole isole sono disputate tra Cina, Taiwan, Vietnam, Filippine, Brunei e Malesia. Essi rivendicano la sovranità sugli arcipelaghi (o parti di questi) che affiorano sul mare, nello specifico i gruppi Spratly e Paracelso.

In questi due casi specifici le rivendicazioni marittime totali (di Cina, Taiwan) e parziali (di Vietnam, Filippine, Malesia e Brunei) si intrecciano e sovrappongono,dando luogo a dispute che si trascinano da decenni e che sono talvolta sfociate in confronti armati.[2]

Il Mar Cinese Meridionale è solcato da alcune delle rotte marittime più trafficate al mondo che collegano la Cina, il Giappone, la Corea e Taiwan con l'oceano Indiano. Nei suoi fondali vi sono giacimenti di petrolio e gas naturale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Voce Mediterraneo Australasiatico
  2. ^ Rowan Joshua P., The U.S.-Japan Security Alliance, Asean, and the South China Sea Dispute, in Asian Survey, vol. 45, nº 3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN238357174 · GND: (DE4058412-4