Mapei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Mapei (disambigua).
Mapei
Logo
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1937 a Milano
Fondata daRodolfo Squinzi
Sede principaleMilano
Persone chiave
SettoreMateriali chimici per l'edilizia
ProdottiAdesivi, sigillanti, prodotti chimici per edilizia
Fatturato3,264 miliardi di (2021)
Dipendenti10,500 (2019)
Slogan«È tutto OK con Mapei»
Sito webwww.mapei.it

Mapei S.p.A. è una società per azioni italiana, nata nel 1937, operativa nel settore della produzione di materiali chimici per l'edilizia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'innovazione e la ricerca[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda è stata fondata col nome Materiali Autarchici per l'Edilizia e l'Industria[1], poi mutato nel secondo dopoguerra in Materiali Ausiliari per l’Edilizia e l’Industria, da Rodolfo Squinzi,[2] con soli sette dipendenti. Nei primi tempi ha prodotto intonaci colorati e materiali per rivestimenti edili.

Successivamente si è rivolta ad un mercato all'epoca ancora di nicchia, ma espansosi rapidamente dagli anni sessanta: quello degli adesivi per pavimenti e rivestimenti, in particolare per linoleum e successivamente ceramica, materiali lapidei, moquette, PVC e legno.[3]. La produzione si è poi estesa ad altre malte speciali, impermeabilizzanti e additivi per calcestruzzo.

L'internazionalizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Stabilimento Mapei a Robbiano di Mediglia, nella periferia di Milano

Nel 1978, sotto la guida di Giorgio Squinzi, la società iniziò un processo di internazionalizzazione sia commerciale che produttiva, aprendo un primo piccolo stabilimento in Canada dopo aver fornito gli adesivi per la posa dei pavimenti in gomma utilizzati per le piste di atletica delle Olimpiadi del 1976. Da allora l'espansione societaria proseguì anche nei decenni successivi in Austria, Stati Uniti, Francia e nel resto del mondo con l’apertura di nuove filiali e con l'acquisizione di altri importanti marchi a partire dal 1994 in Italia con Vinavil, fino ad arrivare all'acquisizione di Fili & Forme. La strategia di sviluppo è legata all'esigenza di produrre adesivi e prodotti chimici per l'edilizia a non più di 400-500 chilometri di distanza per non rendere i costi di trasporto insostenibili.[4].

La gestione societaria, rimasta prettamente a conduzione familiare, ha condotto Mapei a un livello multinazionale, ponendola tra i maggiori produttori mondiali di adesivi e prodotti chimici per l'edilizia con (dati 2019) 90 consociate in 56 Paesi che operano con 83 stabilimenti produttivi in 36 paesi diversi, 31 centri di ricerca (di cui uno corporate) in 20 paesi,[5] oltre 10.500 dipendenti, più di 5.000 prodotti per l'edilizia.[6]

Dal 1991 il gruppo Mapei pubblica un bimestrale in italiano e inglese, diretto per 28 anni fino al 2019 da Adriana Spazzoli: Realtà Mapei, che ha una tiratura di 160 000 copie, distribuite in tutta Italia e Realtà Mapei International, che ha una tiratura di 22 000 copie distribuite in tutto il mondo.

Dopo la scomparsa di Giorgio Squinzi e della consorte nel 2019, i figli Marco Squinzi e Veronica Squinzi assumono la direzione dell’azienda, come amministratori delegati; il riassetto del consiglio di amministrazione vede quali membri Marco Squinzi, Veronica Squinzi, Simona Giorgetta e alla presidenza Laura Squinzi.

Realizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni le soluzioni Mapei sono state utilizzate per la posa delle piste di atletica nelle varie Olimpiadi dopo quella di Montreal, per i restauri dei corridoi della Cappella Sistina, per la posa dei pavimenti del salone principale del Cremlino, per il restauro degli affreschi di Giotto nella Basilica di San Francesco di Assisi sfregiata dal terremoto, per il tunnel del Monte Bianco, per la realizzazione delle torri gemelle di Kuala Lampur, per il ponte che collega la Danimarca alla Svezia, per la diga delle Tre Gole in Cina, per i 240 chilometri di gallerie che permettono il passaggio del supertreno Tokyo-Osaka, per i pavimenti dell'Aeroporto internazionale di Hong Kong, per il ripristino e la realizzazione della pista del Velodromo di Kiev e per il recupero delle strutture lignee del Museo d'arte di Basilea.[7].

I prodotti Mapei sono stati utilizzati nella realizzazione del Canale di Panama, nella costruzione dell’Aeroporto Internazionale di Pechino-Daxing in Cina, nella ristrutturazione e successivamente nell’ampliamento del Teatro alla Scala di Milano. Mapei ha fornito additivi per la costruzione delle fondamenta del nuovo Ospedale Galeazzi a Milano e ha contribuito con le sue soluzioni al viadotto Genova San Giorgio,

Sport e Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Mapei nello sport[modifica | modifica wikitesto]

Dagli anni 1980 Mapei ha investito (dapprima come sponsor, poi come proprietaria) nel Sassuolo Calcio; le risorse del gruppo hanno permesso al club di raggiungere i maggiori successi della propria storia, scalando le divisioni del campionato italiano di calcio fino ad arrivare alla Serie A e alle coppe europee. Mapei ha altresì dotato il Sassuolo di uno stadio di proprietà (il Mapei Stadium - Città del Tricolore di Reggio Emilia) e di un proprio centro sportivo (il Mapei Football Center, inaugurato nel 2019 a Ca’ Marta di Sassuolo).

Dal 2020 è main sponsor del Lanús, squadra militante nella Primera División[8].

Prima di entrare nel calcio, Mapei ha legato il suo nome a quello del ciclismo, sponsorizzando una squadra che per un decennio ha dominato le massime competizioni nel panorama ciclistico internazionale. Tra i principali atleti si annoverano Tony Rominger, Pavel Tonkov, Andrea Tafi, Franco Ballerini, Paolo Bettini, Gianni Bugno, Óscar Freire, Johan Museeuw.[9] Proprio per supportare con razionalità scientifica e corretto approccio etico la squadra ciclistica nel 1996 è stato aperto a Castellanza (poi trasferito a Olgiate Olona), insieme al prof. Aldo Sassi, il Centro ricerche Mapei Sport con laboratori, ambulatori, centri di analisi. Cessato l'impegno diretto nel ciclismo, la struttura è stata mantenuta operativa, fornendo i propri servizi a vari clienti esterni.[10]

Mapei è stata sponsor anche della Pallacanestro Reggiana e della squadra di pallacanestro femminile di Napoli (che assumeva la denominazione di Saces-Mapei-Givova Napoli).

Mapei nella cultura[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda è legata al Teatro alla Scala di Milano. Nel 1984 sottoscrive per la prima volta l'"abbonamento sostenitore". Poi, dopo aver avuto una parte attiva nella ristrutturazione e nel restauro della struttura, diventa nel 2008 "socio fondatore". Nel 2016 Giorgio Squinzi entra a far parte del consiglio d'amministrazione. Mapei è anche "socio fondatore" dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma.

A Milano sostiene lo Spazio Teatro No'hma che dal 2000 è sede delle attività artistiche dell'omonima associazione, fondata da Teresa Pomodoro e ricavata nell'ex palazzina dell'acqua potabile di via Orcagna, nel quartiere di Città Studi. Mapei è Sponsor dell’Orchestra Verdi e della Fondazione La Triennale di Milano,

Mapei è legata a Milano anche attraverso la collaborazione con il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci e la ristrutturazione del Teatro dell’istituto penale minorile C. Beccaria.

Le iniziative di solidarietà[modifica | modifica wikitesto]

Mapei ha patrocinato numerose serate musicali organizzate per la raccolta di fondi destinati alla ricerca per diversi enti e fondazioni che Mapei sostiene, come il Concerto del Comitato di Milano della Croce Rossa Italiana e la Celebrity Fight Night della Andrea Bocelli Foundation

Mapei è parte attiva in diverse iniziative nel segno della solidarietà in tutta Italia, volte ad aiutare i più bisognosi offrendo loro non solo donazioni, ma anche il proprio know-how, l’esperienza dei propri tecnici di laboratorio e di cantiere e le proprie tecnologie.

Azionisti[modifica | modifica wikitesto]

La società è controllata dalla Emme Esse Vi s.r.l., finanziaria della famiglia Squinzi, che ne detiene il 93,95%; il restante 6,05% è costituito da azioni proprie detenute dalla stessa Mapei.

Dati economici e finanziari[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio degli anni novanta i dipendenti della Mapei erano 500.[11] Nel 2006 erano 4.679 dipendenti, di cui 906 in organico alla capogruppo (quell'anno il gruppo Mapei aveva un capitale investito consolidato di circa 953,9 milioni di euro, con un patrimonio netto di circa 387,6 milioni di euro, un fatturato consolidato di 1,18 miliardi di Euro ed un utile netto consolidato di circa 59,4 milioni). Nel 2012 Mapei con 2,1 miliardi di euro era la terza industria chimica italiana per fatturato dopo Versalis e il Gruppo Mossi & Ghisolfi. Il numero di dipendenti era 7500, dislocati in oltre 58 stabilimenti in 28 paesi.[2] Nel 2017 sfiorano i 10.000. Nel 2018 il fatturato consolidato è di 2,5 miliardi di Euro e i dipendenti oltre 10.000 nel mondo.

Nel 2017, in occasione degli 80 anni compiuti dalla società, Giorgio Squinzi dichiara che, nella sua storia, la Mapei non ha mai chiuso un bilancio in perdita, non ha mai fatto ricorso alla cassa integrazione, non ha mai licenziato per riduzione di organici.[12]

Nel 2019, il fatturato consolidato è di 2,8 miliardi di euro e i dipendenti 10500 nel mondo.

Le consociate del Gruppo Mapei[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito le 90 consociate operanti nel 2019.

  • 4307721 Canada Inc
  • Adesital Spa
  • AO Mapei
  • Cercol Spa
  • Fili&Forme Srl
  • General Resource Technology Corporation
  • Gorka Cement Sp.zoo
  • Gorka Cement Us Corp.
  • Lusomapei Lda
  • Mapefin Austria GmbH
  • Mapefin Deutschland GmbH
  • Mapei Ab (Sweden)
  • Mapei Argentina S.A.
  • Mapei As (Norway)
  • Mapei Australia Pty Ltd
  • Mapei Austria GmbH
  • Mapei Benelux SA
  • Mapei Brasil Construction Materials LTDA
  • Mapei Bulgaria E.O.O.D.
  • Mapei Caribe Inc
  • Mapei China Ltd.
  • Mapei Colombia Sas
  • Mapei Construction Chemicals llc
  • Mapei Construction Chemicals PANAMA SA
  • Mapei Construction Materials (Guangzhou) Co. Ltd
  • Mapei Construction Materials (Guangzhou) Co. Ltd Shanghai branch company
  • Mapei Construction products India Pvt Ltd
  • Mapei Corp
  • Mapei Costa Rica
  • Mapei Croatia d.o.o.
  • Mapei De Mexico SA DE CV
  • Mapei Denmark As
  • Mapei Doha LLC
  • Mapei Dominicana
  • Mapei Doo
  • Mapei East Africa Ltd
  • Mapei East Corp
  • Mapei Egypt Construction Chemical Sae
  • Mapei Far East Pte Ltd
  • Mapei France Sa
  • Mapei GmbH Germany
  • Mapei Hellas SA
  • Mapei Inc
  • Mapei Kft (Hungary)
  • Mapei Korea ltd
  • Mapei Malaysia Sdn Bhd
  • Mapei Marine Srl
  • Mapei Nederland Bv
  • Mapei New Zealand Ltd
  • Mapei OY (Finland)
  • Mapei Perù Sac
  • Mapei Philippines Inc.
  • Mapei Polska Sp.zoo
  • Mapei Romania Srl
  • Mapei Saudia LLC
  • Mapei Sk Sro
  • Mapei South Africa pty Ltd
  • Mapei Spa
  • Mapei Spain SA
  • Mapei Spol Sro (Czech Republic)
  • Mapei SRB Doo
  • Mapei Stadium Srl
  • Mapei Suisse Sa
  • Mapei Uk Ltd
  • Mapei Ukraina Llc
  • Mapei Venezuela Ca
  • Mapei Vietnam Ltd
  • Mapei Yapi Kimyasallari Inşaat Sanayi ve Ticaret Anonim Şirketi
  • Mosaico +
  • Polyglass GB Ltd
  • Polyglass Spa
  • Polyglass USA Inc.
  • PT MAPEI Indonesia Construction Products
  • PT MAPEI Indonesia Construction Solutions
  • Rasco Bitumentechnik GmbH
  • Representative Office of ZAO Mapei in Kazakhstan
  • Resconsult As
  • Sopro Bauchemie Gmbh (Austria)
  • Sopro Bauchemie Gmbh (Germania)
  • Sopro Hungaria Kft
  • Sopro Netherland Bv
  • Sopro Polska Sp.zoo
  • Sopro Suisse
  • Tecnopol Sistemas Slu
  • U.S. Sassuolo Calcio Srl
  • VA.GA. Srl
  • Vinavil Americas Corp
  • Vinavil Americas Inc.
  • Vinavil Egypt for Chemicals Sae
  • Vinavil Spa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La storia - Mapei, su mapei.it. URL consultato il 19 marzo 2020 (archiviato il 23 ottobre 2019).
  2. ^ a b La Chimica al vertice di confindustria, in La Chimica & l'Industria, n. 4, maggio 2012, p. 14.
  3. ^ Alberto Mazzuca, I numeri uno del made in Italy, Milano, Baldini Castoldi Dalai, 2005, pp. 258-259
  4. ^ Alberto Mazzuca, op.cit., p. 259.
  5. ^ Mapei: "La nostra colla arrivata fino alla diga più grande del mondo", su repubblica.it, 22 gennaio 2018. URL consultato il 9 marzo 2018 (archiviato il 9 marzo 2018).
  6. ^ Realtà Mapei, numero 140, gennaio-febbraio 2017
  7. ^ Diversi numeri di Realtà Mapei reperibili sul sito dell'azienda.
  8. ^ Mapei Argentina è Main Sponsor della squadra di calcio Lanús Buenos Aires, su mapei.com. URL consultato il 12 dicembre 2020.
  9. ^ Chiude la corazzata Mapei, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 25 ottobre 2017 (archiviato il 25 ottobre 2017).
  10. ^ Un'azienda modello, il ciclismo e il calcio. Ecco chi era il signor Mapei, su gazzetta.it, 3 ottobre 2019. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato l'8 ottobre 2019).
  11. ^ Testimonianza di Giorgio Squinzi in Realtà Mapei, numero 141, marzo-aprile 2017.
  12. ^ Realtà Mapei, numero 139, novembre-dicembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Mazzuca, Giorgio Squinzi, l'uomo che tiene incollato il mondo in I numeri uno del made in Italy, Milano, Baldini Castoldi Dalai, 2006. ISBN 88-8490-796-9

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]