Manuel Marín

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manuel Marín
Immanuel Marín die 23 Novembris 2009.jpg

Presidente della Commissione europea
Durata mandato 15 marzo 1999 –
16 settembre 1999
Predecessore Jacques Santer
Successore Romano Prodi

Commissario europeo per le Relazioni con i Paesi del Sud del Mediterraneo, dell'America Latina e del Medio Oriente
Durata mandato 23 gennaio 1995 –
16 settembre 1999
Presidente Jacques Santer
Manuel Marín
Predecessore Hans van den Broek (Relazioni Esterne)
Successore Chris Patten(Relazioni Esterne)

Commissario europeo per la Cooperazione e lo Sviluppo e gli Aiuti Umanitari
Durata mandato 1993 –
23 gennaio 1995
Presidente Jacques Delors
Predecessore Manuel Marín (Cooperazione e Sviluppo e Pesca)
Successore João de Deus Pinheiro (Relazioni con gli Stati ACP e il Sudafrica e Convenzione di Lomé)

Commissario europeo per la Cooperazione e lo Sviluppo e la Pesca
Durata mandato 1989 –
1992
Presidente Jacques Delors
Predecessore Lorenzo Natali (Cooperazione e Sviluppo e Allargamento)
Frans Andriessen (Agricoltura e Pesca)
Successore Manuel Marín (Cooperazione e Sviluppo e Aiuti Umanitari)
Ioannis Paleokrassas (Ambiente, Sicurezza Nucleare, Protezione Civile e Pesca)

Commissario europeo per gli Affari Sociali, l'Occupazione e l'Istruzione
Durata mandato 1º gennaio 1986 –
1989
Presidente Jacques Delors
Predecessore Ivor Richard (Occupazione e Affari Sociali)
Successore Vasso Papandreou (Occupazione, Relazioni Industriali e Affari Sociali)

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Operaio Spagnolo

Manuel Marín González (Ciudad Real, 21 ottobre 1949Madrid, 4 dicembre 2017) è stato un politico spagnolo.

È stato vicepresidente della Commissione Santer e contestualmente alla sua caduta ha assunto il ruolo di Presidente della Commissione Europea nel 1999; apparteneva al Partito Socialista Spagnolo (PSOE).

È morto il 4 dicembre 2017, a Madrid, all'età di 68 anni dopo una lunga malattia[1].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Croce dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio
— 2000
Gran Croce dell'Ordine di Carlo III - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Carlo III
— 14 aprile 2008[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Spagna: morto Manuel Marin, ex vicepresidente Commissione Ue, su tgcom24.mediaset.it, 5 dicembre 2017. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  2. ^ Bollettino Ufficiale di Stato

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della Commissione Europea Successore Flag of Europe.svg
Jacques Santer 15 marzo 1999 - 16 settembre 1999 Romano Prodi
Predecessore Commissario europeo
per gli Affari Sociali, l'Occupazione e l'Istruzione
Successore Flag of Europe.svg
Ivor Richard (Occupazione e Affari Sociali) 1º gennaio 1986 - 1989 Vasso Papandreou (Occupazione, Relazioni Industriali e Affari Sociali)
Predecessore Commissario europeo per la Cooperazione e lo Sviluppo e la Pesca Successore Flag of Europe.svg
Lorenzo Natali (Cooperazione e Sviluppo e Allargamento)
Frans Andriessen (Agricoltura e Pesca)
1989 - 1992 Manuel Marín (Cooperazione e Sviluppo e Aiuti Umanitari)
Ioannis Paleokrassas (Ambiente, Sicurezza Nucleare, Protezione Civile e Pesca)
Predecessore Commissario europeo
per la Cooperazione e lo Sviluppo e gli Aiuti Umanitari
Successore Flag of Europe.svg
Manuel Marín (Cooperazione e Sviluppo e Pesca) 1993 - 23 gennaio 1995 João de Deus Pinheiro (Relazioni con gli Stati ACP e il Sudafrica e Convenzione di Lomé)
Predecessore Commissario europeo
per le Relazioni con i Paesi del Sud del Mediterraneo, dell'America Latina e del Medio Oriente
Successore Flag of Europe.svg
Hans van den Broek (Relazioni Esterne) 23 gennaio 1995 - 16 settembre 1999 Chris Patten (Relazioni Esterne)
Predecessore Commissario europeo
della Spagna
Successore Flag of Spain.svg
- 1º gennaio 1986 - 16 settembre 1999
fino ad aprile 1994 con Abel Matutes, poi con Marcelino Oreja
Pedro Solbes
Controllo di autoritàVIAF: (EN242860216 · GND: (DE171819470