Mansioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diritto del lavoro in Italia








modifica

Categoria:Diritto del lavoro
Portale: Diritto del lavoro

Le mansioni, nel diritto del lavoro italiano, indicano l'insieme dei compiti e delle specifiche attività che il prestatore di lavoro deve eseguire nell'ambito del rapporto di lavoro.

Esse costituiscono l'oggetto specifico dell'obbligazione lavorativa, generalmente sono individuate nel contratto di lavoro.

Disciplina normativa[modifica | modifica wikitesto]

Tutto questo trova fondamento nel principio di contrattualità delle mansioni, di cui all'art. 2103 del codice civile italiano, come novellato dall'art. 13 dello Statuto dei Lavoratori e dal Jobs Act, secondo cui :

« il lavoratore deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto [...] ovvero a mansioni equivalenti alle ultime effettivamente svolte. In caso di modifica degli assetti organizzativi aziendali che incide sulla posizione del lavoratore, lo stesso può essere assegnato a mansioni appartenenti al livello di inquadramento inferiore purché rientranti nella medesima categoria legale.[..]. Nelle ipotesi di cui al secondo e al quarto comma, il mutamento di mansioni è comunicato per iscritto, a pena di nullità, e il lavoratore ha diritto alla conservazione del livello di inquadramento e del trattamento retributivo in godimento, fatta eccezione per gli elementi retributivi collegati a particolari modalità di svolgimento della precedente prestazione lavorativa. Nelle sedi di cui all'articolo 2113, quarto comma, o avanti alle commissioni di certificazione, possono essere stipulati accordi individuali di modifica delle mansioni, della categoria legale e del livello di inquadramento e della relativa retribuzione, nell'interesse del lavoratore alla conservazione dell'occupazione, all'acquisizione di una diversa professionalità o al miglioramento delle condizioni di vita. Il lavoratore può farsi assistere da un rappresentante dell'associazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato o da un avvocato o da un consulente del lavoro. »
« Il prestatore di lavoro deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o alle mansioni equivalenti nell'ambito dell'area di inquadramento ovvero a quelle corrispondenti alla qualifica superiore che abbia successivamente acquisito per effetto delle procedure selettive di cui all'articolo 35, comma 1, lettera a). L'esercizio di fatto di mansioni non corrispondenti alla qualifica di appartenenza non ha effetto ai fini dell'inquadramento del lavoratore o dell'assegnazione di incarichi di direzione »
(Testo Unico sul Pubblico Impiego, D.lgs. 165/2001, art. 52)

Come si vede dalla lettera della legge, il demansionamento unilaterale da parte del datore è possibile in forma scritta, ma il lavoratore conserva il diritto al livello di inquadramento, da cui segue il diritto alla piena retribuzione di cui godeva in precedenza.
Tuttavia, è possibile che in "sede protetta" datore e dipendente si accordino per un nuovo contratto individuale di lavoro, che modifichi anche il livello di inquadramento e la categoria legale. Dopo sei mesi continuativi in nuovoe mansioni superiori, se non ha avuto luogo per ragioni sostitutive di altro lavoratore in servizio, il lavoratore acquisisce il diritto al livello di inquadramento superiore corrispondente alle nuove mansioni.

Le mansioni come le categorie di appartenenza sono stabilite dai CCNL di categoria. Il codice civile all'art. 2095 stabilisce tre categorie: operaio, impiegato, dirigente. Ai contratti di categoria è affidata la disciplina di qualifica e categoria (le cosiddette declaratorie, con l'elenco dei compiti che il datore può richiedere per un dato profilo professionale previsti, che viene associato ad un livello di inquadramento)[1]. L'azienda a sua volta può -ma nonè obbligata- a dotarsi di un mansionario interno con l'elenco dei compiti, servizi e scadenze temporali che devono essere rispettate dai singoli dipendenti e/o per profili professionali.

Successivamente, la legge n. 190 del 13 maggio 1985, con la modifica dell'art. 2095 del Codice civile, ha riconosciuto giuridicamente la categoria intermedia dei quadri entrati anche nella contrattazione collettiva[2] Inoltre, il lavoratore non può essere trasferito da una unità produttiva ad un'altra se non per comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive, disponendo che ogni patto contrario sia nullo (art. 2103 Codice civile).

È vero quindi che il prestatore di lavoro può essere adibito alle mansioni di assunzione, ma anche alle mansioni corrispondenti alla categoria o livello superiore che abbia successivamente acquisito oppure a mansioni equivalenti a quelle ultime effettivamente svolte, senza alcuna diminuzione della retribuzione.

Modifica delle mansioni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ius variandi.

È possibile modificare le mansioni del lavoratore, attraverso il cosiddetto jus variandi, che indica il potere del datore di lavoro di modificare le mansioni del lavoratore oltre l'ambito convenuto, nel rispetto della legge, dei contratti collettivi e del principio generale di buona fede. In ogni caso, secondo il principio di cui all'art. 36 Cost, il lavoratore ha diritto ad una retribuzione dignitosa e proporzionata alla qualità e quantità del suo lavoro.[3]
Inoltre, al fine di tutelare il lavoratore che abbia acquisito una professionalità l'assegnazione stessa diviene definitiva, ove la medesima non abbia avuto luogo per sostituzione del lavoratore assente con diritto alla conservazione del posto, dopo un periodo fissato dai contratti collettivi, e comunque non superiore a tre mesi.

In particolare l'art. 2103 c.c afferma che nel caso di assegnazione a mansioni superiori il prestatore ha diritto al trattamento corrispondente all'attività svolta. Inoltre la norma vieta l'assegnazione del lavoratore a mansioni inferiori (cd. mobilità verso il basso), a meno che non si sia in presenza di esigenze straordinarie sopravvenute e temporanee, oppure per tutelare la salute del lavoratore o il suo interesse alla conservazione del posto di lavoro (è il caso della lavoratrice madre), ovvero in caso di crisi aziendale con soppressione del posto di lavoro e delle corrispondenti mansioni. Per motivi sanitari il lavoratore può essere tuttavia temporaneamente assegnato a mansioni inferiori per essere allontanato da esposizioni nocive (art. 8 d.lgs. 15 agosto 1991 n. 277).[4] In caso di tale assegnazione, che deve riguardare mansioni equivalenti o anche inferiori, il datore di lavoro deve dare attuazione alla prescrizioni del medico competente ed al lavoratore viene comunque garantito il trattamento corrispondente alle mansioni di provenienza.[5] Il Jobs Act amplia le cassitiche in cui è lecito il demansionamento del lavoratore, ma sempre a retribuzione e livello di inquadramento contrattuale invariati.

Oltre questi casi, il lavoratore può legittimamente rifiutarsi di svolgere mansioni diverse da quelle per le quali è stato assunto.

Nel settore pubblico, è nulla l'assegnazione del dipendente a mansioni superiori se non per sostituzione ovvero temporanea vacanza in organico, mentre sono avviate procedure di selezione tramite concorso. Il dipendente ha diritto alla differenza retributiva fra i due livelli di inquadramento, e il dirigente risponde del maggior onere se ha agito per dolo o colpa grave (d. lgs. 165/2001, art. 52, comma 5, no nderogabile dai contratti collettivi).

Mansioni e compiti[modifica | modifica wikitesto]

Comunque bisogna distinguere tra le mansioni esecutive e i compiti. Generalmente le mansioni sono correlate ad attività lavorative strettamente legate agli ordini ricevuti dal datore di lavoro. Per quanto riguarda la definizione di "compiti", in questo caso c'è una prestazione lavorativa che mette in campo anche le capacità intellettive di colui che le svolge. Le mansioni costituiscono l'oggetto dell'obbligazione dovuta dal lavoratore con la sua prestazione (il corrispettivo della prestazione di lavoro è la retribuzione).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diritto del lavoro. 2. Il rapporto di lavoro subordinato, Carinci F., De Luca Tamajo R., Tosi P., Treu T.
  2. ^ Categorie dei lavoratori. Discipline privatistiche, Digesto (Discipline privatistiche), Garilli A., UTET, 1988
  3. ^ Art. 36 comma 1 della Costituzione della Repubblica Italiana
  4. ^ Massimo Viceconte, Lavoro e previdenza oggi pp. 202 ss.
  5. ^ Art. 42 d.lgs. 9 aprile 2008 n. 81

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimio Viceconte - Lavoro e previdenza oggi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]