Mano nel gilet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Napoleone nel suo gabinetto di lavoro di Jacques-Louis David, celebre esempio di ritratto "mano nel gilet".

La mano nel gilet è una postura del soggetto ripresa nei ritratti tra XVIII e XIX secolo che consisteva nel rappresentare una persona con una mano posta all'interno del gilet o della giacca, tra il torso ed il ventre. Questo gesto, regolarmente associato alla figura di Napoleone Bonaparte, ha dato adito a diverse spiegazioni, dalle più plausibili alle più fantasiose. La prima e più famosa delle spiegazioni di questo gesto, ben esposta dallo storico Thierry Lentz, racconta il fatto che Napoleone fosse solito portarsi la mano al ventre a causa di una serie di dolori di stomaco, probabilmente collegato al tumore che si ritiene la sua causa di morte.[1][2]

La postura è presente nei ritratti di diverse personalità e per essa si sono ritrovate due cause possibili: il gesto si ritrova nei ritratti ufficiali, una postura ispirata all'attitudine del filosofo greco Eschine mentre teneva i suoi discorsi, già prima di Napoleone.

In epoca napoleonica era reputato come sconveniente il lasciar cadere le braccia pendenti lungo il corpo, anche perché i pantaloni non avevano delle tasche e pertanto gli uomini ponevano gli oggetti che dovevano portare con sé all'interno del proprio gilet; a questo costume si ispirò anche lo scrittore ed ecclesiastico Jean-Baptiste de La Salle nel suo Les règles de la bienséance et de la civilité chrétienne del 1702.[3][4]

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) François-Guillaume Lorrain, Thierry Lentz : "Cessons le Napoléon bashing !", su Le Point, 4 aprile 2013. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  2. ^ Thierry Lentz, Jacques Macé, La Mort de Napoléon, p. 51
  3. ^ Copia archiviata (PDF), su lasalle.org. URL consultato il 5 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2014).
  4. ^ 1789-1815 Main dans le gilet, su www.1789-1815.com. URL consultato il 21 ottobre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]