Mannish Boy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manish Boy
Muddywaters Mannish Boy.jpg
ArtistaMuddy Waters
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1955
Durata2:55
Dischi1
Tracce2
GenereBlues
EtichettaChess Records (Chess 1602)
ProduttoreLeonard Chess, Phil Chess
NoteLato B: Young Fashioned Ways
Muddy Waters - cronologia
Singolo precedente
I'm Ready
(1954)
Singolo successivo
Trouble No More
(1955)

Mannish Boy (o Manish Boy come venne inizialmente intitolato) è un brano musicale blues di Muddy Waters, considerato uno standard del genere.

Inciso nel 1955, il pezzo è una sorta di "canzone risposta" a I'm a Man di Bo Diddley, che a sua volta si era ispirato a Hoochie Coochie Man dello stesso Waters e di Willie Dixon.[1] Mannish Boy è ufficialmente accreditata a Waters (vero nome McKinley Morganfield), Mel London, e Bo Diddley (vero nome Ellas McDaniel).[2]

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Con il titolo Manish Boy, la canzone venne incisa a Chicago il 24 maggio 1955.[2] Si trattò dell'unica incisione effettuata da Muddy Waters tra il gennaio 1953 e il giugno 1957 a non vedere la partecipazione di Little Walter all'armonica a bocca (in quanto egli all'epoca era in tour) e di una delle poche registrazioni in studio con Junior Wells.[2] Ad accompagnare Waters nel brano sono presenti Jimmy Rogers alla chitarra, Fred Below alla batteria, e una corista non identificata.[2] Pubblicata su singolo (B-side Young Fashioned Ways), la canzone raggiunse la quinta posizione nella classifica statunitense Billboard R&B Chart.[3] Nel 1988 avrebbe raggiunto anche la posizione numero 51 nella Official Singles Chart britannica.[4]

Muddy Waters registrò svariate versioni di Mannish Boy in carriera. Nel 1968, ne incise una versione per l'album Electric Mud nel tentativo di attrarre il pubblico del rock. Dopo aver lasciato la Chess, la incise ancora nel 1977 per il disco Hard Again prodotto da Johnny Winter. Una versione dal vivo insieme a Winter appare in Muddy "Mississippi" Waters Live (1979). Muddy Waters eseguì la canzone anche durante il concerto di addio della The Band, versione inclusa sull'album The Last Waltz e nel film documentario omonimo di Martin Scorsese.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1986, l'incisione originale di Muddy Waters di Mannish Boy è stata inserita nella Blues Hall of Fame nella categoria "Classics of Blues Recordings".[2] Inoltre è stata inserita anche nella lista "500 Songs that Shaped Rock and Roll" redatta dalla Rock and Roll Hall of Fame.[5] Mannish Boy è stata inserita alla posizione numero 230 nella lista dei 500 migliori brani musicali di sempre stilata dalla rivista Rolling Stone.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gerard Herzhaft, I'm a Man, in I'm a Man, Encyclopedia of the Blues, Fayetteville, Arkansas, University of Arkansas Press, 1992, p. 454, ISBN 1-55728-252-8.
  2. ^ a b c d e Blues Foundation, 1986 Hall of Fame Inductees: Manish Boy – Muddy Waters (Chess, 1955), su The Blues Foundation, 10 novembre 2016. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  3. ^ Joel Whitburn, Top R&B Singles 1942–1988, Menomonee Falls, Wisconsin, Record Research, 1988, p. 453, ISBN 0-89820-068-7.
  4. ^ Muddy Waters – Singles, su Official Charts. URL consultato il 7 marzo 2011.
  5. ^ 500 Songs That Shaped Rock and Roll (Artists W-Z), in Rock and Roll Hall of Fame (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2009).
  6. ^ Rolling Stone, The 500 Greatest Songs of All Time, in Rolling Stone, nº 963, 9 dicembre 2004.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica