Manlio Castagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Manlio Castagna foto di Gaetano del Mauro

Manlio Castagna (Salerno, 8 gennaio 1974) è uno scrittore, regista, sceneggiatore critico cinematografico italiano, autore di libri fantasy, thriller e saggi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Manlio Castagna si è laureato in scienze della comunicazione con una tesi in semiologia del cinema e degli audiovisivi sul rapporto tra immagine fissa e immagine in movimento.[1][2]

Ha scritto e diretto con Gianfranco Martana il suo primo cortometraggio nel 1998: Indice di frequenza, vincitore della IV Edizione del Linea d'Ombra Festival.

È entrato nello staff della direzione artistica del Giffoni Film Festival nel 1998 dove resta fino al 2020. Dal 2007 al 2018 ha ricoperto il ruolo di vice direttore.[3][4][5]

Ha pubblicato il suo primo romanzo nel 2018 con Mondadori: Petrademone - Il Libro delle porte[6], finalista al premio nazionale di letteratura per ragazzi "Giacomo Giulitto" e diventato in breve un best seller tradotto in spagnolo, ceco e russo. Al libro seguono altri due volumi che formano la trilogia dark fantasy di Petrademone, i cui diritti cinematografici sono stati acquisiti da Ivan Cotroneo e Indigo.

Tra il 2018 e il 2022 ha pubblicato vari romanzi per ragazzi con Mondadori, Emons, DeAgostini e Piemme.

Tra i suoi romanzi di maggior successo c'è La notte delle malombre[7] che racconta il cosiddetto disastro di Balvano. Uscito nel 2020 sempre per Mondadori, si è aggiudicato la menzione speciale al Premio Cento nel 2021[8] e nello stesso anno è arrivato nella long list finale del Premio Strega per ragazzi e ragazze.[9]

Dal 2014 al 2018 è stato creative advisor per il Doha Film Institute in Qatar.[10][11][12]

Nel 2021 la sua sceneggiatura Azione scritta con Gabriele Lavia è selezionata nell’ambito di Corti d’Autore, iniziativa del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale in collaborazione con l’Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive Multimediali (ANICA). Il cortometraggio è prodotto da One More Pictures e diretto dallo stesso Gabriele Lavia.[13]

Nel 2022 ha esordito al cinema come co-sceneggiatore e regista del docu-film Il viaggio degli eroi interpretato da Marco Giallini, prodotto da Rai Cinema, One More Pictures e Rai Com e andato in onda, dopo un passaggio nelle sale, in prima serata su Rai 1 l'11 luglio 2022, per celebrare i 40 anni esatti dalla vittoria della nazionale italiana ai Mondiali di calcio di Spagna 1982.

Ha scritto e sceneggiato tre episodi della prima stagione della serie animata Topo Gigio (2020).

Collabora, come docente di scrittura creativa per i generi horror, fantasy e sci-fi con la Scuola Holden di Torino.

Dal marzo 2023 scrive di cinema per il magazine di Cinecittà CinecittàNews e la rivista Otto e mezzo.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Albi illustrati[modifica | modifica wikitesto]

Raccolta racconti[modifica | modifica wikitesto]

Graphic Novel[modifica | modifica wikitesto]

Saggi e non - Fiction[modifica | modifica wikitesto]

  • Pronto soccorso cinematografico per cuori infranti, Edizioni Il punto d'Incontro, Vicenza, 2012. ISBN 978-8880938774
  • Io e il cane (con Roberto Mucelli), Edizioni Il punto d'Incontro, Vicenza, 2014. ISBN 978-8868201296
  • 116 film da vedere prima dei 16 anni, Mondadori, Milano, 2021. ISBN 978-8804738756

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Indice di frequenza (1998)
  • Azione (2021)
  • La challenge (2021)
  • L'altra terra (2021)
  • Chiara come l'acqua (2022)
  • Mi vedete? (2022)
  • Quel che resta (2022)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Web[modifica | modifica wikitesto]

  • She Died (2012)

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Il viaggio degli eroi (2022)

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Indice di frequenza (1998)

Web series[modifica | modifica wikitesto]

  • She Died (2012)

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Manlio Castagna, su corsitornosubito.it. URL consultato il 7 febbraio 2023.
  2. ^ Docenti, su laboratoridalbasso.it. URL consultato il 7 febbraio 2023.
  3. ^ Jacopo Iovannitti, Giffoni 2017: intervista al vice-direttore artistico Manlio Castagna, in badtaste.it, 17 luglio 2017. URL consultato il 7 febbraio 2023.
  4. ^ Giffoni, la lezione di Manlio Castagna, in Cattolica News, 27 marzo 2014. URL consultato il 7 febbraio 2023 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2023).
  5. ^ MANLIO CASTAGNA Vice Direttore artistico, il Giffoni Film Festival, su radiomontecarlo.net. URL consultato il 5 febbraio 2023.
  6. ^ La classifica dei contenuti più ascoltati nella categoria Adolescenti e ragazzi 2019-2020, su illibraio.it. URL consultato il 7 febbraio 2023.
  7. ^ Gabriele Bojano, Brando, Nora e Rocco: i ragazzi sul treno della morte, in Corriere del Mezzogiorno, 20 ottobre 2021. URL consultato il 7 febbraio 2023.
  8. ^ Cento, ecco i finalisti del Premio Rodari che lanciò J.K. Rowling, in la Repubblica, 6 novembre 2021. URL consultato il 7 febbraio 2023.
  9. ^ I LIBRI SEMIFINALISTI, su bolognachildrensbookfair.com. URL consultato il 7 febbraio 2023.
  10. ^ Il Giffoni Experience alla quarta edizione dell'Ajyal Youth Film Festival, in Cinematographe.it, 29 novembre 2016. URL consultato il 7 febbraio 2023.
  11. ^ (EN) Inside the Mind of a Programmer: ‘Walking Out’, su youtube.com. URL consultato il 7 febbraio 2023.
  12. ^ IL GIFFONI EXPERIENCE ALL’AJYAL YOUTH FILM FESTIVAL, in 10notizie.it, 30 novembre 2016. URL consultato il 7 febbraio 2023.
  13. ^ Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Corti d’autore | Azione – Italiana – Lingua, cultura, creatività nel mondo, su italiana.esteri.it. URL consultato il 22 febbraio 2023.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN309584078 · ISNI (EN0000 0004 3540 8540 · SBN CFIV166209 · LCCN (ENno2019074760 · GND (DE1052295231 · WorldCat Identities (ENlccn-no2019074760