Manchesterismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il manchesterismo (o scuola di Manchester) è stato un movimento liberista britannico dell'Ottocento, guidato da Richard Cobden e John Bright.[1]

Tanti economisti si sono fondati su questa corrente di pensiero, attuando il liberismo economico. Il caso italiano più famoso è Alberto De' Stefani. Gli obiettivi di questa politica sono colmare il disavanzo del bilancio pubblico, perseguire un'economia produttivistica e rendere possibile il risparmio in favore di forti investimenti. Essa prese il nome di neomanchesterismo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Manchester, Scuòla di-, Sapere. URL consultato il 30 gennaio 2016.
Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia