Mamoru Hosoda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mamoru Hosoda

Mamoru Hosoda (細田 守 Hosoda Mamoru?; Toyama, 19 settembre 1967) è un regista e animatore giapponese di anime.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mamoru Hosoda è nato a Nakaniikawa, nella prefettura di Toyama. Suo padre lavorava come ingegnere ferroviario mentre, sua madre era una sarta.[1] Il regista, inizialmente, si sentì ispirato a intraprendere una carriera nell'animazione dopo aver visto Lupin III - Il castello di Cagliostro, il primo film diretto da Hayao Miyazaki.[2] Ha frequentato il Kanazawa College of Art, dove si è laureto nella pittura ad olio.[3]

Dopo la laurea, Hosada entra a far parte della Toei Animation, dopo aver presentato un cortometraggio che aveva realizzato nel tempo libero.[1] Inizialmente aveva fatto domanda presso lo Studio Ghibli e nonostante non ottenne il lavoro, ricevette una lettera di elogio dallo stimato Hayao Miyazaki.[2][4] Durante la permanenza alla Toei Animation, lavora come animatore ed esordisce alla regia nel 1999, attirando l'attenzione del pubblico con i primi due film del franchise Digimon: Digimon Adventure e Digimon: Bokura no War Game.[1]

Dopo aver lasciato la Toei Animation, lo Studio Ghibli annuncia che Hosoda avrebbe dovuto dirigere Il castello errante di Howl.[5] Tuttavia lascia la produzione del film nelle sue fasi iniziali, a causa di divergenze d'opinioni con i veterani e lo staff dello studio, finendo per essere sostituito da Hayao Miyazaki.[6]

Hosoda torna alla Toei Animation, lavorando ad alcune animazioni in collaborazione con l'artista Takashi Murakami, come lo spot Superflat Monogram per Louis Vuitton.[7] Nel 2005 dirige il sesto film di One Piece, L'isola segreta del barone Omatsuri. Durante questo periodo dirige un episodio di Magica Doremì, ispirato dal suo turbolento periodo presso lo Studio Ghibli.[8] Questo episodio lo ha portato ad essere assunto presso lo studio d'animazione Madhouse, in cui ha lavorato dal 2005 al 2011.[8] Nel 2006 dirige La ragazza che saltava nel tempo, che ottiene molte critiche positive e con il quale si aggiudica diversi premi.[9] Nel 2009 dirige Summer Wars, che ottiene ulteriori successi di critica e premi.[10]

Nel 2012 dirige Wolf Children - Ame e Yuki i bambini lupo, prodotto dalla Madhouse e realizzato dallo Studio Chizu, da lui fondato, riscuotendo un buon successo di critica e pubblico.[11] Nel 2015 dirige The Boy and the Beast, che ottiene critiche positive e diventa il maggiore successo del regista al box office giapponese.[12]

Nel 2018 dirige Mirai, presentato in anteprima mondiale al Festival di Cannes, nella sezione Quinzaine des Réalisateurs.[13] La pellicola ottiene un ottimo successo di critica e pubblico,[14] venendo candidato al Premio Oscar come miglior film d'animazione e al Golden Globe come miglior film d'animazione.[15][16]

Nel 2021 dirigerà Belle.[17]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Animatore chiave[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

OAV[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Oscar

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32328445 · ISNI (EN0000 0001 1943 400X · LCCN (ENno2011049634 · GND (DE1011860228 · BNF (FRcb157857403 (data) · BNE (ESXX5044769 (data) · NDL (ENJA01073911 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011049634