Mamie Gummer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mamie Gummer nel 2010

Mamie Gummer, nome d'arte di Mary Willa Gummer (New York, 3 agosto 1983), è un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia dell'attrice Meryl Streep e dello scultore Don Gummer, è cresciuta tra Los Angeles e il Connecticut. Da bambina partecipa ad un film interpretato dalla madre, Heartburn - Affari di cuore, venendo accreditata come Natalie Stern.

Studia comunicazione e teatro all'Università Northwestern, laureandosi nel 2005. Inizia lavorando in una produzione off-Broadway al fianco di Michael C. Hall, mentre nel 2006 partecipa al film di Lasse Hallström L'imbroglio - The Hoax.

Nel 2007 recita nel film di Lajos Koltai Un amore senza tempo, nella versione giovane del personaggio interpretato dalla madre; nello stesso anno recita nel film di Kimberly Peirce Stop-Loss.

È sorella dell'attrice Grace Gummer e nipote dell'attrice Maeve Kinkead.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 ha sposato l'attore Benjamin Walker, con il quale si era fidanzata tre anni prima; hanno divorziato nel 2013[1].

Dal 2017 è fidanzata con lo sceneggiatore Mehar Sethi. Con lui, Mamie Gummer ha dato alla luce un figlio il 1º marzo 2019, facendo diventare nonna Meryl Streep per la prima volta[2][3].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jane Mulkerrins, Mamie Gummer on her new Amazon drama and being Meryl Streep's daughter, in The Daily Telegraph, Londra, 12 novembre 2016. URL consultato il 24 agosto 2020.
  2. ^ Valentina Gambino, Meryl Streep sta per diventare nonna/ La figlia Mamie Gummer è incinta: “Mia madre è la mia icona!”, su IlSussidiario.net, 10 dicembre 2018. URL consultato il 24 agosto 2020.
  3. ^ Maria Teresa Moschillo, Meryl Streep sta per diventare nonna per la prima volta, su FoxLife.it, 10 dicembre 2018. URL consultato il 24 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2018).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN78958582 · ISNI (EN0000 0000 5501 884X · LCCN (ENno2009022745 · GND (DE1035401622 · BNF (FRcb165797770 (data) · BNE (ESXX5230161 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2009022745