Mama, I'm Coming Home

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mama, I'm Coming Home
Mama, I'm Coming Home.png
Screenshot tratto dal video del brano
Artista Ozzy Osbourne
Tipo album Singolo
Pubblicazione 18 novembre 1991
Durata 4:11
Album di provenienza No More Tears
Genere Hard rock
Heavy metal
Power ballad
Etichetta Epic Records
Produttore John Purdell, Duane Baron
Registrazione 1991
Ozzy Osbourne - cronologia
Singolo precedente
(1991)
Singolo successivo
(1995)

Mama, I'm Coming Home è un singolo di Ozzy Osbourne, terza traccia dell'album No More Tears.

La canzone è stata co-scritta da Zakk Wylde, chitarrista di lunga data di Osbourne, frontman e chitarrista dei gruppo heavy metal Black Label Society, e da Lemmy Kilmister, frontman dei Motörhead.

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

« I've seen your face a hundred times
Every day we've been apart
I don't care about the sunshine, yeah
Cause mama, mama I'm coming home »

(IT)

« Ho visto il tuo viso mille volte
Ogni giorno siamo stati separati
non mi importa del raggio di sole, yeah
Perché Mamma, Mamma, sto tornando a casa »

(Ozzy Osbourne, Mama, I'm Coming Home)

La canzone parla di sua moglie e manager, Sharon Osbourne, che egli soprannomina "Mama", e del suo ritorno a lei dopo il suo imminente ritiro.

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Per il singolo sono stati creati due videoclip. Un primo video, surreale, che ad Osbourne tuttavia non piaceva, ritenendolo poco adatto all'atmosfera della canzone. È stato quindi creato un secondo video musicale, diretto da Samuel Bayer.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo è l'unico di Ozzy Osbourne da solista che è riuscito a raggiungere la top 40 della classifica Billboard Hot 100, piazzandosi alla 28ª posizione; in precedenza Osbourne aveva raggiunto questo traguardo solo in duetto con Lita Ford, nel brano Close My Eyes Forever che arrivò fino all'ottavo posto.[1]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Billboard Book of Top 40 Hits, p. 473 - ISBN 978-0-8230-7499-0