Mallomys

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mallomys
Immagine di Mallomys mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Muridae
Sottofamiglia Murinae
Genere Mallomys
Thomas, 1898
Specie

Vedi testo

Mallomys (Thomas, 1898) è un genere di Roditori della famiglia dei Muridi, comunemente noti come Ratti lanosi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Al genere Mallomys appartengono roditori di grandi dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 292 e 477 mm, la lunghezza della coda tra 280 e 440 mm e un peso fino a 1,950 kg.[1]

Caratteristiche craniche e dentarie[modifica | modifica wikitesto]

Il cranio ha un'area post-frontale affossata. Il rostro è largo alla base e si assottiglia verso la punta. Il palato è stretto ma i fori incisivi sono grandi. La bolla timpanica è molto piccola.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 0 0 1 1 0 0 3
3 0 0 1 1 0 0 3
Totale: 16
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è abbastanza lunga e densa, con la tendenza ad essere alquanto lanosa in diversi individui. Le orecchie sono piccole. I piedi sono robusti ed adattati ad arrampicarsi sugli alberi. La coda è generalmente lunga quanto la testa ed il corpo, talvolta più corta, con le scaglie piccole ed arrotondate, munite di tre peli ciascuna. Le femmine hanno un paio di mammelle pettorali e due paia inguinali.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Questo genere è endemico delle montagne della Nuova Guinea.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende 6 specie.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Novak, 1999.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Mallomys, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ https://digital.library.adelaide.edu.au/dspace/bitstream/2440/61970/2/02whole.pdf.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ronald M. Novak, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999. ISBN 9780801857898

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi