Malhação

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Malhação
Malhacao.JPG
Paese Brasile
Anno 1995 - in produzione
Formato serial TV
Genere soap opera, teen drama
Stagioni 23
Puntate 5.188 (al 16 ottobre 2015)
Durata 30 min (1995-2013)

40 min (2014-in corso)

Lingua originale portoghese
Caratteristiche tecniche
Rapporto 16:9
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Casa di produzione Rede Globo
Prima visione
Prima TV Brasile
Dal 24 aprile 1995
Al in corso
Rete televisiva Rede Globo
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 29 dicembre 2015
Al In corso
Rete televisiva Rai Gulp

Malhação è una soap opera brasiliana dedicata ai telespettatori adolescenti, trasmessa dalla Rede Globo dal 1995. Dal 1995 fino ad ora vennero trasmesse 20 stagioni ed oltre 4000 episodi ognuno dalla durata di mezzora. Questa soap venne creata perché si voleva fare una serie dedicata ai problemi dei giovani, il rapporto con gli amici e i genitori, e le preoccupazioni per il futuro. Il primo episodio venne trasmesso il 14 aprile 1995 alle 17:20; e da allora viene trasmesso dal lunedì al venerdì inizialmente alle 17:20 e poi venne spostato alle 17:50, orario in cui trasmette ancora oggi.

In Italia la soap opera va in onda su Rai Gulp dal 29 dicembre 2015[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dalla prima alla quarta stagione[modifica | modifica wikitesto]

La prima stagione racconta le vicende amorose e personali di un gruppo di ragazzi che nel tempo libero frequentavano la palestra Academia Malhação.

Quinta stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nella quinta stagione la palestra venne abbattuta, vengono raccontate le vicende di nuovi personaggi che aprono una rete televisiva pirata dal nome Malhação.com.

Dalla sesta alla quattordicesima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nella sesta stagione, l'area in cui prima si trovava l'Academia Malhação viene acquistata dal professore Paulo Pasqualete, che crea a posto della palestra una scuola dal nome Colégio Múltipla Escolha. così adesso vengono raccontate le vicende amorose e personali degli studenti di questa scuola.

Quindicesima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Il Colégio Múltipla Escolha si unisce col Colégio Ernesto Ribeiro, appartenente agli imprenditori Félix Rios e Diva Junqueira. Viene raccontata il lungo e difficile percorso di integrazione e accettazione tra gli studenti delle due scuole.

Sedicesima stagione[modifica | modifica wikitesto]

I due istituti fanno in fallimento e vengono acquistati dai fratelli Giuliana e Osvaldo. Giuliana vuole che rimangano delle scuole, mentre Osvaldo vuole trasformarli in dei centri commerciali, provocando così la ribellione degli studenti. Ma nell'ultima puntata gli edifici dei due istituti vengono sottoposti a un sequestro giudiziario, e vengono ceduti ad Osvaldo, che li trasforma in un centro commerciale dal nome Shopping Gran Plaza.

Dalla diciassettesima stagione ad ora[modifica | modifica wikitesto]

A questo punto la soap racconta le vicende di studenti del Colégio Primeira Opção.

Protagonisti[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Coppia protagonista
Juliana Martins e Danton Mello
Fernanda Rodrigues e Cláudio Heinrich
Luana Piovani e Pedro Vasconcelos
Cássia Linhares e Rodrigo Faro
Juliana Baroni e André Marques
Priscila Fantin e Mário Frias
Ludmila Dayer e Fábio Azevedo
Rafaela Mandelli e Iran Malfitano
Juliana Silveira e Henri Castelli
10ª
Manuela do Monte e Sérgio Marone
11ª
Juliana Didone e Guilherme Berenguer
12ª
Fernanda Vasconcellos e Thiago Rodrigues
13ª
Luiza Valdetaro e Bernardo Melo Barreto
14ª
Thaila Ayala e Rômulo Arantes Neto
15ª
Sophie Charlotte e Rafael Almeida
16ª
Bianca Bin e Micael Borges
Bianca Bin e Humberto Carrão
17ª
Christiana Ubach e Fiuk
18ª
Daniela Carvalho e Bruno Gissoni
19ª
Thaís Melchior e Caio Paduan
Bia Arantes e Caio Paduan
20ª
Alice Wegmann e Guilherme Prates
Alice Wegmann e Guilherme Leicam
21ª
Bianca Salgueiro e Gabriel Falcão
22ª
Bruna Hamú e Arthur Aguiar
23ª
Marina Moschen e Nicolas Prattes

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Malhacao, arriva su RaiGulp la celebre serie tv brasiliana, su Movie for Kids. URL consultato l'8 gennaio 2016.