Maldraso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maldraso
Galician-suevic-kingdom.png
Carta dell'espansione del regno suebo, nel corso del V secolo d.C.
Re dei Suebi o Svevi di Spagna
In carica 457 - 460
Predecessore Aiulfo e Framta
Successore Remismondo
Morte (460)
Padre Massila
Figli Remismondo

Maldras Maldras anche in Spagnolo, galiziano,

Portoghese e catalano (... – febbraio 460) è stato re dei Suebi di Gallaecia[1], dal 457 alla sua morte (460).

Origine[2][modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un nobile Svevo, forse del casato di Ermerico e di una donna di cui non si conoscono né il nome né gli ascendenti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 457, dopo aver assassinato il re Aiulfo, a Castro do Porto, Maldraso lo sostituì nel governo il sud del regno e cominciò a combattere Framta, che governava il nord, ed era rimasto unico re.

Poco dopo anche il re Framta morì, per cui Maldraso si trovo a regnare da solo, senza oppositori.

Durante il suo regno, ebbe buono rapporti con Vandali e Visigoti, ma si acuirono i conflitti che opponevano i nativi (detti Galaicos) alla classe dominante, gli Svevi di origine germanica.

Secondo il vescovo Idazio, Maldraso fece uccidere il proprio fratello di cui non abbiamo il nome. Infine, sempre secondo Idazio, Maldraso fece parecchie incursioni in Lusitania, saccheggiando la città di Lisbona.[3]

Maldraso fu assassinato, nel febbraio del 460, pare da uno del suo seguito, e gli successe il figlio[4] Remismondo, che dovette affrontare parecchi oppositori.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Della moglie di Maldraso non si conoscono né il nome né gli ascendenti, ma, a detta di Isidoro di Siviglia, gli diede un figlio:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Gallaecia corrispondeva all'incirca alle regioni (comunità autonoma) spagnole di Galizia, delle Asturie, di Cantabria, di Castiglia e León ed il nord del Portogallo.
  2. ^ (EN) Dinastie dei Suebi
  3. ^ Pare che Maldraso si presentò alle porte della città in pace, ma appena i cittadini di Lisbona lo fecero entrare, con i suoi uomini, si diede al saccheggio.
  4. ^ Remismondo, secondo Isidoro di Siviglia era figlio di Maldraso, ma altre fonti lo negano.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sovrani Svevi Successore
Aiulfo e Framta 457460 Fromaro, Ricimondo e Remismondo