Maksim Maksimovič Litvinov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maksim Litvinov (1920)

Maksim Maksimovič Litvinov in russo: Максим Максимович Литвинов? (Białystok, 17 luglio 1876Mosca, 31 dicembre 1951) è stato un rivoluzionario russo e ministro degli esteri dell'Unione Sovietica dal 1930 al 1939.

Di origini ebraiche, si distingueva per la sua inclinazione filo-occidentale.[1] Aderì al movimento operaio alla fine dell'Ottocento e divenne membro dell'allora illegale Partito Operaio Socialdemocratico Russo. Emigrato a Londra nel 1906, lavorò per la Seconda Internazionale.

Dopo la Rivoluzione d'Ottobre, fu nominato da Lenin rappresentante sovietico nel Regno Unito. Come ministro degli esteri, nel 1930, prese il posto di Georgij Vasil'jevič Čičerin e fu sostituito, nove anni dopo, da Vjačeslav Molotov. Fu dunque una figura di primo piano per la diplomazia sovietica nel periodo compreso tra il trattato di Rapallo ed il patto Ribbentrop-Molotov. Nel 1932 l'Unione Sovietica riuscì, grazie ai suoi servizi di ministro, a firmare un patto di non aggressione con la Francia.

Un altro successo fu la partecipazione dell'Unione Sovietica alla Società delle Nazioni nel 1934, da lui rappresentata fino al 1938, che ottenne anche un seggio nel Consiglio permanente dell'organizzazione. Nel 1939 fu sostituto da Molotov come commissario agli esteri. Durante la Grande guerra patriottica fu nominato da Stalin vicecommissario agli esteri e in seguito ambasciatore negli Stati Uniti dal 1941 al 1943, dove diede un contributo fondamentale all'approvazione della legge "Affitti e prestiti"[2].

Morì in seguito a una malattia cardiaca il 31 dicembre 1951[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biografia, in lingua russa
  2. ^ La legge "Affitti e prestiti" permise agli Stati Uniti di fornire a Regno Unito, Unione Sovietica, Francia, Cina e altri paesi alleati grandi quantità di materiale di guerra nel corso della seconda guerra mondiale.
  3. ^ Jonathan Haslam, Russia's Cold War: From the October Revolution to the Fall of the Wall, Yale University Press, 2011, p. 75

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Commissario del popolo per gli Affari Esteri dell'Unione Sovietica Successore Flag of the Soviet Union.svg
Georgij Vasil'jevič Čičerin 1930 - 1939 Vjačeslav Molotov
Ministro degli Esteri
Controllo di autorità VIAF: (EN12366644 · LCCN: (ENn88196429 · ISNI: (EN0000 0000 8091 4347 · GND: (DE118890700 · BNF: (FRcb12263468g (data) · NLA: (EN35949887