Making a Murderer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Making a Murderer
Making a Murderer.jpg
Titolo originaleMaking a Murderer
PaeseStati Uniti d'America
Anno2015-2018
Generedocumentario, criminologia
Edizioni2
Puntate20
Durata47–77 minuti (a episodio)
Lingua originaleinglese
Crediti
RegiaLaura Ricciardi, Moira Demos
AutoriLaura Ricciardi, Moira Demos
MontaggioMoira Demos, Mary Manhardt
MusicheGustavo Santaolalla
FotografiaMoira Demos, Iris Ng
Produttore esecutivoLaura Ricciardi, Moira Demos, Lisa Nishimura, Adam Del Deo
Casa di produzioneSynthesis Films
DistributoreNetflix

Making a Murderer è una serie documentaristica statunitense prodotta da Netflix rilasciata il 18 dicembre 2015 sulla sua piattaforma.[1] L'opera narra le vicende di Steven Avery e della sua famiglia nei confronti di due processi penali.

La prima stagione è stata realizzata nel corso di dieci anni, con i cineasti che si spostavano da New York al Wisconsin durante le riprese.[2] Per promuovere la serie, Netflix ha pubblicato il primo episodio contemporaneamente sia su YouTube che su Netflix, cosa che non aveva fatto per nessun'altra programmazione originale.[3]

La seconda stagione è stata pubblicata 18 ottobre 2018 sempre su Netflix.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Logo della serie

Making a Murderer descrive dettagliatamente la vita di Steven Avery, un uomo del Wisconsin la cui famiglia possedeva uno sfasciacarrozze nella contea di Manitowoc. Nel 1985 Avery fu arrestato e condannato per lo stupro e il tentato omicidio di Penny Beerntsen (nonostante avesse un alibi). Dopo aver scontato 18 anni di carcere, Avery viene scagionato con l'aiuto di Innocence Project, quando il DNA di un pelo pubico, trovato nel corpo della vittima, viene collegato a un altro uomo (già in galera per reati sessuali commessi dopo il fatto del 1985). Dopo che Avery è stato rilasciato dalla prigione, nel 2003, intenta una causa civile da 36 milioni di dollari contro la contea di Manitowoc e contro i diversi funzionari della contea associati al suo arresto e alla sua condanna.[4]

Due anni dopo, Avery viene nuovamente arrestato e accusato dell'omicidio di Teresa Halbach, una fotografa scomparsa poco dopo che era stata nella sua proprietà per fotografare un veicolo da vendere. La gestione del caso dell'omicidio di Halbach è stata molto controversa. Steven Avery ei suoi avvocati hanno sostenuto che era stato nuovamente "architettato" dai suoi avversari giudiziari. Le macchie di sangue recuperate dall'interno dell'auto di Halbach corrispondevano al DNA di Avery.[5] Avery sosteneva che l'accusa di omicidio costituiva una scusa, utilizzata per screditare la sua causa civile. I suoi avvocati hanno accusato i funzionari di Manitowoc di aver manomesso le prove dopo che una fiala del sangue di Avery, conservata in un armadietto delle prove dal processo del 1985, è stata trovata con sigilli rotti e un foro nel tappo, suggerendo che il sangue della fiala avrebbe potuto essere usato per piazzare prove incriminanti nel veicolo della vittima.[6] La provetta Avery conteneva acido etilendiammina-tetraacetico (EDTA), che previene la coagulazione e il degrado del sangue. L'EDTA non è naturalmente presente nel sangue umano, e la difesa ha sostenuto che se l'EDTA fosse stato trovato nel sangue della scena del crimine avrebbe provato che il sangue sarebbe stato piazzato da qualche agente.[7] Mentre la prova di manomissione non è mai stata confermata, le accuse di cattiva condotta giudiziaria sono persistite.[8]

Making a Murderer esplora anche le procedure nel Dipartimento dello sceriffo della contea di Manitowoc che ha portato alla condanna originale di Avery, e suggerisce che il dipartimento avesse un conflitto di interessi nell caso dell'omicidio di Halbach.

Anche Brendan Dassey, nipote di Avery, è stato accusato e condannato come complice nell'omicidio insieme allo zio (sebbene in un altro processo parallelo). La serie descrive anche il suo processo, insieme alle successive accuse di inettitudine e di coercizione del suo primo avvocato d'ufficio.

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

La seconda stagione pone molta attenzione sul risvolto emotivo che il processo di Steven Avery ha causato su tutti i soggetti coinvolti e introduce una nuova protagonista della vicenda: Kathleen Zellner, avvocatessa di Avery che cerca di dimostrare che il suo cliente è innocente ed è stato accusato ingiustamente mettendo sul tavolo tutte le prove a disposizione per dimostrare la sua innocenza, e che è stato incastrato per ben due volte.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Titolo originale Titolo italiano Durata (minuti) Data di rilascio mondiale
1 Eighteen Years Lost Diciotto anni perduti 64:00 18 dicembre 2015[9]
2 Turning the Tables Prendersi la rivincita 57:00
3 Plight of the Accused L'accusato è in difficoltà 63:00
4 Indefensible Indifendibile 66:00
5 The Last Person to See Teresa Alive L'ultimo che ha visto Teresa viva 59:00
6 Testing the Evidence Valutazione delle prove 59:00
7 Framing Defense La difesa incalza 63:00
8 The Great Burden Un grosso peso 47:00
9 Lack of Humility Mancanza di umità 66:00
10 Fighting for Their Lives Rifarsi una vita 63:00

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

Titolo originale Titolo italiano Durata (minuti) Data di rilascio mondiale
11 Number 18 Numero 18 57:00 18 ottobre 2018
12 Words and Words Only Parole, solo parole 67:00
13 A Legal Miracle Un miracolo legale 66:00
14 Welcome to Wisconsin Benvenuta in Wisconsin 58:00
15 What + Why = Who Che cosa + perché = chi 64:00
16 Everything Takes Time Per ogni cosa ci vuole tempo 65:00
17 Item FL FL 60:00
18 Special Care Particolare attenzione 60:00
19 Friday Nite Venerdì notte 63:00
20 Trust No One Non fidarsi di nessuno 77:00

Persone coinvolte[modifica | modifica wikitesto]

Famiglia Avery[modifica | modifica wikitesto]

  • Steven Avery - imputato, condannato per omicidio di Halbach. Fu anche condannato per uno stupro del quale ha dovuto scontare una pena detentiva di 18 anni
  • Allan Avery - il padre di Steven Avery
  • Dolores Avery - la madre di Steven Avery
  • Chuck Avery - il fratello di Steven Avery
  • Brendan Dassey - imputato, nipote di Avery, condannato per aver assistito Avery nell'omicidio di Halbach
  • Bobby Dassey - il fratello di Brendan Dassey
  • Barb Dassey - la sorella di Steven Avery, madre di Brendan e Bobby Dassey
  • Scott Tadych - sposato con Barb Dassey (prima del processo), patrigno dei suoi figli
  • Kayla Avery - cugina di Brendan
  • Kim Ducat - cugina di Steven
  • Carla Chase - la nipote di Steven, cugina di Brendan

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

  • Penny Beerntsen - vittima di uno stupro e tentato omicidio nel 1985 per il quale Steven Avery è stato condannato
  • Teresa Halbach - vittima di omicidio nel 2005

Avvocati difensori[modifica | modifica wikitesto]

  • Dean Strang - per Steven Avery
  • Jerome Buting - per Steven Avery
  • Robert Henak - avvocato post-condanna per Steven Avery
  • Stephen Glynn - avvocato specializzato in diritti civili per Steven Avery
  • Len Kachinsky - il primo avvocato designato da Brendan Dassey
  • Mark Fremgen - per Brendan Dassey, nominato avvocato (secondo avvocato)
  • Ray Edelstein - per Brendan Dassey, nominato avvocato (secondo avvocato)
  • Steven Drizin - avvocato post-condanna per Brendan Dassey
  • Robert Dvorak - avvocato post-condanna per Brendan Dassey
  • Laura Nirider - avvocato post-condanna per Brendan Dassey
  • Kathleen Zellner - per Steven Avery (dalla seconda stagione)
  • Laura Nirider - avvocato post-condanna per Brendan Dassey (dalla seconda stagione)
  • Steven Drizin - avvocato post-condanna per Brendan Dassey (dalla seconda stagione)

Procuratori e giudici[modifica | modifica wikitesto]

  • Denis Vogel - procuratore distrettuale della contea di Manitowoc, ha perseguito il caso di violenza sessuale del 1985 di Avery
  • Ken Kratz - procuratore speciale, procuratore distrettuale della contea di Calumet, nel Wisconsin, ha gestito il caso di omicidio di Halbach
  • Patrick Willis - giudice del tribunale distrettuale della contea di Manitowoc, ha presieduto il processo a Steven Avery
  • Norm Gahn - procuratore speciale, procuratore distrettuale della contea di Milwaukee
  • Jerome Fox - giudice del tribunale distrettuale di Manitowoc, ha presieduto il processo a Brendan Dassey

Forze dell'ordine[modifica | modifica wikitesto]

  • Tom Kocourek - sceriffo della contea di Manitowoc (1979-2001)
  • Kenneth Petersen - sceriffo della contea di Manitowoc (2001-07)
  • Gene Kusche - capo delegato dello sceriffo della contea di Manitowoc al tempo del processo Avery del 1985
  • James Lenk - tenente, dipartimento dello sceriffo della contea di Manitowoc
  • Andrew Colborn - sergente, dipartimento dello sceriffo della contea di Manitowoc
  • Judy Dvorak - deputato, dipartimento dello sceriffo della contea di Manitowoc
  • Tom Fassbender - investigatore della divisione criminale investigativa del Wisconsin, capo investigatore del processo per omicidio di Halbach
  • Mark Wiegert - sergente, dipartimento dello sceriffo della contea di Calumet

Investigatori privati[modifica | modifica wikitesto]

  • Michael O'Kelly - investigatore assunto da Len Kachinsky

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie è stata scritta e diretta dai registi Laura Ricciardi e Moira Demos; si sono conosciuti come studenti universitari nel programma cinematografico della Columbia University. I due hanno appreso di Avery dopo aver letto un articolo del 2005 del New York Times sulla sua scarcerazione del 2003 e l'arresto del 2005 per omicidio. Entrambi pensavano che il suo caso potesse essere un argomento interessante per un documentario.[10]

Prima di contattare Netflix, Demos e Ricciardi hanno incontrato i dirigenti della PBS e del HBO, ma nessuna delle due reti era interessata al progetto. Netflix aveva inizialmente pianificato una prima stagione di otto episodi, ma in seguito ha espanso la durata a dieci.[10]

La grafica dello spettacolo e la sequenza del titolo principale sono state create dallo studio di design Elastic di Santa Monica.[11]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

La serie ha goduto di buone recensioni da parte della critica specializzata ottenendo un punteggio di approvazione del 97% su Rotten Tomatoes, basato su 35 recensioni, con un punteggio medio di 8.6 su 10.[12]

Tuttavia alcuni critici hanno descritto Making of Murderer[13] come un prodotto che proponeva una visione unilaterale ed emotivamente manipolativa.[14]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lenika Cruz, Making a Murderer: An American Horror Story, in The Atlantic, 18 dicembre 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  2. ^ Mike Hale, Review: 'Making a Murderer,' True Crime on Netflix, in The New York Times, 16 dicembre 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  3. ^ Bruce Vielmetti, Netflix series brings worldwide spotlight to Steven Avery case, in Milwaukee Journal Sentinel, 25 dicembre 2015. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  4. ^ Lenk, Colborn, O'Kelly: Where are they now?, su Post-Crescent Media. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  5. ^ Wilson, Steven R. e Tolley, Luke, The "Making a Murderer" Case: A Brief Description on How EDTA Is Measured in Blood, Frontiers, 20 ottobre 2016. URL consultato il 18 novembre 2016.
  6. ^ Making a Murderer: Indefensible, 1, Netflix, December 18, 2015.
  7. ^ Wilson, S.R. and Tolley, L., 2016. The "Making a Murderer" Case: A Brief Description on How EDTA Is Measured in Blood. Frontiers in Chemistry, 4.
  8. ^ Dave Mosher, What an expert says about the FBI in 'Making a Murderer' could be damning to Steven Avery's defense, in Tech Insider, 3 febbraio 2016. URL consultato il 21 aprile 2016.
  9. ^ Making a Murderer - Serie TV 2015, in Movieplayer.it. URL consultato il 26 luglio 2018.
  10. ^ a b Mekado Murphy, Behind 'Making a Murderer,' a New Documentary Series on Netflix, in The New York Times, 19 dicembre 2015. URL consultato il 23 dicembre 2015.
  11. ^ Making a Murderer Main Titles, Vimeo. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  12. ^ Margaret Lyons, Making a Murderer Is As Good As 'Serial' and The Jinx, If Not Better, in Vulture, 17 dicembre 2015. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  13. ^ Kathryn Schulz, How "Making a Murderer" Went Wrong, in The New Yorker, 25 gennaio 2016. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  14. ^ Bronwen Dickey, The Emotional Manipulations of Making a Murderer, in Slate, 15 gennaio 2016. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  15. ^ (EN) Star Wars: The Force Awakens Tops 2016 Empire Awards Winners, su screenrant.com. URL consultato il 26 luglio 2018.
  16. ^ Lesley Goldberg, 'People v. O.J. Simpson' Tops 2016 TCA Award Winners, in The Hollywood Reporter, 6 agosto 2016. URL consultato il 7 agosto 2016.
  17. ^ Making a Murder, Emmys.com. URL consultato il 12 settembre 2016.
  18. ^ 2016 Webby Award Winner – Making a Murderer, Webby Awards, 16 maggio 2016. URL consultato il 22 maggio 2016.
  19. ^ 32nd Annual IDA Documentary Awards Nominees and Winners, International Documentary Association, 2016. URL consultato il 4 settembre 2017.
  20. ^ 20th Annual TV Awards (2015–16), Online Film & Television Association Awards. URL consultato il 20 agosto 2016.
  21. ^ Best-Reviewed Documentary Series 2015, Rotten Tomatoes. URL consultato il 20 dicembre 2016.
  22. ^ Gregg Kilday, 'Carol' Earns Multiple Mentions as Dorian Award Nominees Are Unveiled, in The Hollywood Reporter, 12 gennaio 2016. URL consultato il 4 settembre 2017.
  23. ^ Dave McNary, Producers Guild TV Awards: 'Westworld,' 'Stranger Things,' 'Atlanta' Grab Nominations, in Variety, 5 gennaio 2017. URL consultato il 5 gennaio 2017.
  24. ^ Justin Harp, National Television Awards reveals its 2017 nominees – check out the full rundown and vote now, Digital Spy, 3 gennaio 2017. URL consultato il 4 settembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]