Maina (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maina
Logo
Stabilimento Maina Fossano.jpg
Lo stabilimento di Fossano
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1964 a Torino
Fondata daBruno, Antonio, Franca Di Gennaro
Sede principaleFossano
Persone chiaveMarco Brandani amministratore delegato
SettoreAlimentare
Prodottipanettoni, pandori, colombe pasquali
Fatturato86,7 mln €[1] (2017)
Utile netto4 mln €[1] (2017)
Slogan«Piano piano. Buono buono.»
Sito webwww.mainapanettoni.com

La Maina S.p.A. è un'azienda dolciaria italiana fondata a Torino nel 1964[2] che produce panettoni, pandori, colombe pasquali e uova di Pasqua. Lo stabilimento maggiore si trova a Fossano (CN).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Maina nasce come laboratorio artigianale di pasticceria nel 1964 a Torino, in via Catania, grazie ai fratelli Bruno, Antonio e Franca Di Gennaro, pugliesi della provincia di Foggia ed emigrati con tutta la famiglia nella città della Mole.[3] Bruno e Antonio si occupano della produzione, mentre Franca, ragioniera, della contabilità. In quel periodo una sorella, Maria Rosa, si sposa con Vincenzo Brandani, il responsabile commerciale della Lanerossi di Vicenza. Ed è lui a suggerire l'acquisto nel 1969 a Fossano del "biscottificio Chei", ospitato in un ex convento.

I Di Gennaro lasciano Torino (il loro laboratorio viene trasformato da Laura in un negozio di specialità dolciarie, chiamato "Il Gatto Dolcione", e venduto nel 1992)[3] e si specializzano nella produzione di paste lievitate, quindi nella produzione di panettoni e colombe. Nel 1974 l'attività si trasferisce nello stabilimento della frazione Tagliata di Fossano[2].

Nel 1989, dopo un periodo di modernizzazione degli impianti con l'installazione nel 1984 del centro automatico d'impasto, l'azienda inizia a produrre oltre al panettone e alla colomba pasquale anche il pandoro[2].

Nel 2015 si completano i lavori di ampliamento e di restyling dello stabilimento fossanese affidati all'architetto Gianni Arnudo e parte del più grande progetto d'investimento (una ventina di milioni) intrapreso in occasione dei primi 50 anni d'attività dell'azienda.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b reportaziende.it, https://www.reportaziende.it/maina_panettoni_spa.
  2. ^ a b c Storia, su Maina Panettoni. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  3. ^ a b Fondò con i fratelli la Maino di Fossano, su lastampa.it, 3 maggio 2012. URL consultato il 6 agosto 2018.
  4. ^ Maina rinnova lo stabilimento di Fossano, su ansa.it, 17 dicembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]