Il santone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Mahapurush)
Jump to navigation Jump to search
Mahapurush
Mahapurush (film) 1965.JPG
Birinchi Baba (Charuprakash Ghosh) e il suo assistente (Rabi Ghosh) in una scena del film
Titolo originaleমহাপুরুষ
Mahapurush
Lingua originalebengali, inglese
Paese di produzioneIndia
Anno1965
Durata65 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37:1
Generecommedia
RegiaSatyajit Ray
SoggettoRajshekhar 'Parashuram' Basu (racconto)
SceneggiaturaSatyajit Ray
ProduttoreR.D. Bansal
Casa di produzioneR.D.Banshal & Co., Rajshri Productions
FotografiaSoumendu Roy
MontaggioDulal Dutta
MusicheSatyajit Ray
ScenografiaBansi Chandragupta
Interpreti e personaggi

Il santone (Mahapurush) è un film del 1965 diretto da Satyajit Ray.

Al centro della vicenda, basata sul racconto breve Birinchibaba (বিরিঞ্চি বাবা) di Rajshekhar Basu, c'è la figura di un ciarlatano che specula sulle debolezze umane millantando proprietà esoteriche.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un santone indiano sale su un treno lasciando dietro di sé una folla adorante. Sul convoglio incontra un avvocato, da poco vedovo, con sua figlia. Birinchi Baba capisce che l'uomo sta vivendo una crisi esistenziale ed esercita con successo tutto il suo abile repertorio per irretirlo.

Buchki, la figlia dell'avvocato, guarda con scetticismo al santone ma, giunta in città, per una schermaglia amorosa con il suo spasimante Satya, finge di essere anche lei una nuova adepta del santone, come suo padre.

Satya, disorientato e preoccupato, chiede aiuto a dei suoi amici, in particolare a Nibaran, persona matura e riflessiva. Questi conosce bene il cognato di Buchki, uno scienziato, che ha avuto modo di osservare già il santone.

Ammesso che tra i tanti santoni in circolazione ve ne sia qualcuno affidabile e sincero, questo non è sicuramente il caso di Birinchi Baba. La sua età indefinita, i millantati rapporti con Platone, Gesù, Buddha e la teoria della relatività suggerita ad Einstein sono prove lampanti della cialtroneria del soggetto.

Nibaran allora escogita un piano per smascherare il "santone" e liberare i sempre più numerosi adepti dal suo giogo psicologico ed economico. Simulando un incendio durante una riunione, Birinchi Baba e il suo aiutante si danno impauriti alla fuga perdendo in un attimo l'aura di santità abilmente acquisita. Satya riconquista così la ragazza che forse non aveva mai perso, mentre i due impostori riprenderanno sicuramente la loro attività ma molto lontano da lì.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema