Maggie Cheung

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maggie Cheung

Maggie Cheung (張曼玉T, Zhāng MànyùP; Hong Kong, 20 settembre 1964) è un'attrice e modella cinese di Hong Kong.

Apparsa in più di 80 film a partire dagli anni ottanta, ha vinto premi di interpretazione nei principali festival europei: l'Orso d'argento per la migliore attrice al Festival di Berlino per Center Stage e il Prix d'interprétation féminine al Festival di Cannes per Clean.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maggie Cheung all'età di soli 8 anni si è trasferita con la famiglia in Gran Bretagna, nel Kent. Terminata la scuola secondaria, dopo aver lavorato per un anno come commessa in una libreria è ritornata a Hong Kong dove ha intrapreso part-time la carriera di modella per una casa di moda e ha realizzato alcune pubblicità televisive. Come modella è stata testimonial anche per campagne pubblicitarie della casa di mode Hermès, dello shampoo Lux e della casa di orologi svizzeri Ebel Watches. Nel 1983, all'età di 19 anni, ha partecipato al concorso per Miss Hong Kong in cui è risultata seconda, ottenendo la possibilità di rappresentare Hong Kong a Miss Mondo 1983. Grazie a un contratto con la TVB e gli Shaw Brothers Studios è comparsa in alcuni serial televisivi e in commedie a basso costo. Ma è solo nel 1985, dopo il suo ruolo in Police Story, come fidanzata di Jackie Chan, che la popolarità l'ha raggiunta.

La sua carriera ha avuto una svolta nel 1988, dopo l'interpretazione in As Tears Go By con Andy Lau e Jacky Cheung. La candidatura al premio di "migliore attrice" all'Hong Kong Film Awards le ha permesso da quel momento in poi di non essere solamente considerata un viso carino. Dalla metà degli anni '80 è stata l'attrice di punta di Wong Kar-wai, avendo recitato per lui in 5 film: As Tears Go By, Days of Being Wild, Ashes of Time, In the Mood for Love e un cameo in 2046. È oggi conosciuta a livello internazionale per le sue interpretazioni in Police Story (1985), Super Cop (1992), Actress (1992), Chinese Box (1997), In the Mood for Love (2000) e Hero (2002). Nel 1997 è stata membro della giuria al Festival internazionale di Berlino. Con il successo di In the Mood for Love, assieme al coprotagonista Tony Leung, è divenuta una delle star cinematografiche più famose dell'Asia.

Ha vinto il premio come migliore attrice al Festival di Cannes 2004 per il film Clean - Quando il rock ti scorre nelle vene, in quella che è stata la sua ultima parte di rilievo nel mondo cinematografico. In seguito si è concentrata sulla musica, sua grande passione, e ha avuto rare apparizioni nei film, l'ultima delle quali è stato il cameo nella commedia Hot Summer Days del 2010.[1] Nell'aprile di quello stesso anno è stata nominata ambasciatore dell'UNICEF per la Cina.[2] Nel luglio 2011 è stata insignita della laurea honoris causa dalla University of Edinburgh.[3] Come cantante ha debuttato allo Strawberry Music Festival di Shanghai nel 2014, ricevendo la critica di essere stonata. Dopo l'insuccesso, il primo della carriera, non si è più esibita in pubblico ma ha continuato a frequentare studi di registrazione.[1]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 dicembre 1998 ha sposato il regista e critico francese Olivier Assayas, che la aveva diretta nel film Irma Vep e l'ha indotta a ridurre il numero di film interpretati a soli due all'anno. I due hanno divorziato nel maggio 2001.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Film TV[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Vivienne Chow, Whatever happened to Maggie Cheung, icon of Hong Kong cinema? 15 years after her last leading role, a new career beckons, South China Morning Post, 19 settembre 2019. URL consultato il 25 maggio 2020.
  2. ^ (EN) Maggie Cheung appointed UNICEF Ambassador in China, su unicef.org.
  3. ^ (EN) Honorary degree for Maggie Cheung, su ed.ac.uk (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2014).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN22120155 · ISNI (EN0000 0001 0877 6653 · Europeana agent/base/61238 · LCCN (ENn95000954 · GND (DE132167859 · BNF (FRcb14004565n (data) · BNE (ESXX1366746 (data) · NLA (EN36579997 · WorldCat Identities (ENlccn-n95000954