Magda Schneider

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Romy e Magda Schneider, 1957

Magda Schneider, all'anagrafe Magdalene Maria Schneider (Augusta, 17 maggio 1909Schönau am Königssee, 30 luglio 1996), è stata un'attrice e soubrette tedesca.

Recitò in oltre 70 film e godette di molta popolarità in Austria, paese nel quale si trasferì dalla nativa Germania dopo il primo matrimonio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata ad Augusta, figlia dell'idraulico Xaverius Schneider (18781959) e di sua moglie Maria Meier-Hörmann (18791951), iniziò la sua carriera in film muti.

Madre dell'attrice Romy Schneider, recitò con lei in diversi film in cui impersonava la madre, la zia oppure la sua dama di compagnia. Così fu nei primi film della carriera di Romy, come La principessa Sissi, la celebre trilogia sulla vita di Elisabetta di Baviera, Sissi, ma anche in film non a soggetto storico, come Eva. Confidenze di una minorenne (1959).

Magda-Schneider insieme a Adolf Hitler.

Nel 1941 venne presentata ad Adolf Hitler durante un soggiorno del Fuhrer a Berchtesgaden, il Nido dell'Aquila, mentre la figlioletta Romy giocava nel prato con altri bambini. Con lui ebbe una relazione rimasta segreta fino agli anni '90.

Si sposò due volte, la prima con l'attore austriaco Wolf Albach-Retty, da cui ebbe la figlia Romy e un figlio maschio, poi con un imprenditore di Colonia, Herbert Blatzheim, proprietario di 40 tra ristoranti, alberghi, cabaret, night etc.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Magda Schneider è stata doppiata da:

  • Lydia Simoneschi in La principessa Sissi, Sissi - La giovane imperatrice, Sissi - Il destino di un'imperatrice
  • Melina Martello in L'amore di una grande regina, La principessa Sissi, Sissi - La giovane imperatrice, Sissi - Il destino di un'imperatrice (ridoppiaggi)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9853478 · ISNI (EN0000 0001 1592 9427 · LCCN (ENno96049460 · GND (DE119054175 · BNE (ESXX851485 (data) · BNF (FRcb11924080q (data) · J9U (ENHE987007349858305171 · WorldCat Identities (ENlccn-no96049460