Padrino e madrina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Madrina)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il protagonista di romanzi e film, vedi Il padrino.

Nella religione cattolica, il padrino e la madrina sono le figure, rispettivamente maschile e femminile, che accompagnano all'altare il figlioccio, ossia colui che, bambino o adulto, si appresta a ricevere il Battesimo; essi hanno il compito di assisterlo e sostenerne, al fianco dei genitori, l'educazione alla vita cristiana. Nel caso il battezzando sia bambino, hanno anche il compito di pronunciare in sua vece le promesse battesimali.

I requisiti[1] per poter svolgere il ruolo di padrino e madrina sono:

  1. esser stato designato dal battezzando o dai suoi genitori (o dal parroco se questi sono venuti a mancare);
  2. aver compiuto il sedicesimo anno di età (questo requisito è dispensabile dal parroco);
  3. essere cattolico/a, e non aderire ad altri movimenti religiosi o comunque contrari alla Chiesa;
  4. aver ricevuto i Sacramenti della Confermazione e dell'Eucarestia;
  5. non essere colpevole di nessuna pena canonica, inflitta o dichiarata;
  6. non essere madre o padre del battezzando;
  7. non essere in situazione di irregolarità nella vita matrimoniale (convivente, sposato solo civilmente, divorziato e risposato);

Anche per la Cresima, il cresimando deve essere assistito da un padrino o una madrina, con il compito di provvedere a che la persona che riceverà il sacramento, si comporti da "vero testimone di Cristo". Il padrino deve essere cresimato. È usanza non codificata che gli uomini siano accompagnati all'altare da un padrino, mentre le donne da una madrina. Tale uso derivava dal fatto che tra padrino e madrina e figlioccio nasceva la cognatio spiritualis considerata impedimento dirimente per il matrimonio.

Note storiche[modifica | modifica wikitesto]

Le prime notizie riguardo alla figura del padrino risalgono all'ottavo secolo, in Francia. A partire dal nono era invalso l'uso secondo cui, al momento di ricevere il Sacramento, il cresimando doveva porre il proprio piede sul piede destro del padrino: era un atto simbolico derivante dall'uso germanico per indicare una "presa di possesso". Tale rito è poi stato sostituito dal contatto della mano destra del padrino sulla spalla destra del cresimando.

Fino al Concilio Vaticano II era prescritto che il padrino della Cresima fosse diverso da quello del Battesimo: oggi, al contrario, è consigliato che sia il medesimo, per meglio sottolineare l'unità dei due sacramenti. Fu sempre disapprovato l'uso di un unico padrino per una serie di cresimandi, in considerazione della speciale funzione del padrino di curare la formazione religiosa del figlioccio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Codice di Diritto Canonico - cap. 4. Can. 874., su www.vatican.va. URL consultato il 07 dicembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4173522-5
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo