Madeline Miller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Madeline Miller

Madeline Miller (Boston, 24 luglio 1978) è una scrittrice statunitense, vincitrice dell'Orange Prize per il suo romanzo d'esordio, La canzone di Achille.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Boston ma cresciuta a New York e Filadelfia, Madeline Miller ha studiato lettere classiche alla Brown University ed ha insegnato greco e latino per anni nei licei americani.[1]

Nel settembre 2011 è stato pubblicato il suo romanzo d'esordio, La canzone di Achille, la cui stesura ha occupato circa dieci anni. Il romanzo racconta la storia dell'amore tra Patroclo e Achille prima e durante la guerra di Troia e la scrittrice dichiara di aver usato come fonti Omero, Ovidio, Platone, Eschilo, Sofocle, Apollonio Rodio e Virgilio.[2] Madeline Miller aveva già cominciato ad interessarsi alla storia di Achille e Patroclo all'università, quando diresse una produzione studentesca della tragedia shakespeariana Troilo e Cressida.[3]

Nel 2018 viene pubblicato il suo secondo libro, Circe, incentrato sulla figura della strega di Eea al di là dell'episodio narrato da Omero nell'Odissea. Il romanzo viene accolto positivamente dalla critica ed è stato candidato al Women's Prize for Fiction, un premio che la Miller aveva già precedentemente vinto per la sua opera d'esordio nel 2013.[4]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Galatea: A Short Story, 2013.
  • Circe, 2018 (Circe, tr. di M. Magrì, 2019).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Orange Prize for Fiction goes to Madeline Miller's story of a love affair overshadowed by the Trojan War, su telegraph.co.uk. URL consultato il 3 giugno 2015.
  2. ^ Jane Ciabattari, Madeline Miller Discusses ‘The Song of Achilles’, su The Daily Beast, 03.21.12. URL consultato il 3 giugno 2015.
  3. ^ Madeline Miller, Paperback Q&A: Madeline Miller on The Song of Achilles, su the Guardian. URL consultato il 5 giugno 2015.
  4. ^ (EN) Sian Cain, Non-binary trans author nominated for Women's prize for fiction, in The Guardian, 4 marzo 2019. URL consultato il 22 giugno 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN186605056 · ISNI (EN0000 0003 5634 8164 · Europeana agent/base/134621 · LCCN (ENno2011167554 · GND (DE1015237886 · BNF (FRcb16600933g (data) · NDL (ENJA001164895 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011167554