Macula (dermatologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La macula (o macchia), in dermatologia, è una lesione elementare della cute: si intende una lesione piana e non infiltrante, caratterizzata da una modificazione del colore[1].

Le macule possono avere origine di diversa natura, come un'emorragia circoscritta, un'alterazione della pigmentazione, infiltrati infiammatori. Possono avere diversi colori ed essere più o meno scure in base alla quantità di melanina. Sono macchie anche le ecchimosi.

Vengono definite macchie melanodermiche le macchie scure come le efelidi, le lentiggini, i nevi o il cloasma e leucodermiche le macchie chiare come i nevi anemici, la vitiligine o la pitiriasi alba.

Frequente è l'evoluzione della macula verso la papula.[senza fonte]

La pseudomacchia[modifica | modifica wikitesto]

La pseudomacchia è un deposito di pigmenti esterni, dovuto all'utilizzo di sostante quali la 1,4-fenilendiammina, i sulfamidici o sulfamino derivati o, ad esempio, l'amiodarone.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ HARRISON, Principi di Medicina Interna, Casa Ed. Ambrosiana, 2012, XVIII ed.
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medicina