Machnovščina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Революційна Повстанська Армія України
Revolyutsionnaya Povstancheskaya Armiya Ukrainy
Esercito Insurrezionale Rivoluzionario d'Ucraina
Makhno group.jpg
Simon Karetnik, Nestor Machno e Fedir Ščus
Descrizione generale
Attiva 1918 - 1921
Nazione RPAU flag.svg Ucraina
Tipo esercito di terra
Dimensione 103.000 (dicembre 1919)
Battaglie/guerre Guerra civile russa
Comandanti
Degni di nota Nestor Machno
Simon Karetnik
Viktor Belash
Fedir Ščus

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Machnovščina (ucraino: махновщина), nota anche come Armata nera, è uno dei soprannomi dell'Esercito insurrezionale rivoluzionario d'Ucraina esistito tra il 1918 e il 1921, dal nome del suo comandante, Nestor Ivanovič Machno.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La formazione delle prime bande insurrezionaliste risale alla diffusione della stipula del Trattato di Brest-Litovsk del 3 marzo 1918: esso sanciva il passaggio della Gubernija dell'Ucraina al controllo degli Imperi centrali. Alcuni membri di milizie popolari cominciarono a riunirsi dalle campagne attorno alla carismatica figura di Nestor Machno, un anarchico che aveva iniziato una serie di azioni di guerriglia contro le truppe austro-tedesche, prendendo nel contempo contatti con i bolscevichi russi per ottenere appoggio.

A muovere gli ideali di indipendenza del suo Paese era, per Machno e i suoi seguaci, anche l'applicazione e la massificazione di un movimento di comunismo libertario di matrice anarchica, dunque del tutto differente da quello applicato nelle città e nelle campagne sottoposte al potere bolscevico.

L'Ucraina era un paese quasi totalmente contadino, quindi il punto centrale di un qualunque modello economico era logicamente il controllo dei campi; gli ideali anarchici si diffusero quindi molto rapidamente, avendo i contadini sempre aspirato alla proprietà della terra che coltivavano da generazioni in condizioni di estremo latifondismo. I terreni sottratti ai grandi latifondisti vennero interamente consegnati ai braccianti e, per quanto possibile, si attuò l'autogestione.

I militanti anarchici di Machno difendevano e diffondevano questo modo di vedere le cose: reclamavano un totale smantellamento dell'autorità, ed erano famosi per i manifesti che affiggevano nei centri in cui penetravano:

« La libertà dei contadini e degli operai appartiene a loro stessi e non può subire restrizione alcuna. Tocca ai contadini e agli operai stessi agire, organizzarsi, intendersi fra di loro, in tutti i campi della loro vita, come essi stessi ritengono e desiderano [...]. I machnovisti possono solo aiutarli dando loro questo o quel parere o consiglio [...]. Ma non possono, e non vogliono, in nessun caso, governarli. »

Nei quattro anni di lotte che si dipanarono nel quadro della guerra civile russa, i machnovisti combatterono contro chiunque volesse mettere le mani sul Paese: gli austro-tedeschi inizialmente, con azioni di guerriglia mirate; gli zaristi dell'Armata Bianca antibolscevica di Anton Denikin, che sconfissero a Ekaterinoslav; i bolscevichi dell'Armata Rossa, che infine ebbero la meglio su di loro.

Nel 1920 i partigiani di Machno furono invitati a concludere un patto, da pari a pari, con i bolscevichi, ma insistettero per includere nell'accordo una clausola che venne giudicata inammissibile dal governo sovietico:

« Nella regione in cui opererà l'esercito machnovista, la popolazione operaia e contadina creerà le proprie istituzioni libere per l'autoamministrazione economica e politica; queste istituzioni saranno autonome e collegate federativamente - per mezzo di patti - agli organi governativi delle Repubbliche Sovietiche. »

Scrive, al proposito, l'italiano Errico Malatesta:

« Il carattere squisitamente libertario del movimento e lo spirito egualitario ed antiautoritario non potevano che scontrarsi con i metodi ed i progetti dei bolscevichi che piegarono il movimento dopo lunghi sforzi, nel 1921 con una spedizione diretta da Michail Frunze. »

Nella storia del Paese l'avventura militare machnovista è una parentesi per molti aspetti ancora poco studiata e compresa: era un'armata di volontari che propugnavano l'idea di un comunismo non autoritario, e la cui sconfitta sarebbe stata la rivelazione delle tendenze del potere di Mosca negli anni a venire.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4512764-5