Mabel si marita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mabel si marita
Il corto completo
Titolo originaleMabel's Married Life
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1914
Durata17 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,33:1
film muto
Generecomico
RegiaMack Sennett
SceneggiaturaCharlie Chaplin, Mabel Normand
ProduttoreMack Sennett
Casa di produzioneKeystone Pictures Studio
Distribuzione (Italia)Caesar Film
FotografiaFrank D. Williams
MontaggioCharlie Chaplin
MusicheAntonio Coppola
Interpreti e personaggi

Mabel si marita (Mabel's Married Life) è un film del 1914 prodotto e diretto da Mack Sennett. Prodotto dalla Keystone Pictures Studio, il cortometraggio fu completato il 6 giugno 1914 e distribuito negli Stati Uniti dalla Mutual Film il 20 giugno.[1] In italiano è noto anche coi titoli Charlot dilettante,[2] Charlot geloso[3] e Charlot e il manichino[4] mentre in inglese è noto anche come The Squarehead e When You're Married.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mabel e il marito sono seduti su una panchina del parco, ma l'uomo la lascia sola per andare al bar a bere. Mentre il marito è assente, Mabel viene avvicinata dall'aitante Wellington (a sua volta lì con la propria moglie) che inizia a corteggiarla. Il marito di Mabel torna dal bar un po' brillo e tenta di cacciare via il rivale, ma invano. Solo la moglie di Wellington, accortasi dell'intraprendenza del marito, riesce a spegnerne l'ardore e a portarlo via con lei.

Sulla via del ritorno verso casa, Mabel vede in un negozio un manichino da pugilato, e lo acquista nella speranza che il marito lo possa usare per esercitarsi. Nel frattempo quest'ultimo, tornato al bar, ha un nuovo incontro con Wellington che si mette a importunarlo insieme ad altri clienti, ma stavolta riesce a farsi rispettare a suon di calci e schiaffi. Rientrato a casa ancor più alticcio di prima, l'uomo trova il manichino vestito come Wellington e lo scambia per quest'ultimo. Inizia così una zuffa in cui il suo avversario si limita a restituire, rimbalzando, le percosse, finché Mabel non riesce finalmente a convincere il marito della natura dell'intruso.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita internazionali sono state:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jeffrey Vance, Note sui film e sul restauro, in Cecilia Cenciarelli (a cura di), Charlie Chaplin. Le comiche Keystone, Bologna, Cineteca di Bologna, 2010, p. 34, ISBN 9788895862590.
  2. ^ Scheda della revisione, su italiataglia.it. URL consultato il 26 marzo 2016.
  3. ^ Ugo Buzzolan, Fine di «Non cantare, spara», in La Stampa, 22 giugno 1968, p. 7. URL consultato il 17 marzo 2016.
  4. ^ Venerdì 1º gennaio 2016, su fuoriorario.rai.it, Rai. URL consultato il 28 gennaio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema