Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Maaouya Ould Sid'Ahmed Taya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maaouya Ould Sid'Ahmed Taya
معاوية ولد سيد أحمد الطايع
Presidente della Mauritania
12 dicembre 1984 - 3 agosto, 2005
Preceduto da
Mohamed Khouna Ould Haidalla
Succeduto da
Ely Ould Mohamed Vall

Maaouya Ould Sid' Ahmed Taya (in arabo: معاوية ولد سيد أحمد الطايع‎; 1941) è un politico mauritano, Primo ministro dal 1981 al 1984 e Presidente dal 1984 al 2005..

Taya, nato presso una tribù di marabutti (gli Smassides) nella città di Atar e assai noto per le poche simpatie verso il Marocco e il Polisario e per la sua neutralità riguardo all'annosa questione del Sahara occidentale, è diventato presidente il 12 dicembre del 1984 grazie a un colpo di Stato. In 21 anni di regime si è reso protagonista di una politica interna anti islamica e dura nei confronti dell'opposizione, di una politica estera che dopo la prima Guerra del Golfo vede rafforzare l'amicizia con gli USA e Israele, tanto che nel 1999 la Mauritania riconosce diplomaticamente lo Stato di Israele. Tale atteggiamento non favorì i rapporti con gli altri paesi del Maghreb e della Lega Araba in generale. Sopravvissuto a tre tentativi di golpe militare, il 3 agosto 2005, approfittando della temporanea assenza del presidente in Arabia Saudita per i funerali di re Fahd, viene deposto senza spargimento di sangue dal Conseil Militaire pour la Justice et la Démocratie. Durante il suo regime è accusato di aver messo in atto una politica di pulizia etnica che ha compreso uccisioni, deportazioni e torture ai danni di migliaia di mauritani neri. Attualmente vive in esilio in Qatar.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Collare dell'Ordine al Merito Civile (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine al Merito Civile (Spagna)
— 1994

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]