Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ma che magie Doremi - Il cuore delle streghe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ma che magie Doremi - Il cuore delle streghe
Ilcuoredellestreghe.jpg
Bibì (Pop) e Hanna (Hana) in una scena del film
Titolo originale 映画おジャ魔女どれみ(しゃーぷっ)
(Eiga Ojamajo Doremi # (Sharp))
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 2000
Durata 27 min
Rapporto 16:9
Genere animazione, fantastico
Regia Takuya Igarashi
Soggetto Midori Kuriyama
Casa di produzione Toei Animation
Distribuzione (Italia) Mediaset
Effetti speciali Ken Hoshino, Nao Ota, Nobuhiro Shimokawa, Toshio Katsuoka
Musiche Keiichi Oku
Art director Shinzo Yuki, Tadami Yamashita
Character design Yoshihiko Umakoshi
Animatori Yoshihiko Umakoshi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Ma che magie Doremi - Il cuore delle streghe (映画おジャ魔女どれみ(しゃーぷっ) Eiga Ojamajo Doremi # (Shāpu)?, Eiga Ojamajo Doremi # (Sharp), lett. "Ojamajo Doremi # (Sharp) - Il film") è un film del 2000 diretto da Takuya Igarashi. È il primo film d'animazione tratto dalla serie Magica DoReMi di Izumi Tōdō.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Bibì si reca nel Regno delle Streghe per sostenere l'esame di quinto livello e viene seguita a sua insaputa da Hanna. La piccola finisce nel giardino della regina e, seguendola, Bibì trova un bellissimo fiore e lo coglie, portandolo a casa con sé. Tornata nel mondo umano, però, viene sgridata da Doremi per aver portato via Hanna senza avvertire e, ferita, Bibì esprime il desiderio che la sorella si trasformi in un topolino e perda tutti i suoi poteri. Il desiderio viene esaudito dal fiore, che ha il potere di realizzare qualunque sogno, sia buono sia cattivo. I primi lo fanno rimanere bianco, i secondi gli fanno cambiare colore. Visto che il fiore è scappato, Bibì chiede aiuto alle altre apprendiste per ritrovarlo e Raganella capisce, dalla descrizione della bambina, che si tratta del fiore noto come "Cuore della Regina delle Streghe". Intanto, il fiore realizza sempre più desideri, diventando ancora più scuro, mentre Bibì trova la sorella, la fa tornare normale e si chiariscono.

Le apprendiste trovano il fiore quando questi, ormai, è pronto a spargere i suoi semi. L'unica soluzione è bruciarlo, ma Bibì si oppone e, grazie a una sua lacrima, il fiore diventa bianco come prima e, attraverso un portale, ritorna nel Regno delle Streghe.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Sigle[modifica | modifica wikitesto]

La sigla italiana, interpretata da Cristina D'Avena con musica di Giorgio Vanni e Max Longhi e testo di Alessandra Valeri Manera, presenta un arrangiamento completamente diverso dall'originale e viene usata in apertura, mentre in chiusura viene usata l'originale giapponese. Le immagini rimangono quelle della versione giapponese.

Sigla di apertura
Sigla di chiusura
  • Poppu na yūki (ぽっぷな勇気? lett. "Il coraggio di Pop"), di Manami Komori
Sigla di apertura italiana

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato proiettato per la prima volta nelle sale cinematografiche giapponesi l'8 luglio 2000[1].

In Italia i diritti sono stati acquistati dalla Mediaset, che lo ha trasmesso il 27 maggio 2005 su Italia 1. Il doppiaggio è stato curato da Merak Film, la direzione del doppiaggio è di Marcello Cortese e i dialoghi italiani sono di Marcello Cortese e Luisella Sgammeglia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (JA) 2000夏東映アニメフェア. URL consultato il 9 febbraio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]