Maïmouna Guerresi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Maïmouna Guerresi, nata Patrizia Guerresi (Pove del Grappa, 1951), è una fotografa e scultrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maïmouna Guerresi è un'artista multimediale Italo-Senegalese, che lavora con fotografia,

scultura, video e installazioni. Nel suo percorso artistico ha sviluppato una visione

affascinante e introspettiva sulle molteplici prospettive della sua vita all'interno di due

culture: europea e africana. Ha letteralmente collegato questi mondi attraverso la sua

famiglia multietnica e il suo impegno per la spiritualità sufi. Usando un linguaggio visivo

ibrido, Maïmouna Guerresi comunica la bellezza della diversità culturale, mentre

contempla le molte questioni relative alla vita contemporanea multirazziale. L'arte e la

letteratura islamica forniscono una fonte inesauribile di ispirazione per il suo lavoro, con le

loro rivelazioni mistiche, metafore, intuizioni, versetti sacri e poteri taumaturgici. Le opere

d'arte firmate da Maïmouna riaffermano un'energia femminile universalmente

riconoscibile che si traduce in evoluzione spirituale, mentre allo stesso tempo

decontestualizza e decolonizza le varie idee stereotipate delle donne nel mondo islamico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Maïmouna Guerresi ha esposto in importanti istituzioni in tutto il mondo, come il

padiglione italiano della Biennale di Venezia (1982); Documenta K18, Kassel, Germania

(1987); Fondazione Mudima, Milano, Italia (1999); Museo Rocca Umbertide, Perugia,

Italia (1999); Museum Contemporary III, Atlanta, USA (2004); Museo Filatoio Caraglio,

Cuneo, Italia (2008); Les Rencontres de Bamako, Museo Nazionale Bamako, Mali (2009);

Lucca Digital Photo Festival, Manifattura Tabacchi, Lucca, Italia (2009); Central

Electrique, Bruxelles, Belgium (2010); KIASMA Museum Contemporary Art, Helsinki,

Finlandia (2011); Fondazione Boghossian, Villa Empain, Bruxelles, Belgio (2011); Palazzo

Bevilacqua Ariosti, Bologna, Italia (2011); National Institute Design, Ahmedabad, India

(2012); Centro Italiano di Cultura, Nuova Delhi, India (2012); Festival internazionale di

fotografia Chobi Mela, Shilpakala Academy, Dhaka, Bangladesh (2013); Sharjah National

Art Museum, Sharjah, Emirati Arabi Uniti (2014); National Museum Bahrain, Manama,

Kingdom of Bahrain (2014); Minneapolis Institute of Art, USA, (2015); Museo LACMA,

Los Angeles, USA, (2015); Institute du Monde Arabe, Parigi, Francia (2016); Smithsonian

National Museum African Art, WA, USA (2017); Museo di Marrakech, Marocco (2018);

Museo NOMA, New Orleans, USA (2018).

Controllo di autoritàVIAF (EN5859805 · CERL cnp00579469 · WorldCat Identities (ENviaf-5859805